pillola anticoncezionale cervello

La pillola anticoncezionale è un contraccettivo molto popolare tra le donne, in tutto il mondo sono circa 100 milioni a utilizzarla ogni giorno, ma può avere controindicazioni anche gravi.

Senza alcun dubbio ha contribuito a rivoluzionare il concetto di contraccezione, ma come ogni farmaco può causare effetti collaterali indesiderati. Per esempio, molti studi hanno dimostrato che l’assunzione della pillola anticoncezionale peggiora il metabolismo e l’emotività, a causa dell’azione svolta sul nostro sistema endocrino.

Ci sono anche ricerche più “curiose” che hanno osservato come l’alterazione ormonale indotta dalla pillola influenza la donna nella scelta del partner, modificando così la sua naturale preferenza.

Va tenuto in conto che l’assunzione della pillola è stata anche collegata all’aumento del rischio per alcuni tipi di tumore (sebbene sembra protettiva per altri).

Il cervello umano reagisce agli ormoni sessuali che viaggiano in tutto il corpo. Questi ormoni hanno forti influenze sul cervello e sul sistema nervoso, e in realtà svolgono ruoli importanti quando si tratta dello sviluppo e del funzionamento del cervello. Gli estrogeni influenzano l’ippocampo, che determina la memoria a lungo termine, l’orientamento e la navigazione. L’ippocampo produce effettivamente estrogeni e androgeni dal colesterolo nel sangue.

Questo aiuta a spiegare perché ci sono differenze nella formazione della memoria tra uomini e donne. Uno studio del 2009 pubblicato sulla rivista Acta Psychologica Sinica ha rilevato che le donne tendono ad avere una memoria episodica migliore a lungo termine quando eventi o esperienze tendono ad essere di natura verbale, nel senso che sono associate a parole che sono state ascoltate, parlate o scritte. La memoria visuo-spaziale, associata a immagini, immagini o altri indizi visivi, è un’altra forma di memoria episodica. Le donne tendono ad avere una memoria migliore a lungo termine a causa della maggiore presenza di estrogeni nel corpo e della sua interazione con il cervello.

A queste ricerche si aggiunge il fatto che la pillola anticoncezionale potrebbe essere collegata ad alterazioni neurologiche, grazie a degli studi che hanno scoperto che questo contraccettivo orale provoca l’assottigliamento di due diverse regioni del cervello, con conseguente molto probabile alterazione della loro funzione.

pillola anticoncezionale cervello emozioni

Effetti della pillola anticoncezionale sul cervello

Per questo studio gli scienziati dell’Università della California, Los Angeles (UCLA) hanno indagato 90 donne, 44 delle quali stavano assumendo contraccettivi orali, le restanti no. Erano interessati a confrontare lo spessore e il volume di diverse regioni dell’encefalo che partecipano a creare la rete di connessioni cerebrali: quella che partecipa al controllo cognitivo e quella che partecipa al controllo emotivo.

  • La parte cognitiva serve a selezionare tutti gli stimoli interni ed esterni che ci si presentano, come il dolore o un rumore distante, per identificare il più rilevante e farci comportare di conseguenza.
  • La parte emotiva è più attiva quando siamo a riposo, per esempio se si sogna a occhi aperti o se si sta pensando al futuro.

Come descritto nello studio pubblicato su Human Brain Mapping, i ricercatori hanno scoperto che in particolare due regioni, la corteccia orbitofrontale laterale e la corteccia cingolata posteriore, tendevano a essere più sottili nelle donne che assumevano la pillola.

  • La corteccia orbitofrontale laterale ci aiuta a regolare le emozioni e si pensa che possa aiutarci ad adattare il nostro comportamento in risposta a stimoli positivi o negativi esterni.
  • La corteccia cingolata posteriore ci aiuta a valutare le nostre emozioni interne.

I ricercatori hanno comunicato all’Huffington Post che queste modifiche potrebbero spiegare il motivo per cui alcune donne quando iniziano ad assumere la pillola sperimentano effetti collaterali emotivi negativi, come ansia e depressione.

Come sottolinea il Medical News Today, poiché gli ormoni sessuali, come gli estrogeni, influenzano fortemente il cervello e il sistema nervoso, è logico che i contraccettivi contenenti ormoni possano esercitare effetti collaterali su queste zone dell’organismo.

Detto questo, non è ancora chiaro se le alterazioni osservate fino ad ora siano permanenti o se scompaiano quando la donna interrompe l’assunzione della pillola.

Gli scienziati concludono che sono necessari ulteriori studi per determinare con precisione il ruolo della pillola nei cambiamenti cerebrali.

E’ importante essere consapevoli dei rischi, oltre che dei benefici quindi. Esistono in commercio delle soluzioni naturali che si basano su tecnologie a controllo computerizzato del ciclo mestruale indica alla donna i giorni sicuramente NON-fertili e quelli potenzialmente fertili. Ecco i link di seguito per approfondire su questi prodotti.

Riferimenti scientifici
– Andreano JM, Cahill L, Petersen N, Touroutoglou A. Oral contraceptive pill use is associated with localized decreases in cortical thickness. Human Brain Mapping. 2015.
– Herlitz A and Loven J. Sex Differences in Cognitive Functions. Acta Psychologica Sinica. 2009.
– Aichhorn M, Bergmann J, Kronbichler M et al. Menstrual cycle and hormonal contraceptive use modulate human brain structure. Brain Research. 2010.

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni