Come preparare gli impacchi di cavolo che rimuovono il dolore durante la notte

4 Commenti

impacco di cavolo

E’ risaputo che il cavolo stimola i gas naturali, ma offre tanti vantaggi che è strabiliante quello che riesce a fare un impacco con il cavolo.

Numerosi studi hanno dimostrato che è possibile ridurre il rischio di varie condizioni di salute, dal diabete alle malattie cardiache. Il cavolo cappuccio è una varietà di Brassica oleracea ed è ricca di proprietà benefiche. Può essere utilizzata per vari disturbi, ed è molto efficace nel caso di indigestione, nonché lievi ferite.

Ad esempio, se viene mischiato con crescione, mirtilli neri secchi e camomilla, possiamo usare questo miscuglio per trattare efficacemente un eczema.

Una donna ha usato le forti proprietà antinfiammatorie delle foglie del cavolo per curare i suoi dolori articolari. Essa ha fatto degli impacchi di foglie calde di cavolo sul ginocchio, ha aspettato qualche minuto in modo che le foglie diventassero tiepide e ha chiuso con delle bende la parte interessata, in seguito ha avvolto il tutto con della pellicola trasparente affinché il calore fosse trattenuto.

L’uso ripetuto di questo trattamento per un mese ha fatto scomparire il dolore al ginocchio della donna.

Questo è solo uno dei numerosi usi delle foglie di cavolo. Ecco ciò che dovete sapere in merito a questo ortaggio dalle proprietà nutritive e benefiche.

Diabete

Il cavolo rallenta in modo efficace l’assorbimento dello zucchero nelle persone a rischio di diabete, è molto utile anche a coloro che già soffrono di diabete di tipo 1.

E’ ricco di fibre e quindi supporta l’assorbimento del glucosio in eccesso.

In caso di diabete:

  • Mangia almeno tre volte al giorno piatti che contengano questo ortaggio.
  • Consuma succo di cavolo almeno due volte al giorno.
  • Bevi il brodo di cavolo bollito e aggiungi un po’ di limone se desideri arricchirne il gusto.

Malattie cardiache

Le foglie del cavolo rosso contengono sostanze come l’antocianina, il suo pigmento solubile in acqua, combatte le infiammazioni. Inoltre il cavolo è ricco di polifenoli utili a ridurre la pressione del sangue, e anche nella prevenzione delle malattie cardiache.

Trattamento utile da seguire in caso di malattie cardiache:

  • Per ottenere risultati migliori usare le foglie esterne del cavolo.
  • Sostituisci la lattuga con il cavolo nelle insalate
  • Assumi almeno due cucchiai di brodo di cavolo quotidianamente
  • Bevi un bicchiere di succo di cavolo ogni giorno

Problemi di digestione

Il cavolo fermentato è estremamente efficace per quanto riguarda la digestione, come ad esempio il kimchi (piatto tradizionale coreano fatto di verdure fermentate con spezie) e crauti, questi alimenti, fungono da probiotici e aumentano l’assorbimento dei minerali e vitamine inoltre i suoi enzimi spingono letteralmente il cibo nel tubo digerente.

Utilizzi in caso di problemi allo stomaco e alla digestione:

  • Per combattere in modo efficace la stitichezza, includi il cavolo crudo o cotto nei tuoi pasti.
  • Nei casi di ulcere allo stomaco, è meglio assumere il succo di cavolo in capsule.
  • Allo scopo di trattare la diarrea, bevi succo di cavolo tra i pasti.

Unghie incarnite

Le foglie di cavolo sono in grado di spurgare il pus dalle unghie incarnite del tuo piede.

Ecco il modo in cui si possono utilizzare:

  • Riponi le foglie sulla parte interessata ed effettua un bendaggio di ampie dimensioni.
  • Lascia agire le foglie per tutta la notte in modo che il trattamento faccia effetto.
  • E’ necessario ripetere questa operazione fino a quando non si risolve il problema.
  • Cambia le foglie quotidianamente.

Alleviare il dolore

Le foglie di cavolo riducono il dolore e curano le infiammazioni.

Secondo uno studio condotto dall’università del Missouri, l’apigenina, (antiossidante presente nel cavolo) possiede potenti proprietà anti-infiammatorie.

Quindi gli impacchi di foglie di cavolo possono essere molto utili anche in caso di disturbi e parti del corpo doloranti.

Preparare gli impacchi nel seguente modo:

Inizialmente bisogna lavare e asciugare bene le foglie del cavolo. Puoi utilizzare qualsiasi tipo di cavolo ma per ottenere risultati migliori, è preferibile usare le foglie di cavolo rosso. Procedi in questo modo:

  • Lava bene le foglie di cavolo, la quantità dipende da quanto è grande l’area interessata
  • Fai dei tagli sulla foglia di cavolo per far rilasciare del succo
  • Metti le foglie nel forno per scaldarle e toglile prima che scottino
  • Fissa le foglie con delle bende oppure usa dei cerotti adesivi.
  • Lasciare agire per tutta la notte.
  • Cambia le foglie ogni giorno.

Cura delle ferite

Il cavolo risulta particolarmente utile anche nel caso di ferite.

Procedi nel modo seguente:

  • Lava ed asciuga bene le foglie del cavolo.
  • Utilizza un mattarello per battere e tagliare le foglie .
  • Metti per un minuto le foglie nel microonde affinché sprigionino calore.
  • Applica le foglie sulla ferita e lasciale agire.
  • Inizialmente ripeti la procedura ogni 2 ore, in seguito ogni 4-5 ore.
Crauti al Naturale Bio
Crauti pastorizzati

Voto medio su 14 recensioni: Da non perdere

Manuale dei Cibi Fermentati
Come preparare olive in salamoia, sidro, kefir, dosa, insalatini, formaggio
di mandorle e tanti altri alimenti fermentati dalle elevate proprietà nutrizionali

Voto medio su 11 recensioni: Da non perdere

Miglio Bruno Bio Fermentato
Contiene silicio e tutte le sostanze nutritive del cereale integrale

Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

4 Commenti su questo post

  1. Moreno says:

    Ma le foglie non andavano scaldate? E come?

    • dioni says:

      Ciao Moreno, vanno messe in forno e tolte quando sono belle calde e poi applicate nella parte dolorante

  2. Sergio Zullo Sergio Zullo says:

    se non funziona te lo mangi co olio e aglio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline