La realtà è un ologramma?

2 Commenti

realtà olografica

Nel suo libro “Gifts of Unknown Things”, il biologo Lyall Watson descrive il suo incontro con una sciamana indonesiana che, eseguendo una danza rituale, era capace di far svanire istantaneamente un intero boschetto di alberi. Watson riferisce che mentre lui ed un altro attonito osservatore continuavano a guardare, la donna fece velocemente riapparire e scomparire gli alberi diverse volte. Sebbene le conoscenze scientifiche attuali non ci permettano di spiegarle, esperienze come queste diventano più plausibili qualora si ammetta la natura olografica della realtà.

In un universo olografico non vi sono limiti all’entità dei cambiamenti che possiamo apportare alla sostanza della realtà, perché ciò che percepiamo come realtà è soltanto una tela in attesa che noi vi si dipinga sopra qualunque immagine vogliamo. Tutto diviene possibile, dal piegare cucchiai col potere della mente, ai fantasmagorici eventi vissuti da Carlos Castaneda durante i suoi incontri con Don Juan, lo sciamano Yaqui. Nulla di più, né meno, miracoloso della capacità che abbiamo di plasmare la realtà a nostro piacimento durante i sogni. E le nostre convinzioni fondamentali dovranno essere riviste alla luce della teoria olografica della realtà.

La rana, l’atomo, la rosa

Per quasi tutto il suo corso la scienza occidentale ha agito sotto il preconcetto che il modo migliore di capire un fenomeno fisico, che si trattasse di una rana o di un atomo, era quello di sezionarlo e di studiarne le varie parti. Gli ologrammi ci insegnano che alcuni fenomeni possono esulare da tale approccio. Bohm lo intuì, aprendo una strada alla comprensione della scoperta del professor Aspect.

Per Bohm il motivo per cui le particelle subatomiche restano in contatto indipendentemente dalla distanza che le separa risiede nel fatto che la loro separazione è un’illusione. Era infatti convinto che, ad un livello di realtà più profondo, tali particelle non sono entità individuali, ma estensioni di uno stesso “organismo” fondamentale. Bohm semplificava con un esempio: immaginate un acquario contenente un pesce. Immaginate che l’acquario non sia visibile direttamente, ma solo attraverso due telecamere, una posizionata frontalmente e l’altra lateralmente rispetto all’acquario.

Guardando i due monitor televisivi possiamo pensare che i pesci siano due entità separate, la differente posizione delle telecamere ci darà infatti due immagini lievemente diverse. Ma continuando ad osservare i due pesci, alla fine ci accorgeremo che vi è un certo legame tra loro: quando uno si gira, anche l’altro si girerà; quando uno guarda di fronte a sé, l’altro guarderà lateralmente. Essendo all’oscuro dello scopo reale dell’esperimento, potremmo credere che i due pesci comunichino tra loro, istantaneamente e misteriosamente. Secondo Bohm il comportamento delle particelle subatomiche indica che esiste un livello di realtà del quale non siamo consapevoli, una dimensione che oltrepassa la nostra. Se le particelle subatomiche ci appaiono separate è perché siamo capaci di vedere solo una porzione della loro realtà, esse non sono “parti” separate bensì sfaccettature di un’unità più profonda e basilare, che risulta infine altrettanto olografica ed indivisibile quanto la nostra rosa. E poiché ogni cosa nella realtà fisica è costituita da queste “immagini”, ne consegue che l’Universo stesso è una proiezione, un ologramma.

Il movimento è un ologramma

Un ologramma è una fotografia tridimensionale prodotta con l’aiuto di un laser. Quando la pellicola viene sviluppata risulta visibile solo un intrico di linee chiare e scure ma, illuminata da un altro raggio laser, ecco apparire il soggetto originale. La tridimensionalità non è l’unica caratteristica interessante degli ologrammi: se l’ologramma di una rosa viene tagliato a metà e poi illuminato da un laser, si scopre che ciascuna metà contiene ancora l’intera immagine della rosa. Anche continuando a dividere le due metà, vedremo che ogni minuscolo frammento di pellicola conterrà sempre una versione più piccola, ma intatta, della stessa immagine.

Diversamenete dalle normali fotografie, ogni parte di un ologramma contiene tutte le informazioni possedute dall’ologramma integro. Si schiude così una nuova comprensione dei concetti di organizzazione e di ordine.

Lo scienziato italiano Pier Luigi Ighina, conosciuto per la sua macchina del tempo e della sua valvola anti-terremoti, affermava che la Terra e il Sole fossero fermi. “Il contrasto tra energia solare e energia terrestre provoca l’effetto ottico che ha ingannato per millenni la scienza ufficiale. Noi ci illudiamo che tutto sia in movimento, la verità è che si muovono solo le due energie. Vedete, la scienza ufficiale ha ottenuto grandi risultati, ma ha studiato la Materia già fatta. Cioè l’ha disfatta per vedere come è composta. Noi invece risaliamo al principio stesso della materia.. Siccome sappiamo che siamo immersi nell’energia, arriviamo a conclusione che la materia non è altro che energia solidificata. L’energia solare scende verso la Terra con movimento a spirale. L’energia solare scende a spirale con indicazione destrosa (rotazione a destra) , entra nella terra ri-esce (fuoriesce) nuovamente dalla terra a senso contrario. (rotazione a sinistra). Insomma la materia si crea non dal nulla, ma dall’unione delle due energie monomagnetiche , quella solare calda Gialla e quella Terrestre fredda Blu. Per questo nel mondo vegetale domina il colore verde (unione risultante del Giallo + Blu)

E’ più vicino di quello che pensi

Vuoi vedere un ologramma? Guardati allo specchio! Il tuo corpo è un ologramma, perché il tutto (olos) è scritto in ogni elemento del tutto. Il DNA del tuo intero organismo si ripete identico in ogni tua cellula. Ciò non esclude che tu abbia peso, relazioni e influenze con l’ambiente che ti circonda. L’universo osservato è un ologramma, una matrix o realtà virtuale. Non invito a credere a me, ma a verificare la validità delle idee dominanti – la vacuità dello spazio, la linearità del tempo, la solidità della materia – e le conseguenze laceranti che derivano dal credo nelle stesse.Giuliana Conforto, astrofisica italiana

Gli elettroni di un atomo di carbonio nel cervello umano sono connessi alle particelle subatomiche che costituiscono ogni salmone che nuota, ogni cuore che batte ed ogni stella che brilla nel cielo. Tutto compenetra tutto. Ogni suddivisione risulta necessariamente artificiale e tutta la natura non è altro che un’ immensa rete ininterrotta.David Bohm, fisico statunitense

Per approfondire “La separazione è un illusione e viviamo in un universo olografico”

Scienza e Conoscenza - N. 47 - Rivista Cartacea
Nuove scienze, Medicina non Convenzionale, Consapevolezza
€ 12
Bohm - La Fisica dell'Infinito - Libro
€ 12
Tutto è uno
L’ipotesi della scienza olografica

Voto medio su 6 recensioni: Da non perdere

€ 19
La Scienza e il Campo Akashico
Connessione e memoria nel cosmo e nella coscienza: una teoria integrale del tutto

Voto medio su 5 recensioni: Buono

€ 16
Quantum
Da Eistein a Bohr, la teoria dei quanti, una nuova idea della realtà

Voto medio su 1 recensioni: Buono

€ 11.5

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

2 Commenti su questo post

  1. maria teresa citro says:

    articoli interessantissimi degli argomenti che amo–sono insegnante di inglese ma con passione per naturopatia,filosofia, religione scienze..ma soprattutto vorrei capire come siamo fatti,la nostra relazione con l’Universo,se abbiamo uno scopo,se c’e’ un’energia superiore che coordina tutto,ecc, e finora questo e’ il sito migliore che ho trovato.grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline