Poltergeist. Cos'è e perché riguarda i bambini

Nessun Commento

poltergeist

Il termine POLTERGEIST è una parola che deriva dalla lingua tedesca e che tradotta significa: “spirito chiassoso”. Viene oggigiorno utilizzata per descrivere tutti quei fenomeni come lo spostamento di oggetti, il rompersi di piatti, lo sbattere di porte, ma anche voci e rumori non riconducibili ad azione umana ne a fenomeno naturale.

L’esempio più illustre e della nostra terra è sicuramente Gustavo Rol. Concentratevi per un minuto su: viaggi temporali, lettura di libri chiusi, veggenza selettiva, endoscopia, psicocinesi, apporti, scrittura automatica, chiaroveggenza, telepatia, guarigioni, bilocazione e altri fenomeni… pensate a queste facoltà paranormali concentrate in un’unica persona e avrete così una vaga idea di cosa potesse essere capace Gustavo Adolfo Rol.
Rol era un uomo umile, elegante, gentile. Torinese d’origine, laureato in legge ed in scienze economiche, durante la sua vita era stato intervistato da una moltitudine di giornalisti, ai quali aveva sempre fatto capire che ciò di cui era capace, era possibile per tutti: bastava volerlo.

Propongo ora alcuni passi tratti da diversi testi, buona lettura.

di Lyall Watson, tratto dal testo “Super natura” ed. Rizzoli

Una cosa intangibile come la mente, che non è mai stata vista, valica il fossato tra il reale e l’irreal creando energia nervosa, la quale dirige l’energia muscolare, che muove gli oggetti fisici. C’è solo un passo per giungere da questa situazione alla psicocinetica, tutto quello che dobbiamo fare è riempire il vuoto all’altra estremità. I russi forse hanno fatto proprio questo.

La relazione tra corpo e mente è ancora un mistero totale.

Sir John Eccles, un grande neurofisiologo australiano, ha descritto il cervello come un sistema di «10.000 milioni di neuroni… momentaneamente in riposo vicino a una soglia di eccitabilità. E’ il tipo di macchina che uno spirito potrebbe operare, se uno spirito è anzitutto un agente la cui azione è sfuggila all’indagine degli strumenti più perfezionati» (92). Questo spirito nella macchina della psicocinetica sembra essere stato scovalo dai sensibili stru­menti di Sergeyev e Kìrlian. Potrebbe anche essere lo stesso tipo dì “spirito” che i tedeschi chiamano poltergeist, lo spirito che fa rumore.

di Ugo Dèttore, tratto dal testo “L’altro Regno” edito da Bompiani nel 1973

Bisogna distinguere tra i fenomeni di vera infestazione e quelli di Poltergeist: i primi sono legati a un dato luogo, che può essere anche disabitato o i cui abitatori possono cambiare senza che i fenomeni subiscano alterazioni; i secondi sono legati a un dato ambiente solo in apparenza: in realtà, perché avvengano, è necessaria la presenza di una data persona, generalmente un ragazzo o una ragazza nell’età dello sviluppo, allontanata la quale i fenomeni non si manifestano più, per seguire, in genere, la persona stessa nel nuovo ambiente in cui si reca. La persona, perlomeno in un primo tempo, è ignara delle sue facoltà e non pensa minimamente a manifestarle.
I fenomeni sono di varia natura: rumori nei muri e nei mobili (v. raps), oggetti che si vuotano da soli, tazze, brocche e bicchieri che si infrangono al suolo, piogge di sassi, campanelli che squillano, fuochi che si accendono spontaneamente: in sostanza gli stessi che si producono nei casi di infestazione a eccezione delle apparizioni fantomatiche, che sono caratteristiche di quest’ultimo fenomeno. Quasi sempre hanno carattere intelligente, ossia si comportano come se fossero guidati in qualche modo da una mente: con i colpi nei muri e nei mobili si può talora intavolare un colloquio per mezzo della tipologia; gli oggetti che si spostano, talora con violenza, di rado colpiscono le persone, perlomeno in modo da ferirle, e, se lo fanno, sembra che abbiano voluto farlo espressamente, per punirle o offenderle. I parapsicologi americani della scuola quantitativa (v. quantitativo, metodo) chiamano questo fenomeno “psicocinesi ricorrente spontanea” (Recurrent Spontaneous Psychokinesis) e lo indicano comunemente con la sigla RSPK.
Il Poltergeist è conosciuto fin dall’antichità: se ne parla in un libro cinese scritto un migliaio di anni fa; nel Medioevo e nelle epoche successive se ne trovano descrizioni in tutte le parti nel mondo; nel Seicento e nel Settecento erano comuni nelle case abitate dalle cosiddette streghe, molte delle quali pagarono con la vita le conseguenze di una manifestazione paranormale di cui non avevano certo alcuna colpa. Un caso tipico, evidentemente collegato con la presenza di una bambina di 11 anni, fu riferito,nel 1666,dal reverendo Joseph Glanvill, membro della Royal Society, in Inghilterra. Nel 1772, pure in Inghilterra, sono documentati i fenomeni avvenuti nella casa della signora Golding, collegati con la presenza di una giovane cameriera.
Già il celebre fisico francese J.F. Arago, nel 1846, dopo aver studiato il caso della giovinetta Angela Cottin, aveva supposto che i fenomeni fossero causati da un’energia invisibile sprigionata dalla fanciulla. Negli ultimi anni del secolo scorso, Podmore notò che il Poltergeist si manifesta di regola in case dove vi sono ragazzi, e, molto semplicisticamente, ne trasse la conclusione che doveva trattarsi di scherzi da loro messi in atto per divertirsi alle spalle degli adulti. Ma ricercatori come William Barrett e Charles Richet dovettero riconoscere, circa nella stessa epoca, che perlomeno alcuni dei fenomeni non potevano in alcun modo attribuirsi ai supposti burloni e facevano pensare a una sorgente di energia psichica ancora sconosciuta. Fra gli studi più recenti è da ricordare quello condotto, con ogni rigore scientifico, da J.G. Pratt e W.G. Roll per incarico del Laboratorio di Parapsicologia della Duke University, nella casa del signor Herrmann a Seaford, studio che si concluse con il riconoscimento della veridicità dei fenomeni.

Lo psicoanalista Nandor Fodor ha sostenuto che l’energia psichica responsabile del fenomeno proviene dall’inquieto inconscio di giovanetti in un’età in cui maturano le prime esigenze sessuali e urtano contro inattese inibizioni; e questa teoria è accettata oggi da quasi tutti i metapsichisti. Fodor ha notato che il Poltergeist può anche essere provocato da adulti i quali portino con se turbe psichiche di carattere sessuale risalenti all’infanzia: egli studiò infatti una signora, violentata all’età di sette anni, che provocava imponenti fenomeni di questo genere. Di qui il carattere spesso malevolo del Poltergeist, che sembrava voler sfogare oscure ostilità e mettere in atto segrete vendette: manifestazioni tutte dei profondi attriti tra genitori e figli o dell’inconscio spirito vendicativo di un adulto che sia stato sessualmente offeso nella fanciullezza. Anche Owen, tra i più recenti studiosi del fenomeno, conferma le affermazioni di Fodor.
In alcuni casi, tuttavia, il Poltergeist, anche se legato alla presenza di ragazzi, assume un aspetto più complesso e organico che lo avvicina all’infestazione vera e propria e ai fenomeni medianici di possessione. Il seguente episodio è riferito dalla celebre medium e studiosa di fenomeni paranormali Eileen Garrett, nel suo libro di memorie “Avventure nel soprannaturale” (Adventures in the Supernormal, 1943). Nella casa di un ammiraglio inglese, che vi abitava con la moglie e i figli, uno dei quali adolescente, cominciarono a sentirsi rumori nell’armadio delle scarpe, le quali spesso, venivano trovate fuori posto. Poiché il ragazzo minore, in egual tempo, dava segni di nervosismo, fu mandato per qualche tempo in campagna e i fenomeni cessarono. Fin qui abbiamo dunque un caso tipico di Poltergeist. Ma poco dopo le manifestazioni ripresero in modo più imponente: passi per le stanze, bicchieri e caraffe che, sotto gli occhi sbigottiti dell’ammiraglio, scivolavano lungo il tavolo e andavano a fracassarsi per terra. La Gerrett, interessata al caso, in stato di trance spiego, o credette di spiegare, il mistero di questi fenomeni: certo è che, in seguito alle sue comunicazioni medianiche, tutto tornò normale. Ella si mise infatti, o fu come se si mettesse, in contatto con un fratello della madre dei ragazzi, morto due anni prima, il quale, per una improvvisa antipatia per la sorella, causata dalla sua malattia, aveva lasciato il suo ingente patrimonio non a lei ma a un lontano cugino. Vi era però un secondo testamento che il defunto voleva rivelare; dapprima aveva tentato di esprimere il suo desiderio spostando delle scarpe, poiché la sorella sapeva che egli era solito nascondere nelle scarpe i suoi scritti. Si era servito per questo della medianità del nipote più giovane, che era il suo prediletto. Ma, venuto meno questo tentativo, aveva continuato a produrre i fenomeni per attrarre l’attenzione della famiglia. In seguito a queste comunicazioni della Garrett fu cercato il secondo testamento, che venne trovato in uno stanzino; il cugino favorito dall’eredità, ricco di suo e colpito dalla stranezza dei fatti, restituì alla sorella del defunto l’intera sostanza e i fenomeni cessarono.
Il caso è difficilmente spiegabile perché non si vede con precisione chi potesse essere il medium dopo l’allontanamento del ragazzo, e come questa medianità, quale che ne sia stata l’origine, si sia integrata con quella della Garrett per giungere in modo coerente al fenomeno di chiaroveggenza che doveva portare alla scoperta del testamento. Tra le varie ipotesi possibili (ad esempio la medianità chiaroveggente della madre che influenza telepaticamente la Garrett) non sembra antiscientifico ammettere anche quella spiritista.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline