Ingegneri Russi hanno realizzato un impianto per produrre benzina dalla spazzatura

8 Commenti

Ricercatori russi avrebbero creato un impianto, che se fosse confermato, rivoluzionerebbe la nostra vita. Trasforma la spazzatura in benzina e può essere istallato anche a casa per smaltire i rifiuti domestici e produrre carburante per la propria auto. Infatti non produce solo benzina ma la macchina può essere impostata per produrre diesel o anche cherosene per gli aerei. 

La notizia viene dal sito La Voce della Russia e gli autori sono degli ingegneri russi dalla città siberiana di Tomsk. L’impianto sperimentale può produrre fino a 200 litri di carburante all’ora! Il costo di produzione del carburante è fantastico, e cioè 0,001 euro al litro. L’energia per il lavoro di questo impianto ci vuole soltanto all’atto di avviamento. Poi si alimenta da solo.

L’impianto può essere caricato di tutti i rifiuti contenenti carbonio, e cioè mozziconi di sigarette, cenere, carta straccia, segatura. Si preme un bottone e il cumulo di spazzatura sparisce dentro l’impianto. I rifiuti vi vengono sminuzzati e poi alimentati in un reattore speciale, dove dai composti ottenuti di carbonio e di idrogeno viene sintetizzata benzina.

Il progettista capo Serghej Zotov afferma che modificando i parametri dell’impianto è possibile produrre diesel, cherosene o alcol. Può essere installato in una abitazione domestica per  trasformare tutti i rifiuti in calore per la casa ed energia elettrica.

I ricercatori hanno iniziato a studiare questa tecnologia già all’inizio degli anni ’80 per poter usarla in caso di guerra nucleare quando diventerebbe impossibile estrarre e trasformare il petrolio. E così dopo alcuni anni di lavoro è stato realizzato l’impianto AIST, una fonte alternativa di carburante sintetizzato.

La qualità della benzina sembra sorprendente infatti è così pura che tale carburante viene usato solo nelle auto da corsa, quindi permetterebbe anche una maggiore durata del motore della nostra auto. I partecipanti del progetto stanno testando l’impianto sulle proprie auto e hanno cominciato a dimenticare dell’esistenza dei distributori di benzina.

Non ho trovato molte fonti in italiano e inglese sull’argomento per approfondire e dare maggiori dettagli. Probabilmente ci sono più informazioni in russo, quindi invito chi conosce la lingua ad effettuare la propria ricerca per saperne di più. Se tutto questo fosse confermato sarebbe una svolta. Nell’articolo non viene menzionato il prodotto di scarico dell’impianto che dovrebbe essere qualcosa di pulito o riciclabile, ma sicuramente i ricercatori lo sanno bene. Il futuro è possibile solo con invenzioni che ripuliscono e rigenerano il pianeta invece di sfruttarlo ed inquinarlo come stiamo facendo ora.

Vedi anche

[catlist name=ecoliving]

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

8 Commenti su questo post

  1. se fosse vero, cosa aspettano ad usarla su scala mondiale 🙁 ?

  2. boris says:

    @ Valerio
    1:per non peredere i miliardi che la Russia guadagna con la vendita di petrolio.
    2:nel giro di 10 giorni scopierebbe la terzaguerra mondiale con l’america e UE,che spinte dai loro collossi petroliferi(finiti in bancarotta),ataccherebero la Russia pur sapendo di non poter vincere la guerra.
    3:fin che gli uomini di tutti colori e latitudini non tirerano fuori le palle e si rivolterano contro l’un percento(1%)dei ricchi che ci oprimono e schiavizzano,non ce nessuna possibilita che questa tecnologia o l’energia libera e gratis di Tesla vedono la luce del giorno!!!!!!
    4:penso che basti cosi anche se ci sono talmente tanti esempi da scriverci un enciclopedia.

  3. potremmo diventare il 1 paese al mondo ……

  4. Rosa Zuppa says:

    ci costringeranno a comprare sempre benzina alle pompe….

  5. Linda says:

    Io so che decenni fa un italiano aveva inventato una macchina per produrre petrolio dai rifiuti e ogni tanto un giornalista di buona volontà ed un suo collega lo mostravano in televisione, ci provavano, insistevano, ma la cosa non decollava. Un po’ di anni fa ho fatto una ricerca in internet ed ho letto che quel petrolio era di cattiva qualità…mah!

  6. in italia cra chi laveva fatto 35 anni fa , ma poi fu perseguitato sino alla morte e tutto spari come sempre ora lo riscoprono

  7. simona says:

    Mio marito è russo, se mi dai il link originale (non l’ho trovato nell’articolo) ti faccio avere notozie piú dettagliate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline