Quando la Terra aveva due Lune

Nessun Commento

terra due lune

C’era una volta, tanto tempo fa, una Terra con due lune… Non è una favola, ma la realtà ipotizzata da alcuni ricercatori della Nasa impegnati nella missione Grail: il suo scopo, studiare i segreti ancora sepolti sotto la polvere lunare e appunto scoprire se mai, un giorno lontano, il nostro satellite possa aver avuto un gemello.

Secondo alcune teorie ancora tutte da dimostrare, infatti, svariati milioni di anni fa, osservando il cielo dal nostro pianeta, si sarebbero potute vedere due lune. “Un’ idea intrigante- afferma David Smith, componente del team di studio. “Sarebbe un ottimo modo per spiegare uno dei punti ancora inesplicati del sistema Terra-Luna, ovvero l’anomala asimmetria del nostro satellite. Il lato illuminato e quello oscuro sono sostanzialmente diversi .”

La faccia che noi da sempre vediamo splendere nelle notti sgombre da nubi è infatti caratterizzata da vasti mari di lava solidificata, mentre dall’altra parte la superificie è più mossa e connotata da altopiani. Gli scienziati si sono a lungo sforzati di trovare una giustificazione a queste differenze e la teoria delle lune gemelle, avanzata per primi da Martin Jutzi e da Erik Asphaug dell’Università della California di Santa Cruz , è l’ultimo tentativo in ordine di tempo.

Gli astronomi concordano sul fatto che in epoche remote – si parla di 4 miliardi di anni fa- la Terra si deve essere scontrata con un altro pianeta delle dimensioni di Marte. I detriti risultati dallo schianto cosmico si sarebbero poi agglomerati per formare l’attuale satellite. Ma per Jutzi e Asphaug la quantità di materiale espulso sarebbe stato sufficiente per formarne un altro, di dimensioni minori, che si sarebbe posto in orbita seguendo la traiettoria della Luna maggiore.

“Di solito, questi satelliti si fondono in un unico corpo poco dopo la loro formazione”, spiega Smith. “Ma la nuova teoria propone invece che la seconda Luna sia finita in uno dei punti di Lagrange del sistema Terra-Luna.” Con questo termine, in astronomia, si intendono quelle posizioni nello spazio in cui le forze di attrazione che agiscono su un corpo di massa minore si bilanciano creando una situazione di equilibrio. Ma nel caso della coppia lunare l’equilibrio si sarebbe spezzato.

La seconda luna, quella più piccola, grande circa un terzo, potrebbe essere sfuggita all’attrazione della Terra, andando a collidere con la sorella maggiore, ad una velocità però abbastanza bassa da non provocare un cratere da impatto. Al contrario, il satellite minore sarebbe andato a strisciare contro la superficie del lato nascosto, determinandone il suo aspetto attuale: gli altipiani sarebbero ciò che resta della luna scomparsa.

Le due sonde del progetto Grail stanno effettuando misurazioni estremamente precise del campo gravitazione lunare allo scopo di rivelare in modo definitivo come è distribuito il materiale all’interno della Luna e quali sono le differenze nella crosta e nel mantello sulle due facce. Se la densità della superficie del lato nascosto differisse in modo particolarmente evidente, la teoria della doppia luna troverebbe un sostegno importante.

Si tratta, dicono però gli scienziati, solo di una delle tessere che compongono il grande puzzle. “Ne servono altre, per dimostrare che un tempo esisteva davvero una coppia di satelliti. La Lunar Reconnaissance Orbiter della Nasa ha già provveduto a dare informazioni fondamentali sulla topografia lunare. Gli studiosi possono anche contare sui dati chimici ed ambientali raccolti in passato dalla varie missioni Apollo. Però, non basta”, ammette il ricercatore.

Per sciogliere in via definitiva l’enigma, sarebbe molto utile dare una nuova occhiata da vicino, esattamente 40 anni dopo l’ultimo viaggio con equipaggio umano- l’Apollo 17, nel 1972. E pensare che all’epoca si pose fine- almeno ufficialmente- all’esplorazione lunare adducendo come giustificazione il fatto che ormai la silenziosa compagna delle nostre notti non avesse più segreti da svelare…

Fonte http://scienza.panorama.it

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline