Radice di tarassaco

Comunemente presente tutti i giardini e lungo le strade di campagna, il tarassaco o “dente di leone” sembra possedere un enorme potenziale quando si tratta di conferire un aiuto ai soggetti colpiti in particolar modo dal cancro. Il melanoma chemio-resistente rappresenta ad oggi la forma cancerosa che colpisce con maggiore frequenza giovani di età compresa tra 25 a 29. La sola opzione che i medici sono in grado di offrire attualmente a tali pazienti è rappresentata da un intervento chirurgico volto a rimuovere il tumore, seguito da immunoterapia, che tende tuttavia a non risultare risolutiva qualora il melanoma sia degenerato in metastasi. Uno scenario che fortunatamente sembra destinato a cambiare proprio grazie alla radice di tarassaco, pianta che tutt’ora spesso viene ancora considerata come una semplice erba infestante.

Presso l’Università di Windsor in Ontario, il Dipartimento di Chimica e Biochimica, attraverso uno studio pubblicato su Evidence-Based Complementary and Alternative Medicine che e condotto dal Prof. Siyaram Pandey, ha dimostrato come proprio l’estratto di radice di tarassaco sarebbe in grado di indurre la morte delle cellule del melanoma umano senza comportare alcun tipo di tossicità. Lo stesso studio allo stadio iniziale aveva infatti osservato le cellule tumorali disintegrarsi entro 48 ore, preservando inalterate quelle ancora sane.

Tarassaco proprietà

La radice del tarassaco dispone di spiccate proprietà depurative, poiché agevola le funzionalità biliari, epatiche e renali, attivando gli organi emuntori quali fegato, reni e pelle, deputati alla trasformazione delle tossine e sostanze di rifiuto, nella forma più adatta all’espulsione, ovvero, sudore, urina e feci. Tra i principali attivi che costituiscono il fitocomplesso tipico del tarassaco compaiono alcoli triterpenici (tarasserolo), gli steroli, vitamine A, B, C e D, inulina, tarassacina e sali minerali che conferiscono alla pianta proprietà amaro-toniche e digestive.

tarassaco tintura acquista

Tarassaco consigliato. Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

Dispone inoltre di proprietà purificanti, antinfiammatorie e disintossicanti a carico del fegato: favorisce infatti l’eliminazione delle scorie e svolge altresì un’azione epatoprotettiva, utile in caso di insufficienza epatica, itterizia e calcoli biliari. Stimola poi le secrezioni delle ghiandole che costituiscono l’apparato gastroenterico così come la muscolatura dell’apparato digerente, determinando in questo caso un’azione lassativa efficace e rapida. Nella tradizione contadina il tarassaco è anche denominato “piscialetto”, divertente epiteto che ne indica le proprietà diuretiche e depurative. Di tali proprietà sono responsabili i flavonoidi e in parte i sali di potassio, i quali agiscono stimolando la diuresi e promuovendo l’eliminazione dei liquidi in eccesso. La sua assunzione è perciò indicata in caso di ritenzione idrica, cellulite e ipertensione. In ultimo il tarassaco è in grado ripristinare la funzionalità immunologica potenziando in questo modo la risposta immunitaria del sistema linfatico. L’ossido nitrico (NO), contenuto nella radice, è protagonista dei processi di regolazione e difesa del sistema immunitario agendo come un messaggero intracellulare e stimolando in questo modo l’attività fagocitaria delle cellule.

Tarassaco benefici

I benefici che la pianta spontanea del tarassaco sono innumerevoli: la presenza di tarasserolo, glisteroli, vitamine, inulina, sali minerali e principi amari contenuti in massicce quantità proprio nelle radici, rende tale pianta officinale tra le più efficaci per stimolare le funzionalità biliari, depurare dalle tossine reni e fegato e favorire i processi digestivi. Oltre all’azione purificante, tutti i principi attivi svolgono un’importante azione antinfiammatoria e disintossicante a carico del fegato, favorendo l’eliminazione delle scorie e le secrezioni gastroenteriche. Le proprietà diuretiche sono inoltre esaltate dall’alta concentrazione di potassio e flavonoidi che contribuiscono a rendere il tarassaco, il coadiuvante perfetto nella cura della ritenzione idrica, della panniculopatia edemato-fibro-sclerotica e dell’ipertensione.

La radice di tarassaco offre allo stesso modo innumerevoli vantaggi, dati da un’assunzione regolare dei principi attivi in essa presenti:

  • Stimola la secrezione della bile
  • Allevia le allergie
  • Riduce il colesterolo
  • Pulisce il fegato

Allo stesso modo anche le foglie di tarassaco risultano particolarmente benefiche poiché:

  • Contengono inulina, un probiotico essenziale per la flora batterica intestinale
  • Favoriscono la digestione
  • Sono ricche di vitamine A, C, K
  • Sono ricche di minerali come magnesio, zinco, fosforo, potassio e selenio
  • Sciolgono i calcoli e ne previene la formazione
  • Normalizzano la pressione sanguigna
  • Sono antiossidanti, quindi difendono dai radicali liberi e rallentano l’invecchiamento
  • Abbassano l’indice glicemico e quindi proteggono il pancreas e favoriscono la perdita del peso in eccesso.

La tisana radice di tarassaco utilizzata negli studi clinici

Il Windsor Regional Cancer Centre sta attualmente approfondendo i risultati di questo promettente studio. Ha pertanto avviato la produzione di una polvere concentrata a base di radice di tarassaco, un preparato significativamente più potente di quello proposto generalmente nei negozi di alimenti naturali, pronto da sciogliere in acqua calda e da bere. Attualmente se ne stanno studiando gli effetti su un campione di 30 pazienti colpiti da differenti forme tumorali che non hanno ottenuto regressione mediante terapie convenzionali, tra le quali la leucemia.

Una dichiarazione presente sito web del Progetto Radice di Tarassaco presso l’Università di Windsor afferma:

Dall’inizio di questo progetto, siamo stati in grado di valutare chiaramente in laboratorio l’effetto di un semplice estratto acquoso di radice di tarassaco in vari tipi di cellule tumorali umane, e abbiamo osservato la sua efficacia contro la leucemia a cellule T, la leucemia mielomonocitica cronica, cancro al pancreas e del colon, senza tossicità per le cellule non tumorali. Inoltre, l’efficacia di questi studi è stata confermata anche in modelli animali (topi) che sono stati trapiantati con cellule tumorali di colon umano.

Il ricercatore e medico oncologo Dr. Caroline Hamm ha dichiarato che alcuni tra i propri pazienti hanno notato miglioramenti dopo aver assunto con regolarità la tisana di radice di tarassaco. La tisana potrebbe quindi rivelarsi efficace salvando potenzialmente innumerevoli vite.

Il tarassaco potrebbe aiutare a combattere diversi tumori

Uno studio del 2008 pubblicato sulla rivista International Journal of Oncology ha dimostrato come la tisana di tarassaco è riuscita a ridurre le cellule cancerogene nella mammella e nella prostata. Un successivo rapporto sulla stessa rivista ha dimostrato come un integratore alimentare che conteneva il tarassaco sia riuscito a sopprimere la crescita delle cellule tumorali della prostata. Gli estratti di tarassaco hanno quindi rivelato ancora una volta la loro efficacia anche nel trattamento del cancro al seno e la leucemia nella medicina tradizionale cinese e nella medicina dei nativi americani.

tarassaco capsule acquista

Tarassaco consigliato. Clicca qui o sull’immagine per andare al prodotto

Tisana radice di tarassaco: come prepararla

Il decotto a base di tarassaco è ampiamente consigliato al fine di conferire una maggiore incisività alle proprietà della pianta. Occorre utilizzare un cucchiaino di radici essiccate di tarassaco (puoi acquistarle cliccando qui) sminuzzate per poi far bollire il tutto per circa 5 minuti in una tazza d’acqua bollente, avendo cura di portare il decotto a bollore mantenendo il fuoco basso per non intaccarne le proprietà. Occorre poi lasciare in infusione il decotto per circa 5 minuti, per poi assumerlo semplicemente dopo averlo filtrato. Il caratteristico sapore amaro potrebbe non risultare particolarmente gradevole: in questo caso è possibile dolcificare la tisana radice di tarassaco con stevia o con un cucchiaino di miele.

Come assumere la radice di tarassaco

Oltre che sotto forma di tisana, la radice di tarassaco può essere assunta secondo le seguenti modalità: 

  • Estratto secco: (500-750 mg) in capsule o compresse da assumere 2 volte al giorno lontano dai pasti
  • Tintura madre di tarassaco: 50 gocce in poca acqua tre volte al giorno prima o lontano dai pasti.

Radice di tarassaco controindicazioni

Il tarassaco presenta tuttavia alcune controindicazioni: l’assunzione è pertanto sconsigliata in presenza di gastrite, ulcera e calcolosi biliare, questo poiché potrebbe comportare un eccessivo sollecito della motilità. Si sono altresì registrate interazioni con alcuni farmaci diuretici. Può inoltre presentare alcuni effetti collaterali uniti a manifestazioni di ipotensione in soggetti predisposti e spesso tende ad interagire negativamente con i FANS, farmaci antinfiammatori non steroidei: chi è sottoposto a questo tipo di terapia farmacologica dovrebbe pertanto consultare il proprio medico prima di procedere all’assunzione, prescindere dalla modalità.

Testimonianze

Queste sono recensioni reali di chi ha assunto il tarassaco consigliato da me (clicca qui) e ha commentato gli effetti del prodotto acquistato.

“E’ arrivato velocemente, confezione integra, ben imballato, senza difetti. Avevo già utilizzato il Tarassaco che da un’eccellente risposta a chi si sente intasato e magari con l’intestino un po’ in tensione. Ho ottenuto grandi benefici. Del tutto consigliabile per disintossicare l’organismo, l’azione diuretica è infatti evidente, mentre non serve per chi intenda perdere peso, ma piuttosto come snellente e anticellulite”

“Mi trovo molto bene con questo tarassaco, drenante e depurativo, lo ricquisterò senza ombra di dubbio.”

“Ottimo prodotto aiuta anche la digestione,adesso l’ ho finito ma sento già la differenza bisognerebbe usarlo sempre”

“Prodotto eccellente e molto concentrato. Lo utilizzo da solo qualche giorno e sento che mi sta detossinando.”

“Faccio spesso dei cicli disintossicanti con il tarassaco, soprattutto ad inizio primavera. Di solito lo acquisto in erboristeria, ho voluto provare questo e mi sono trovata benissimo. E’ un prodotto di qualità e fin da subito ho notato l’effetto benefico, superiore anche a quello avuto con altre marche, anche sulla digestione.”

“Ottimo prodotto, sono una naturopata e faccio spesso dei cicli di tarassaco per eliminare le tossine, questo prodotto ha un’ottima concentrazione di principi attivi della pianta, essendoci un 30% di tarassaco rispetto a molte altre tinture madre ke si trovano in commercio e contengono la pianta solo per il 15%. Lo straconsiglio, lo ricomprerò e lo farò conoscere agli amici, sxo ne facciano anche un formato un po più grande!”

Aggiornato al 13 Dicembre 2019

Tarassaco Bio - Estratto Idroalcolico
Favorisce la fisiologica funzionalità digestiva ed epatica, depurativo e drenante
Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere
Tarassaco - Infuso
Taraxacum officinale – radice
Voto medio su 8 recensioni: Buono
Succo di Tarassaco
Integratore alimentare con 100% succo di pianta fresca per la naturale funzione di stomaco e fegato
Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere

 

Riferimenti Scientifici

1. The Efficacy of Dandelion Root Extract in Inducing Apoptosis in Drug-Resistant Human Melanoma Cells
2. Evaluation of aqueous extracts of Taraxacum officinale on growth and invasion of breast and prostate cancer cells.
3. Sigstedt SC, Hooten CJ, Callewaert MC, et al. Evaluation of aqueous extracts of Taraxacum officinale on growth and invasion of breast and prostate cancer cells. International Journal of Oncology. 2008;32(5):1085–1090.
4. Sweeney B, Vora M, Ulbricht C, Basch E. Evidence-based systematic review of dandelion (Taraxacum officinale) by natural standard research collaboration. Journal of herbal pharmacotherapy. 2005;5(1):79–93.
5. Takasaki M, Konoshima T, Tokuda H, et al. Anti-carcinogenic activity of Taraxacum plant. I. Biological and Pharmaceutical Bulletin. 1999;22(6):602–605.
6. Takasaki M, Konoshima T, Tokuda H, et al. Anti-carcinogenic activity of Taraxacum plant. II. Biological and Pharmaceutical Bulletin. 1999;22(6):606–610.
7. Jeon HJ, Kang HJ, Jung HJ, et al. Anti-inflammatory activity of Taraxacum officinale. Journal of Ethnopharmacology. 2008;115(1):82–88.

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni