Reso pubblico documento ufficiale sull’Area 51

Nessun Commento

È stato reso pubblico un documento ufficiale che per la prima volta nomina la base: si parla poco di alieni, ma parecchio di aerei segreti

Giovedì 15 agosto il National Security Archive ha pubblicato sul suo sito un documento dlla CIA dove per la prima volta il governo americano nomina esplicitamente l’Area 51, la famosa base segreta diventata famosa in tutto il mondo perché, secondo gli ufologi, sarebbero custoditi i corpi di alcuni extraterrestri e le loro navi spaziali. La storia in realtà è molto più prosaica: per anni nell’Area 51 sono stati testati e messi a punto numerosi progetti aerei segreti, tra cui gli aerei spia che sorvolavano l’Unione Sovietica durante la guerra fredda.Il documento completo si chiama La CIA e la ricognizione aerea: i programmi U2 e OXCART (potete scaricare il file torrent da qui). È stato scritto da due storici della CIA nel 1992 ed è una specie di manuale di storia su alcuni dei più importanti programmi di ricognizione aerea segreta di tutta la guerra fredda. Il National Security Archive che ha pubblicato il documento è un’organizzazione accademica statunitense che pubblica documenti ottenuti grazie alla legge americana sulla trasparenza del governo (il Freedom of Information Act).Una versione dello stesso documento – pesantemente censurata – era già stata pubblicata nel 1998. Il documento pubblicato questa settimana è in versione integrale. Gli omissis ancora presenti tutelano soltanto i nomi di alcuni piloti e i dettagli su certe contromisure elettroniche usate all’epoca. Si tratta del primo documento ufficiale del governo degli Stati Uniti a nominare esplicitamente l’Area 51 e la sua storia – anche se in realtà un’altra menzione, dovuta probabilmente a un errore di chi doveva cancellare i riferimenti alla base, compare in un documento del 1967.La storia dell’Area 51 raccontata dagli storici della CIA comincia nel 1955, quando alcuni funzionari dell’agenzia sorvolarono il deserto del Nevada a bordo di un piccolo aereo da turismo. Erano alla ricerca di un luogo adatto per fare esperimenti segreti su un nuovo tipo di aereo spia appena messo in costruzione. L’U-2, questo era il nome del progetto, era in grado di volare fino a 18 mila metri: troppo in alto per essere raggiunto dai missili della contraerea o da altri aeroplani e troppo in alto, almeno secondo i progettisti, per essere avvistato su un radar. Gli U-2 furono gli aerei che, una decina di anni dopo, individuarono i missili russi a Cuba – anche se quelli erano U-2 dell’aviazione, leggermente diversi da quelli utilizzati dalla CIA di cui si parla nel libro.Vicino a un posto chiamato Groom Lake, gli uomini della CIA trovarono quella che sembrava una pista aerea abbandonata. Si trattava di un vecchio poligono di tiro aereo, utilizzato durante la Seconda guerra mondiale per addestrare i piloti di bombardieri. Il luogo era decisamente fuori mano: a circa 160 chilometri da Las Vegas, circondato per chilometri dal deserto e non troppo lontano da un’area ancora più pericolosa e inospitale: un poligono di prova per ordigni nucleari. Si trattava, hanno scritto gli storici della CIA, del luogo ideale per testare aerei segreti e addestrarne i piloti.

Il nome convenzionale scelto per il pezzo di terreno che venne acquistato dall’Autorità per l’Energia Nucleare – che già possedeva la grande aerea dove venivano sperimentate le bombe atomiche – fu Area 51, un nome che doveva essere anonimo e burocratico e che non avrebbe dovuto attirare l’attenzione. Ma bisognava trovargli anche un nome confidenziale, qualcosa che rendesse la base più interessante per il personale chiamato a lavorarci. Il nome scelto, a quanto pare, fu Paradise Ranch che nel linguaggio degli addetti divenne semplicemente il Ranch – curiosamente, tutto il mondo conobbe la base per il suo noioso nome burocratico, mentre quello più accattivante è rimasto più o meno sconosciuto.

Il primo test di volo con un U-2 venne compiuto nell’agosto del 1955 e successivamente la base venne usata per addestrare i piloti e tenere in deposito gli U-2 della CIA. Nel libro vengono raccontati anche lo sviluppo dei “successori” dell’U2, come l’A-12 OXCART, e numerose missioni compiute dagli aerei. La gran parte, ovviamente, si svolgevano nei cieli sopra l’Unione Sovietica e la Cina comunista. Ma c’è anche il resoconto di un volo sul Pacifico, per spiare un poligono per test nucleari francesi. Quello di cui non si parla mai, in tutto il libro, sono camere per autopsie di alieni e depositi di rottami di UFO.

Qualche riferimento agli extraterrestri in realtà si può trovare. Ad esempio, gli storici della CIA scrivono che i voli di addestramento degli U-2 produssero un effetto collaterale inaspettato: moltiplicarono gli avvistamenti di oggetti volanti non identificati. Negli anni Cinquanta quasi nessuno credeva che fosse possibile arrivare alle altezze che gli U-2 raggiungevano normalmente. Parecchi piloti di voli civili dissero di aver avvistato oggetti non identificati perché avevano individuato gli U-2 ad altezze alle quali non pensavano potesse esserci qualcosa di costruito dall’uomo.

Un altro effetto aumentava il numero di avvistamenti: mentre alla quota a cui volavano gli aerei di linea il sole era già tramontato, molto più in alto gli U-2 erano ancora illuminati dal sole. Questo portava gli U-2 ad essere, se non proprio luccicanti (erano dipinti di nero), almeno ben visibili ai piloti che, diversi chilometri più sotto, erano già al buio.

Col passare degli anni e l’aumento degli avvistamenti, l’Area 51 ha finito con il diventare il simbolo dei presunti “piani segreti” del governo americano per celare al mondo l’esistenza degli alieni. Intorno ai confini della base sono perennemente accampati numerosi “esperti” di alieni che scrutano il cielo in attesa di vedere un UFO lasciare la base. Gli abitanti delle cittadine vicine si sono adattati a questo tipo particolare di turismo e hanno cambiato i nomi dei locali con nomi che ricordano gli alieni, gli UFO o le cospirazioni governative. Anche lo stato del Nevada ha fatto qualcosa e dal 1996 la strada che passa vicino all’Area 51 è stata ufficialmente rinominata Extraterrestrial Highway.

Per gli appassionati di alieni la pubblicazione di questo documento non cambierà le cose. Gran parte delle informazioni che contiene erano già note agli storici e agli appassionati che si sono occupati dei programmi di ricognizione aerea degli Stati Uniti nel corso della guerra fredda. Molti altri dettagli sull’Area 51, anche se non sono stati ufficialmente divulgati, sono più o meno noti: ad esempio, nell’Area 51 vennero probabilmente svolti i primi test sull’F-117, il primo aereo invisibile ai radar (ora ritirato dal servizio). Sempre nel deserto del Nevada venne probabilmente messo a punto la versione invisibile ai radar dell’elicottero Blackhawk, quello usato dai Navy Seals per uccidere Bin Laden ad Abbottabad, in Pakistan.

Questa però è la prima volta che il governo americano rilascia (almeno non per errore) dei documenti in cui si parla ufficialmente di Area 51. Come ha dichiarato Jeffrey Richelson, uno dei ricercatori del National Security Archive: «È la fine ufficiale della segretezza per ciò che riguarda l’Area 51».

Fonte: http://www.ilpost.it/2013/08/17/area-51-nevada/?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+ilpost+%28Il+Post+-+HP%29

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline