"Questo cancro è stato una grande benedizione"

8 Commenti

tiziano terzani

Mi sono reso conto che in verità non volevo una medicina per il mio cancro. Volevo una medicina per quella malattia che è di tutti che non è il cancro, ma la mortalità… Per me questo cancro è stata una grande benedizione, perché ero ricaduto nella routine della vita, e questo cancro mi ha salvato“. Tiziano Terzani

Quattro minuti splendidi di Tiziano Terzani, giornalista, viaggiatore, ricercatore spirituale che ormai dieci anni fa ha lasciato questo mondo, ma il suo ricordo è vivo in tutti noi grazie alle sue parole e ai suoi scritti.

Quello che segue sono degli estratti dall’ultima intervista rilasciata da Tiziano Terzani.

Signor Terzani, lei ha un tumore. Così le ha detto quel medico di Bologna?
Un tumore? Ne ho vari, un po’ di qua, un po’ di là. Ma la cosa divertente è che ci convivo da sette anni. E poi, io e quelli siamo una cosa sola e sarebbe stupido pensare: loro ammazzano me, io ammazzo loro. Ce ne andiamo insieme perché siamo cresciuti insieme: e con questo trovo che per me il cancro è stato una benedizione, perché ero ricaduto nella routine delle vita e questo cancro mi ha salvato. Perché all’invito di un ambasciatore a cena, a una conferenza stampa, a un viaggio a cui non ero più interessato, io posso sottrarmi. Il cancro è diventato una sorta di scudo, di divisione tra me e il mondo da cui volevo staccarmi. È curioso: io ero vissuto in Asia quasi trent’anni, ma quando si è trattato di scegliere che cosa fare non è che mi sono affidato a uno col pendolo, o all’altro con delle pozioni di erbe magiche raccolte nella foresta. Sono andato nel più grande centro di cancro del mondo e mi sono affidato alla ragione e alla scienza, della quale conoscevo bene ilimiti e durante la terapia questi limiti sono saltati agli occhi.

Ha sperimentato tutte le cure. Chirurgia, radioterapia, chemioterapia. In “Un altro giro di giostra” descrive i loro effetti.
Ho tenuto un diario di tutte le mutazioni che subivo a causa della chemioterapia. Una cosa incredibile: io che ho sempre adorato i film dell’orrore, sai quelli con le porte che scricchiolano, quelli col pugnale… mi facevano paura! Entravo nel bagno, guardavo lo specchio e c’era uno che mi sorrideva, ma non ero io. Glabro, senza capelli, gonfio di chemioterapia. Ma chi è, questo qua? Dopo è cominciata la grande avventura perché mi sono messo a cercare una cosa che potesse aiutarmi: lavaggio del colon, dieci giorni in un’isoletta della Thailandia con digiuni completi e clisteri di 18 litri al giorno due volte. Poi sono stato dai guaritori filippini, quelli che tolgono sangue, budellina di pollo dalle tue interiora. Poi, tante altre esperienze: la pranoterapia, il reiki, ma mi sono reso conto che inverità io non volevo una medicina per il mio cancro, volevo una medicina per quellamalattia che è di tutti e che non è il cancro: la mortalità. Ma questa malattia con la quale nasciamo, la mortalità, è incurabile! Che è il suo bello, anche, della vita.

Una delle terapie che ho scoperto in India è la terapia del sorriso. Una mattina, in un parco, c’era un gruppo che, dopo aver fatto un po’ di voga, a un certo ordine alzava le braccia e cominciava a ridere. E quale modo migliore per cominciare la giornata che magari finisce in un ufficio ad aria condizionata? Per cui il consiglio che do a tutti è cominciare con una gran risata e finire con una gran risata.

L’unico vero maestro non è in nessuna foresta, in nessuna capanna, in nessuna caverna di ghiaccio dell’Himalaya… E’ dentro di noi!

Anam il Senzanome
L’ultima intervista a Tiziano Terzani

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

La Fine è il Mio Inizio
Un padre racconta al figlio il grande viaggio della vita

Voto medio su 8 recensioni: Da non perdere

Un Indovino mi Disse
Un viaggio lungo un anno senza prendere aerei,
per riscoprire l’Asia e la sua gente

Voto medio su 3 recensioni: Da non perdere

Vedi anche

[catlist name=crescita-personale]

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

8 Commenti su questo post

  1. TIZIANO TERZANI UNITAMENTE A GOENKA E BABA BEDI

  2. Rita Dore says:

    Grande ammirazione x un grande uomo

  3. Ho letto il libro “un altro giro di giostra” dove racconta la sua odissea a causa della malattia ed è stata una lenta ma continua evoluzione della sua anima: una storia che fa riflettere e interiorizzare…

  4. ..certe malattie portano con sè …un grazie….

  5. Jacopo Gori says:

    Benedicimi anche a me…

  6. Più bello è il suo ultimo libro ” la fine sarà il mio inizio” bellissimo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline