La scoperta del premio Nobel Linus Pauling e del Dr. Rath sulle vere cause delle malattie cardiache

9 Commenti

pauling rath malattie cardiache

Linus Pauling, chimico e vincitore del Nobel per la chimica, sosteneva che le sostanze specifiche inibitrici della Lp (a), assunte per via orale impediscono la formazione della placca nelle arterie e possono anche sciogliere quelle già esistenti. Questo lavoro si basa su almeno 2 premi Nobel per la medicina e gli sforzi di innumerevoli ricercatori medici. La teoria e le conclusioni offerte rappresentano il contributo finale di una gigante ricerca scientifica americana. Il fatto che non avete sentito parlare di questa scoperta nei media principali è inquietante. E la dice lunga su come gli interessi delle big pharma possono in qualche modo sopprimere informazioni vitali che sarebbero dannose per i loro interessi finanziari. Nel 1989, l’eminente scienziato americano Linus Pauling e il suo socio, il medico Matthias Rath, fecero un’importante scoperta.

Pauling e Rath hanno trovato la ragione per cui gli esseri umani soffrono di malattie cardiache

Poi, nel 1991, Linus Pauling ha inventato una cura non soggetta a prescrizione. Il due volte premio Nobel, chimico e ricercatore vincente sostiene che la malattia cardiaca può essere controllata, anche guarita, da una specifica terapia “mega-nutriente”. I malati di cuore con la terapia di routine di Pauling potevano evitare l’intervento chirurgico a cuore aperto detto angioplastica. Non abbassa il colesterolo, come i media vorrebbero farci credere, ma attacca la causa principale. Un recupero rapido è stata la regola, non l’eccezione. Stranamente, non ci sono effetti collaterali negativi, ma la professione medica ignora Pauling e Rath.

L’arteriosclerosi è un deposito di placche. Questo importante risultato ha portato al premio Nobel nel 1985 Brown-Goldstein per la medicina. La confusione nei media è stata quella di invertire l’effetto con la causa. Ovvero l’errore è stato nel considerare il colesterolo come la causa delle malattia cardiache, ma l’accumulo di placca è invece solo l’effetto della malattia. G. C. Willis, MD, ha fatto l’osservazione cruciale nei primi anni ’50. Questo medico canadese, ha notato che le placche aterosclerotiche nei suoi pazienti si formano negli stessi punti. Di solito vicino al cuore, dove i vasi sanguigni sono allungati e piegati. Willis è stato il primo a coinvolgere le alte pressioni di sangue e lo stress meccanico causato dal battito cardiaco. La teoria di Pauling e Rath si basa su questa osservazione, che la placca non si forma casualmente nel flusso sanguigno. Di conseguenza, è improbabile che la causa primaria delle lesioni che portano a malattie cardiache siano i “veleni” circolanti nel sangue.

Quali sono le cause delle fratture da stress nelle pareti dei vasi sanguigni, che portano alle malattie cardiache?

La teoria unificata Pauling / Rath  accusa la mancanza di una specifica proteina causata da una carenza di vitamina specifica. Immaginate un tubo da giardino continuamente calpestato 70-80 volte al minuto. Un destino simile alle arterie coronarie che alimentano il cuore. Come il tubo da giardino, le arterie perdono la loro forza e stabilità nel tempo. Secondo Pauling, solo dopo crepe o fratture da stress compaiono le placche aterosclerotiche che portano alla malattia coronarica.

 

La proteina che previene le malattie cardiache

La lipoproteina (a)  o Lp (a) è una variante del cosiddetto colesterolo “cattivo” LDL. Lp (a) è una sostanza “appiccicosa” nel sangue che Pauling e Rath ritengono inizi il processo di formazione di placche aterosclerotiche nelle malattie cardiache. Nel 1985 il Premio Nobel per la medicina è stato assegnato per la scoperta dei siti di legame del colesterolo. Si può pensare a un recettore chimico come una serratura semplice e una chiave. Una sola chiave (ad esempio la lisina) si adatta alla serratura (recettore sulla molecola Lp (a).) Ci possono essere molteplici recettori presenti sulla molecola, ma una volta che sono tutti riempiti con le chiavi (la lisina o prolina) la Lp (a)  perde la sua capacità di legarsi con altre sostanze. Quando tutte le serrature della la Lp (a) hanno una chiave, non sarà più in grado di creare la placca. Una volta che Linus Pauling ha appreso che la Lp (a) ha recettori per la lisina, ha saputo contrastare il processo di aterosclerosi chimicamente. La sua invenzione, la terapia Pauling, è quella di aumentare la concentrazione di questo acido essenziale e non tossico nel siero del sangue. Integratori di lisina e prolina ne aumentano la concentrazione. Maggiore è la concentrazione di lisina libera (e prolina) nel sangue,  più è probabile che molecole di Lp (a) si leghino ad essa piuttosto che al colesterolo,  e si appiccichi alle pareti arteriose.

Secondo Pauling, un’elevata concentrazione di lisina libera può distruggere le placche esistenti. Se non si assume abbastanza vitamina C per la produzione di collagene, i vasi sanguigni si infossano verso il basso, quindi la Lp (a) della placca è di grande beneficio. È sufficiente rimuovere la placca senza ripristinare la vena o l’arteria, è come strappare una crosta da una ferita. Il corpo ha bisogno di vitamina C in modo che le vene e le arterie possano guarire. L’aterosclerosi è un processo di guarigione. Come una crosta,le placche si formano dopo una lesione alla parete dei vasi sanguigni. Questi inibitori di legame (vitamina C / lisina) sono completamente atossici. Sono anche gli elementi di base del collagene. La teoria unificata accusa la scarsa produzione di collagene nelle malattie cardiache. Pertanto, la terapia Pauling non solo scioglie la placca, ma attacca la causa principale stimolando la produzione di collagene nel corpo.

Con abbastanza collagene, le arterie rimangono forti

La teoria Pauling e Rath postula che la causa principale dei depositi di placca aterosclerotica è dovuta a una carenza cronica di vitamina C che limita il collagene nel corpo. Molte ricerche sperimentali sostengono questa teoria. Accurati studi sugli animali che non producono in modo endogeno la vitamina C, dimostrano che quando l’assunzione di questa vitamina è bassa, la produzione di collagene è limitata, e i vasi sanguigni tendono a diventare più sottili e più deboli. I depositi di placca si formano per compensare questa debolezza. Tali animali sono rari. I grandi studi sulla popolazione supportano anche l’idea che l’assunzione di vitamina C abbassa l’incidenza di malattie cardiovascolari e abbassa i tassi di mortalità.

Le malattie cardiache sono scorbuto- croniche

Senza placche, i vasi sanguigni indeboliti si romperebbero o ci sarebbero delle perdite di sangue che causerebbero una morte lenta da emorragia interna. Una versione più lenta dello scorbuto, malattia a lungo temuta dagli antichi marinai. Lo scorbuto acuto può essere prevenuto con una semplice integrazione di 10 mg di vitamina C al giorno. Questo processo di per sé uccide raramente le persone, ma la placca che fodera le arterie rende più probabile un attacco di cuore causato da un coagulo di sangue che blocca la circolazione. E ‘attualmente sconosciuta la quantità di vitamina C che previene le placche aterosclerotiche da scorbuto cronico, ma Linus Pauling spesso raccomanda 3000 mg. Per molti anni, il colesterolo LDL ordinario è stato incolpato perché suoi livelli elevati sono stati correlati con la malattia del cuore. Altri scienziati hanno correlato elevati di omocisteina e colesterolo ossidato. Anche in questo caso, la confusione è causa ed effetto. Se il colesterolo provoca crepe o lesioni, la placca deve essere distribuita in modo più casuale in tutto il flusso sanguigno. Secondo la teoria unificata Pauling / Rath, sia omocisteina elevata e sia il colesterolo ossidato sono i sintomi di scorbuto.

Loading...

Finalmente la medicina tradizionale si mette al passo con Pauling?

Il team di ricerca tedesco del Dr. Rath ha esaminato la placca delle aorte umane (vasi sanguigni vicino al cuore) post mortem. Ha scoperto che le placche aterosclerotiche sono composte principalmente da Lp (a) e colesterolo LDL. La scienza medica tradizionale ha riconosciuto dal 1989 che la Lp (a) si lega al colesterolo LDL per formare la placca. Il Dr. Rath, si rese conto che la Lp (a) è stata collegata in qualche modo con la vitamina C e si è unito al Linus Pauling Institute of Science and Medicine. Insieme, Pauling e Rath hanno sviluppato la loro teoria unificata che sostiene che un aumento di Lp (a) agisce come un surrogato per bassi livelli di vitamina C e  indurisce i vasi sanguigni deboli. I loro esperimenti per testare la loro teoria hanno dimostrato che l’assunzione di bassi livelli di vitamina C aumenta i livelli ematici di Lp (a) in animali di laboratorio, rispetto al controllo. Un risultato importante è che questa Lp (a) appiccicosa è stata trovata solo in pochissime specie animali che non producono la propria vitamina C, compresi gli esseri umani. La maggior parte degli animali producono la vitamina C nel fegato o reni in grandi quantità (da 9.000 mg a 12.000 mg adattata al peso corporeo) e non hanno Lp (a) nel sangue, e raramente soffrono di malattie cardiovascolari. Noi esseri umani siamo quasi gli unici sulla Terra che dobbiamo ottenere la nostra vitamina C del tutto dalla dieta.

La scienza ha conosciuto per quasi due decenni che il danno alle pareti dei vasi sanguigni (o lesioni) sono una condizione necessaria per la formazione di placche aterosclerotiche negli  esseri umani. Le teorie più popolari sul motivo per cui si verificano queste lesioni sono:

  • Colesterolo ossidato nel sangue
  • Elevati livelli di omocisteina e ossidati nel sangue

Queste teorie in competizione devono essere in grado di spiegare perché le malattie cardiovascolari occlusive non si verificano negli animali, e perché l’infarto del nell’uomo solito si verifica nelle arterie in posizioni in cui è presente stress meccanico (pressione sanguigna, flessione arteriosa stretching, ecc), piuttosto che distribuito in modo più casuale in tutto il corpo. Queste due osservazioni sono i cardini della teoria della vitamina C e lisina. Inoltre, i primi risultati dei medici canadesi Patterson e Willis non devono essere dimenticati. La loro ricerca ha indicato che i livelli di acido ascorbico nel tessuto arterioso sono molto più bassi nei pazienti con malattie del cuore rispetto ai controlli, e che l’integrazione di vitamina C  potrebbe ridurre i depositi arteriosi. Questo lavoro pionieristico sarebbe dovuto essere immediatamente seguito.

 

lisina camu camu

Disclaimer: Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione vietata senza il consenso scritto dell'autore.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
Loading...

9 Commenti su questo post

  1. ALDO DI BELLO says:

    SARA’ ANCHE VERO, ma a me le informazioni alternative, come questa sopra, che poi finiscono con l’offerta di un farmaco da acquistare, mi lasciano perplesso . Voi altri lettori, cosa ne pensate ?

    • dioni says:

      Ciao Aldo,
      Ti consiglio di parlarne con il tuo medico quando ti prescrive le medicine 🙂

  2. Carlo Saverio Carlotta says:

    Riccardo bravissimo, ti conosco da poco ma voglio seguirti…da anni mi curo con alimentazione e terapie parallele ed ho avuto grande grandissimo giovamento e guarigione…
    Bravo ho inviato un tuo articolo ad un’amica che gli hanno diagnosticato un tipo di tumore ” dormiente” …quando le cellule stanno lì lì ma potrebbero esplodere ecc ecc proverò a parlarle o e a scriverle, e il tuoi articoli insieme alle mie conoscenze mi saranno utili….
    Grazie sei un mito
    Ciao Carlo Saverio

  3. mario says:

    concetti tutti interessanti, ma ci sono studi medici che abbiano documentato una qualche efficacia e poi quale è il dosaggio da assumere per l’effetto terapeutico ? …. altrimenti come molta della “medicina alternativa” è solo aria fritta…

    • dioni says:

      Ciao Mario, nel video trovi la conferenza del Dr. Rath dove parla degli studi scientifici fatti. E’ inglese, come del resto tutta la pubblicazione scientifica internazionale

  4. mario says:

    ho dato una letta anche ai suoi libri, ma mi sembra un gran minestrone di teorie senza nessun protocollo definito

  5. mario says:

    protocollo confuso e anche pericoloso (dosi troppo alte di vit e) … e diverso da quello di Pauling che comprende dosi molto più alte di vit c, prolina e lisina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close