s-drive cell-wellbeing

Il test epigenetico S-Drive permette di scoprire in modo assolutamente non invasivo attraverso un semplice bulbo del capello:

  • il livello di metalli pesanti e tossine nel corpo
  • se siamo affetti da elettrosmog nella nostra quotidianità
  • di quali vitamine, minerali, amminoacidi e antiossidanti siamo carenti
  • quali alimenti evitare o includere sulla base della rilevanza epigenetica del nostro DNA

Inoltre, sulla base dei risultati delle analisi, il test offre anche un protocollo di trattamento della durata di 90 giorni che struttura la nostra alimentazione, quali cibi evitare o includere, quali interferenze ambientali ci stanno danneggiando (ad esempio additivi, tossine, metalli, radiazioni) e come risolvere modificando il nostro ambiente e assumendo degli integratori specifici. Tutte queste soluzioni possono trasformare enormemente il nostro livello di benessere.

fattori epigenetici S-Drive

Fattori epigenetici analizzati con S-Drive

L’epigenetica è la scienza che studia come i geni del nostro DNA sono attivati e disattivati dai fattori ambientali. E’ l’ambiente quindi decide la nostra salute e per ambiente intendiamo:

  • I cibi che mangiamo
  • L’attività fisica
  • Le radiazioni elettromagnetiche a cui siamo esposti
  • Le tossine che abbiamo ingerito o assorbito dai genitori in gravidanza
  • I nostri pensieri
  • Lo stress
  • Il nostro stato emotivo

«Nei primi mesi dal concepimento, un ambiente inquinato e una madre che non segue le giuste accortezze nell’alimentazione possono creare gravi disturbi al nascituro: problemi dal punto di vista neuro-emotivo, neuro-motorio e neuro-psichico. Parliamo di patologie che purtroppo negli ultimi anni si stanno diffondendo in maniera preoccupante.»

Dottor Luciano Proietti,medico pediatra

Per maggiori informazioni su come diventare operatori S-Drive o per effettuare il test epigenetico puoi contattare epinutracell@gmail.com o chiamare al 3356481268. Per approfondire sulla tecnologia S-Drive di Cell-Wellbeing puoi visitare cell-wellbeing.com.

Di seguito una conferenza della Dott.ssa Maristella Marchetti, che discute dell’esperienza clinica che sta ottenendo grazie all’S-Drive.

Il potere dei fattori ambientali sulla salute

La ricerca epigenetica svela infatti che l’ambiente controlla fino al 98% delle modalità di espressione di molti dei nostri geni. L’ambiente è tutto l’insieme del cibo che mangiamo, lo stress e le emozioni, gli inquinanti (additivi, amalgama, sostanze chimiche nell’aria, nell’acqua, nel cibo), le radiazioni elettromagnetiche, le carenze nutrizionali. Riuscire a ottimizzare questi fattori ambientali può quindi essere la chiave di una vita longeva.

Il nostro stile di vita e persino il contenuto emotivo delle nostre esperienze sono elementi fondamentali nei processi e nelle reazioni chimiche, che attivano o disattivano parte del nostro DNA. Codificheranno esiti sfavorevoli per la salute, spianando la strada al disequilibrio fisico o creeranno un ambiente equilibrato favorevole alla longevità e alla resistenza alle malattie.

L’ambiente controlla l’espressione dei geni e questo è un aspetto fondamentale per la salute delle cellule; esse
infatti producono tessuti che, a loro volta, producono organi e infine i sistemi e l’intero organismo.
Per funzionare correttamente, i processi enzimatici si basano sul costante apporto di vitamine, minerali e
amminoacidi. Il sistema nervoso è fortemente influenzato da tossine, additivi e da campi elettromagnetici /
frequenze estremamente basse. Tutti questi fattori possono contribuire al malfunzionamento metabolico e portare all’insorgenza delle patologie.

La Società Americana per il Cancro ha pubblicato una statistica che afferma che il 60% dei tumori sono evitabili, cambiando stile di vita e dieta. Infatti solo il 5% dei cancri hanno a che vedere con l’ereditarietà e i geni, mentre il 95% dei cancri in effetti non ha nessuna connessione coi geni.

Ecco l’importanza della vera prevenzione pre-primaria sulla salute dei genitori prima del concepimento.

Per sfruttare al meglio il nostro potenziale, bisogna assicurarsi che questi processi metabolici, ovvero di creazione di energia e gestione delle scorie, possano funzionare a livello ottimale Tutto ciò che non è ottimale porta a una perdita di funzioni, con conseguente

  • calo di energia
  • bassa qualità del sonno
  • indebolimento del sistema immunitario
  • scarsa concentrazione
  • irritabilità
  • fastidi e malesseri generali
  • tempi di recupero lunghi
  • suscettibilità alle malattie e altro

Se si resta in stato sotto-ottimale per troppo tempo, si può arrivare anche a una cronicizzazione dei problemi.

«Obesità, diabete in età giovanile, tumori, le malattie di tipo allergico e autoimmune, i disturbi del neuro-sviluppo e le malattie neuro-degenerative che stanno dilagando non sono causati dalla genetica. Quello che vediamo negli USA, dove 1 bambino su 59 è affetto da disturbi di spettro autistico, quando trenta anni fa eravamo a 1 su 2.000, è molto allarmante. Bisogna ragionare su che cosa fare. Bisogna impostare una strategia di prevenzione primaria e di informazione corretta»

Professor Ernesto Burgio, medico pediatra membro della commissione scientifica ECERI – European Cancer and Environment Research Institute di Bruxelles

Segnali nocivi provenienti dall’ambiente modificano negativamente il fenotipo senza alterare il genotipo. Questo cambiamento si riflette nella nostra fisiologia. Questi segnali includono le tossine ricevute dai nostri genitori nella fase di gravidanza, i farmaci, il cibo, l’aria che respiriamo, le radiazioni elettromagnetiche e persino i 50.000 pensieri che abbiamo al giorno.

«Bisognerà mettere insicurezza la gravidanza, riducendo le interferenze negative, come ad esempio i pesticidi delle catene alimentari, gli inquinanti atmosferici, lo stress materno-fetale. La Medicina dovrebbe andare sempre di più verso la prevenzione primaria anziché verso la terapia. Prevenire è il vero futuro della nostra specie. Non è però questo l’interesse di chi, in campo medico, deve realizzare grandi affari.»

Professor Ernesto Burgio, medico pediatra membro della commissione scientifica ECERI – European Cancer and Environment Research Institute di Bruxelles

Di seguito una conferenza del Dott. Mauro Mario Mariani, medico chirurgo, specialista in Angiologia, che spiega il ruolo dell’epigenetica nella salute e S-Drive

Il dispositivo S-Drive e la tecnologia Cell-Wellbeing

Il dispositivo di test epigenetico S-Drive è stato sviluppo da una equipe di medici, scienziati e ricercatori ad Amburgo in Germania da Cell Wellbeing. Non è un dispositivo medico, può essere ampiamente utilizzato da professionisti della salute e anche nel campo dello sport, del fitness, della bellezza, dell’antiaging e nella nutrizione.

bobina S-Drive

Bobina dell’S-Drive

L’S-Drive rileva quali segnali epigenetici influenzano l’espressione genica in modo che possano essere adottate modifiche alla dieta, alla nutrizione e allo stile di vita per supportare fisiologia e prestazioni ottimali.

È un dispositivo portatile con una bobina spettrale nel suo centro. La bobina produce un’onda scalare che rileva i cambiamenti che si verificano quando i capelli sono posizionati sulla bobina. La bobina cattura la frequenza informativa emessa dal bulbo pilifero del capello e il software converte le informazioni in un record digitale.

Le informazioni vengono quindi inviate tramite una connessione sicura ai data server di Amburgo, in Germania, che utilizzano algoritmi di risonanza per mappare i risultati. Viene poi formulato il report completo con le informazioni epigenetiche risultanti che viene restituito all’operatore S-Drive entro 15 minuti. Il report è rilevante per un periodo di 90 giorni poiché le influenze epigenetiche cambiano continuamente.

Puoi visionare qui un esempio del report completo S-Drive.

In questo servizio andato in onda su RAI 3 si mostra come anche il dispositivo S-Drive è usato come strumento per la diagnosi epigenetica degli individui che vivono nella “Terra dei Fuochi” e hanno bisogno di un trattamento mirato sulla base dei metalli pesanti e delle altre disfunzionalità che vengono individuate con il test

Ecco perché è essenziale ottimizzare il nostro metabolismo attraverso un apporto nutrizionale che permetta uno stato di salute e benessere, nutrendo le cellule con le sostanze di cui hanno bisogno. Finora, questo è stato possibile tramite programmi nutrizionali empirici lunghi, e talvolta, ciechi. Ora, disponiamo di una tecnologia per personalizzare in modo ottimale i nutrienti giusti, per la persona giusta, al momento giusto. Il suo nome è S Drive.

Per maggiori informazioni su come diventare operatori S-Drive o per effettuare il test epigenetico contattare epinutracell@gmail.com o chiamare al 3356481268. Per approfondire sulla tecnologia S-Drive di Cell-Wellbeing puoi visitare cell-wellbeing.com

Immagine di copertina. Rai 3 TG Leonardo 22-10-2018

Riferimenti scientifici
1. Preetha Anand et al. Cancer is a Preventable Disease that Requires Major Lifestyle Changes. Pharmaceutical Research, Vol. 25, No. 9, September 2008
2. Brett Israel. How Many Cancers Are Caused by the Environment? Scientific American, May 21, 2010
3. Jenni Glenn Gingery. Autistic Features Linked to Prenatal Exposure to Fire Retardants, Phthalates. Endocrine Society
4. Development of the Integumentary System.” Boundless Anatomy and Physiology. Boundless, 21 July 2015
5. Pansky Ben, http://discovery.lifemapsc.com/library/review-of-medical-embryology/chapter-25-germ-layers-and-their-derivatives. Retrieved 24 October 2015.
6. Burkitt, Young; et al. (1993). Wheater’s Functional Histology: a text and colour atlas. Heath. p. 162.
7. Antoni, Mickaël; et al. (1998). Explicit reduction of N-body dynamics to self-consistent particle-wave interactions. Physics of Plasmas (5) issue 4, pp 841-852.
8. Alexander Streltsov , et al. (2015). Measuring quantum coherence with entanglement. Phys. Rev. Lett. 115, 020403.
9. Vasiliv Ogryzko (2008). Erwin Schrödinger, Francis Creek and epigenetic stability. Biology Direct 3:15 . The electronic version of this article can be found at: http://www.biology-direct.com/content/3/1/15.
10. Orozco C (2018). Coherence, the integration of energy boosting your longevity. Mahatma Editors. Portugal. ISBN 978-989-8865-38-0.
11. Wiedermann U, et al. (1996). “Vitamin A deficiency increase inflammatory responses”. Scand J Immunol. 44 (6): 578–584.
12. Cotran; Kumar, Collins (1998). Robbins Pathologic Basis of Disease. Philadelphia: W.B Saunders Company. ISBN 0-7216-7535-X.
13. Einstein, A., et al. (1935) “Can a quantum-mechanical description of physical reality be considered incomplete? Physical Review 47: 777-80.
14. Schrödinger, E. (1935) What is Life? Proceedings of the Cambridge Philosophical Society 31 (1935): 555-63.
15. Beloussov, LV (1997). “Life of Alexander G. Gurwitsch and his relevant contribution to the theory of morphogenetic fields”. International Journal of Developmental Biology. 41 (6): 771
16. Schrödinger E; Dirac, P A. M. (1936). “Probability relations between separated systems”. Mathematical Proceedings of the Cambridge Philosophical Society 32 (3): 446–452.
17. Asher Peres. (1993). Quantum Theory, Concepts and Methods, Kluwer, ISSBN 0-7923-2549-4 p. 115.
18. Zyczkowsky K (2006). “Geometry of Quantum States”. An Introduction to Quantum Entanglement. Cambridge: Cambridge University Press.
19. Steward EG (2008). Quantum Mechanics: Its Early Development and the Road to Entanglement. Imperial College Press. ISBN 978-1-86094-978-4.
20. Juan Yin; et al. (2013). “Bounding the speed of ‘spooky action at a distance”. Phys. Rev. Lett. 110, 260407 1303: 614.
21. Bell, J. S. (1987). Speakable and Unspeakable in Quantum Mechanics (PDF). CERN. ISBN 0521334950. Retrieved 24 October 2015.
22. Ford ES, Giles WH, Dietz WH (2002). “Prevalence of metabolic syndrome among US adults: findings from the third National Health and Nutrition Examination Survey”. JAMA 287 (3): 356–359.
23. Park JW,.etal. (2007) Predictors reflecting the pathological severity of non-alcoholic fatty liver disease: comprehensive study of clinical and immunohistochemical findings in younger Asian patients. J Gastroenterol Hepatol. Apr. 22(4):491-7.
24. Eisenberg DTA (2011). “An evolutionary review of human telomere biology: The thrifty telomere hypothesis and notes on potential adaptive paternal effects”. American Journal of Human Biology 23 (2): 149–167.
25. Maloney PC (1987). Coupling to an Energized Membrane: Role of Ion-Motive Gradients in the Transduction of Metabolic Energy. In Escherihia coli and Salmonella Typhimurium Cellular and molecular biology Volume 1. Edited by Neidhardt FC. Washington, D.C.: American Society for Microbiology: 222-243
26. Padan E, Schuldiner S (1986): Intracellular pH regulation in bacterial cells. Methods Enzymol 125:337-352.
27. Feil R, et al, (2012) Epigenetics and the Environment: Emerging patters and implications. Nature Reviews Genetics 13, 97-109.
28. Waddington CH. (1942) The epigenotype. Endeavour. 1:18–20.
29. Waddington CH (1968). Towards a Theoretical Biology. Edinburgh, Scotland: Edinburgh University Press;. The Basic Ideas of Biology; pp. 1–32.
30. Wu Ct, et al, (2001). Genes, genetics, and epigenetics: correspondence. Science ; 293(5532):1103–1105.
31. Hotchkiss RD.(1948). The quantitative separation of purines, pyrimidines, and nucleosides by paper chromatography.
J Biol Chem. 175(1):315-32.
32. Burzynnski RS (2005) Aging: Gene Silencing or Gene Activation? Medical Hypothesis, 64, 201-208.
33. McGowan P.O., et al (2008). Diet and the epigenetic (re)programming of phenotypic differences in behavior. Brain Research, 1237: 12-24.
34. Kaati G., Bygren L.O., Pembrey M., Sjostrom M. (2007).Transgenerational response to nutrition, early life circumstances and longevity. European Journal of Human Genetics, 15: 784-790.
35. Dolinoy D.C., Weidman J.R., Waterland R.A., Jirtle R.L. (2006).Maternal Genistein Alters Coat Color and Protects Avy Mouse Offspring from Obesity by Modifying the Fetal Epigenome. Environmental Health Perspectives, 114:567-572.
36. Dolinoy D.C., Huang D., Jirtle R.L. (2007). Maternal nutrient supplementation counteracts bisphenol A-induced DNA hypomethylation in early development. PNAS, 104: 13056-13061.
37. Pert C. (1999). The Molecules of Emotion. Scribner. ISBN 978068484634
38. Karam S (2010) A Focus on Parietal Cells as a Renewing Cell Population. World J. Gastroenterology. 16(5): 538–546.
39. Berthoud, H. R.; Neuhuber, W. L. (2000). “Functional and chemical anatomy of the afferent vagal system”. Autonomic Neuroscience. 85 (1–3): 1–17.
40. Sauvé B, et al (2007). Measurement of cortisol in human hair as a biomarker of systemic exposure. Clin Invest Med. 30(5): E183-191.
41. Yasuyuki A., et al (2010) Embryonic development of hair follicle pluripotent stem (hfPS) cells. Med MolMorphol: 43(2);123-127.

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni