sarcopenia rimedi

di Walter Nardari

La sarcopenia è la progressiva degenerazione della massa e della forza muscolare dovuto all’invecchiamento del corpo umano. Molti non lo sanno ma è un processo (quasi) inarrestabile, poiché la sarcopenia ha inizio dai 40-50 anni, con un ritmo che da lento, nei primi 10 anni circa, diventa incalzante a partire dai 60 anni, e comporta la perdita di un 3-8% della massa muscolare. Nessuno è escluso. Chi fa sempre sport si può difendere e salvare per un po’, chi fa vita sedentaria avrà molta difficoltà a recuperare i muscoli persi.

Sarcopenia. Integratori e fitoterapici

I rimedi per chi ha un inizio o un declino muscolare già conclamato sono i seguenti:

  1. Vitamina D: Protegge la salute di ossa e muscoli nell’anziano. Si consiglia l’esposizione al sole per almeno 15 minuti al giorno, magari camminando a passo veloce. La carenza causa rachitismo.
  2. Vitamina B12: Contribuisce alla riduzione della stanchezza, dell’affaticamento, alla normale funzione del sistema immunitario e al regolare metabolismo energetico.
  3. HMB: L’integrazione di HMB (β-idrossiβ-metilbutirrato) apporterebbe un notevole effetto ergonomico che grazie alle sue proprietà anaboliche e anticataboliche, porterebbe ottimi risultati sulle prestazioni, con un miglior recupero muscolare alleviando i dolori causati dagli allenamenti. Contrasta la sarcopenia e protegge i muscoli. In campo medico, alcuni studi hanno evidenziato anche proprietà ipocolesterolemizzanti e antiipertensive.
  4. Glutammina: Circa il 60% degli aminoacidi contenuti all’interno delle cellule muscolari, sono costituiti dalla glutammina. Risulta utile per la riparazione delle cellule, per la generazione e rigenerazione muscolare.
  5. Betalanina: Ha la proprietà di aumentare la carnosina muscolare e quindi supportare esercizi di forza e potenza, ritardando l’insorgenza della fatica muscolare.
  6. Polline del pino: Il polline crudo è una delle fonti naturali di testosterone, contiene steroidi naturali come, ad esempio il deidroepiandrosterone e l’epitestosterone. Questi anabolizzanti naturali possono essere utilizzati per formare e accrescere la massa muscolare. Aumenta inoltre con successo, il numero di spermatozoi attraverso un sistema ormonale più bilanciato. Il Polline di Pino è facilmente assorbibile dall’organismo sotto forma di tintura o polvere. Se il gusto della polvere non fosse piacevole, è possibile aggiungerlo ad altre bevande. La tintura è più forte, perché usa una base alcolica, derivata da uva biologica.
  7.  MSM: Il metilsulfonilmetano, copre un ruolo fondamentale nel mantenimento dell’integrità delle articolazioni e l’elasticità del tessuto connettivo. È un potente antiossidante, un analgesico, un antinfiammatorio, dilata i vasi sanguigni, migliorando la circolazione ed è un efficace miorilassante muscolare.
  8. Magnesio: Il magnesio interviene nella contrazione muscolare e nella trasmissione nervosa, utile per crampi, eccessiva stanchezza, aritmie e insonnia.
  9. Carnitina: L’acetilcarnitina è un potente antidolorifico: con 3-4 g. spariscono quasi tutti i dolori senza intossicare l’organismo.  Nei soggetti cardiopatici l’assunzione di Carnitina, ha migliorato la contrattilità del muscolo cardiaco favorendo una maggiore resistenza allo sforzo, grazie all’ossigenazione dei tessuti cardiaci.
  10. Carnosina: Questo integratore riduce la fatica muscolare, diminuisce le infiammazioni, aumenta la resistenza e previene l’accumulo di acido lattico nei muscoli. Controlla i livelli di calcio nelle cellule del miocardio, migliorando la funzionalità cardiaca.
  11. Tomatidina: Sostanza scoperta recentemente che ha proprietà ipo-colesterolemizzante. Si trova nei pomodori verdi e sembra ridurre l’attività di una proteina ATF4 che causa la riduzione della massa e della forza muscolare.
  12. Creatina: Pare che dia un carattere più anabolico alla cellula, favorendo quindi la sintesi proteica della massa muscolare. Negli alimenti si trovano nella trota, tonno, orata, latte di pecora, capra, mirtilli.
  13. Ganoderma lucidum: Un fungo chiamato anche Reishi, assumendolo è stato dimostrato da studi, un marcato miglioramento della forza muscolare, del sonno e un aumento di peso in circa 1-2 settimane.
  14. Viburnum opulus: Pianta eccezionale per alleviare i crampi muscolari e altri tipi di spasmi (mestruali, vescica, intestino).
  15. Phyllanthus emblica: Uva spina indiana con una buona fonte di proteine, calcio, ferro e vitamina C e un contenuto parziale di fosforo e carboidrati. È conosciuta per essere uno dei migliori rimedi naturali per la debolezza muscolare.

Sarcopenia. Alimentazione

  1. Quinoa: Pianta proveniente dall’America Meridionale molto ricca di carboidrati e steroidi naturali: le saponine, infatti, sono steroidi vegetali noti per incrementare i livelli nel corpo di testosterone e dell’ormone luteinizzante.
  2. Uova: Se si sta cercando la miglior integrazione di anabolizzanti naturali, non si può certo evitare di parlare di uova, e in particolare dei loro tuorli. Il colesterolo, in esse contenuto in grande quantità, è, infatti, uno steroide naturale di cui le uova rappresentano fonte importantissima. Il colesterolo è precursore di tutti gli ormoni steroidei del corpo umano e per questo potrebbe essere considerato come il miglior steroide naturale disponibile, oltre ad essere fonte di nutrimento primario per l’organo più importante, il cervello. Gli albumi, i cosiddetti bianchi dell’uovo sono una fonte ricchissima di amminoacidi bioattivi, utili per la costruzione di massa muscolare. Le uova devono essere mangiate crude per sostituire egregiamente gli anabolizzanti sintetici, garantendo salute e nutrimento.
  3. Sedano: Secondo le ultime ricerche, il profumo del sedano stimola i testicoli a produrre più testosterone, il sedano è noto per essere carico di due steroidi anabolizzanti naturali potenti per la crescita muscolare chiamati androstenone e androstenolo. Il succo di sedano contiene numerose vitamine e minerali ed è consigliato berlo al mattino a digiuno con un dosaggio di 450 – 500 ml.
  4. Avena selvatica: Ricca di steroidi come saponine, gli stessi che si trovano nella quinoa, note per la loro capacità di stimolare T e LH.
  5. Aglio: Contiene adenosina, utile per tendiniti, borsiti e dolori. Migliora l’ossigenazione ai muscoli del cuore, promuove il sonno e sopprime il risveglio, è questo è importante perché dormire poco, diminuisce la velocità con cui il nostro corpo costruisce e ripara i muscoli. Saltare il sonno può neutralizzare tutti i risultati.
  6. Parmigiano – Grana: Contiene prolina e isoleucina e aminoacidi, che aiutano il recupero muscolare dopo l’esercizio fisico e sono coinvolti nella riparazione dei muscoli.
  7. Semi di zucca: Fonte naturale di zinco, istidina, glicina, leucina, isoleucina, arginina, niacina, magnesio, manganese, valina, acido pangamico, beta-alanina, fosforo. Elementi necessari per la formazione di ossa e muscoli, aumentano il testosterone, aiutano nella circolazione venosa, sterilità, stimolano il sistema immunitario. Aiutano nella creazione dell’adenosina trifosfato (ATP).
  8. Acqua: Bere poco causerà perdita di massa e tonicità muscolare, perché il 70 % dei muscoli è costituito da acqua. Attenzione all’acqua che si beve, poco calcarea e se minerale con un residuo fisso non superiore a 50mg per litro.

Sarcopenia. Anabolizzanti NATURALI

Se pensate non basti quello scritto finora e partite in quarta sugli anabolizzanti per costruire più rapidamente i muscoli, meglio orientarsi verso anabolizzanti NATURALI con pochissimi effetti collaterali.

spinaci

  1. popeye sarcopeniaSpinaci. Iniziare dagli spinaci ovvero Spinacia oleracea pianta conosciuta da tutti, ma che non tutti sanno che possiede due steroidi naturali: l’ecdysterone e il deidroepiandrosterone. Ricordate il cartone animato “Braccio di ferro”? Per costruire i muscoli assumere almeno un chilo di spinaci al giorno e possibilmente non conditi e per conseguire un risultato migliore, aggiungere qualche goccia di succo di limone che aumenta la biodisponibilità del ferro contenuto negli spinaci. Controindicazioni: Gli ossalati contenuti negli spinaci sono nocivi nelle forme reumatiche e per chi soffre di calcoli renali (salvo che non siano associati a un’abbondante assunzione di liquidi), osteoporosi o per chi deve guarire da una frattura ossea (l’acido ossalico limita fortemente l’assorbimento di calcio).
  2. Pfaffia paniculata: Pianta conosciuta come “Ginseng Brasiliano” è un anabolizzante naturale, energizzante, accresce la resistenza muscolare, aumenta il livello di ossigeno intercellulare, bilancia gli ormoni, tonico sessuale senza produrre gli effetti collaterali negativi degli steroidi, lievemente analgesico e antinfiammatorio e con effetto anti-ansia. Controindicazioni le saponine, presenti nella pianta, possono causare nausea e disturbi gastrici se assunte in dosi eccessive.
  3. Rhaponticum carthamoides:
    sarcopenia Rhaponticum carthamoides 4-min

    Rhaponticum carthamoides

    La somministrazione dell’estratto ottenuto dalla radice di questa pianta è una fonte di molecole di ecdisteroidi. La pianta è utilizzata nella medicina tradizionale siberiana e russa, per potenziare le prestazioni fisiche in particolare dopo malattia. Il Rhaponticum può aumentare la massa muscolare, migliorare le prestazioni atletiche e aumentare la resistenza. La radice potrebbe migliorare la funzione sessuale negli uomini. Controindicazioni: Può causare una reazione cutanea avversa in seguito all’esposizione al sole. Meglio assumerla al mattino, poiché la sera può causare insonnia.

di Walter Nardari

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni