pesticidi infertilità maschile

L’infertilità, ovvero l’incapacità di concepire un figlio, colpisce il 12-16% delle coppie durante la vita utile riproduttiva e nel 30% dei casi è dovuto ad un problema di infertilità maschile. Inoltre le statistiche mostrano che si sta assistendo ad un progressivo peggioramento della qualità dello sperma che avrà conseguenze gravi a livello relazionale, psicologico e sociale soprattutto nei prossimi anni.

Molte tossine hanno un impatto sulla capacità riproduttiva e i pesticidi possono spiegare parzialmente il declino della qualità dello sperma. Già negli anni ’70 si osservò un grande numero di casi di infertilità maschile nelle fabbriche dei pesticidi.

Un recente studio di Harvard conferma: consumare frutta e verdura con residui di pesticidi elevati riduce di quasi il 50% la qualità e quantità dello sperma, compromettendo la capacità di mettere al mondo un bambino.

Notoriamente dannosi per la salute, in grado di danneggiare il DNA e favorire il cancro, i pesticidi hanno effetti negativi anche sulla fertilità. In particolare, la ricerca ha rivelato che gli uomini che mangiano frutta e verdura caratterizzati da alti livelli di residui di pesticidi avevano un numero più basso e una percentuale inferiore di spermatozoi rispetto a coloro che invece erano soliti consumare prodotti caratterizzati da livelli più bassi di pesticidi.

Gli alimenti più “rischiosi” secondo l’analisi americana sono ad esempio mele, fragole, lattuga, spinaci e peperoni e in generali quelli che avevamo elencato nella lista Quanti Pesticidi ci sono in frutta e verdura – I più contamianti – Come rimediare. E gli uomini che li preferivano ne mostravano i segni. Quello condotto dai ricercatori della Harvard TH Chan School of PublicHealth è il primo studio a esaminare il legame tra l’esposizione a residui di pesticidi da frutta e verdura e la qualità dello sperma.

I ricercatori hanno utilizzato i dati di 155 uomini usando ben 338 campioni di seme forniti nel periodo compreso tra il 2007 e il 2012, insieme alle informazioni sulla dieta condotta dai partecipanti. I ricercatori hanno classificato frutta e verdura in base alla quantità elevata di residui di pesticidi (come peperoni, spinaci, fragole, mele, pere) o bassa (come piselli, fagioli, pompelmo, e cipolle), sulla base dei dati del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti.

Hanno poi tenuto conto di altri fattori, come fumo e massa corporea noti per influenzare la qualità dello sperma. Hanno poi cercato di evidenziare le connessioni tra l’assunzione da parte degli uomini di prodotti contenenti pesticidi e la qualità del loro sperma.

 

I risultati hanno dimostrato che la quantità consumata di frutta e verdura non ha importanza. Il fattore determinante è stato il consumo o meno di frutta e verdura ad elevati livelli di pesticidi.

I risultati hanno mostrato che gli uomini che consumavano spesso frutta e verdura con alti livelli di pesticidi residui (più di 1,5 porzioni quotidiane), avevano il 49% di spermatozoi in meno al giorno e il 32% in meno di spermatozoi normali rispetto agli uomini che invece ne consumavano una minor quantità (meno di mezza porzione al giorno). Presentavano inoltre un tasso inferiore di sperma.

“Questa è la prima relazione che collega il consumo di residui di pesticidi nella frutta e verdura, la via dell’esposizione primaria per la maggior parte delle persone, all’effetto nocivo sulla salute riproduttiva degli esseri umani”, ha detto Jorge Chavarro, professore di nutrizione ed epidemiologia e autore della ricerca.

Diversi studi hanno dimostrato che il consumo di frutta e verdura si traduce in livelli di pesticidi misurabili nelle urine. Altri hanno scoperto associazioni tra l’esposizione professionale e ambientale a pesticidi e una minore qualità del seme. Ma pochi avevano messo in relazione il consumo di residui di pesticidi negli alimenti agli effetti sulla salute, e nessuno aveva esaminato gli effetti sulla qualità dello sperma.

“Questi risultati non dovrebbero scoraggiare il consumo di frutta e verdura in generale”, ha precisato Chavarro. “In realtà, abbiamo scoperto che consumare più frutta e verdura con residui di pesticidi basso o nullo è benefico. Ciò suggerisce che l’attuazione di strategie mirate a evitare residui di pesticidi come ad esempio consumare prodotti da agricoltura biologica o evitare i prodotti che notoriamente hanno grandi quantità di residui, può essere la strada da percorrere”.

Infatti, come gli autori fanno notare, studi precedenti hanno dimostrato che l’assunzione di frutta e verdura è positivamente correlata ai livelli di metaboliti urinari di pesticidi piretroidi (Fortes et al., 2013) e che sostituendo i prodotti coltivati convenzionalmente con prodotti biologici si riduce drasticamente i livelli di metaboliti urinari di pesticidi organofosfuri. Una recente analisi ha rivelato che mangiare biologico per una settimana riduce i livelli di pesticidi nel corpo del 90%.

Come rimediare ai pesticidi e migliorare la fertilità maschile

  1. Consumare cibi che in genere hanno meno pesticidi, evitando quelli più trattati o che ne assorbono di più come mostrato in questa lista.
  2. Acquistare il più possibile prodotti biologici (soprattutto quelli che nel metodo convenzionale hanno un alto contenuto di pesticidi)
  3. Lavare bene frutta e verdura, lasciandola in ammollo con un cucchiaino di argilla
  4. Il digiuno e la disintossicazione sono un ottimo modo per eliminare le tossine e rigenerare i tessuti
  5. La maca e l’he shou wu sono ottimi integratori per migliorare la qualità dello sperma
  6. Carote e crucifere (cavoli e broccoli) sono ottime verdure per la fertilità maschile
  7. Per chi ha problemi di impotenza, l’aglio è considerato un viagra naturale

Leggi anche

Le bustine di tè contengono pesticidi oltre la norma

La verità sulle MELE della Val di Non e i pesticidi nelle urine

Come aumentare il testosterone naturalmente

 

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni