I trucchi per scegliere angurie e meloni maturi

4 Commenti
Anguria matura

Adoro questi frutti ricchi di acqua biologica, forniscono un sacco di vitamine e minerali e sono ottimi per ripulire l’apparato digerente, rinfrescare e dare un senso di sazietà. Spesso d’estate col caldo ricoprono un’intero pasto e forniscono immediatamente la loro energia senza appesantire. Vanno però scelti bene per poterli gustare!

COME SCEGLIERE UNA BUONA ANGURIA

  • Bisogna prima di tutto porre attenzione alla presenza del picciolo, esso ci indica quanto tempo è passato dalla raccolta e non dovrà essere secco. Se è già staccato ed inizia a fuoriuscire del succo, significa che il frutto sarà particolarmente maturo e zuccherino;
  • Appoggia il frutto all’orecchio e comprimilo leggermente: se la polpa scricchiola all’interno, allora è buono;
  • Picchietta la buccia con le dita: il cocomero deve emettere un suono di “vuoto”;

Se vedete che una parte della superficie è più chiara, non significa che il frutto non è maturo, ma che quello è il lato rimasto a terra durante la crescita;

COME SCEGLIERE UN BUON MELONE

  • La maggiore indicazione del livello di maturazione del melone è data dal picciolo. Un buono melone ha il picciolo non secco, bensì morbido e tendente a staccarsi facilmente;
  • Controlliamo il peso: il melone deve risultare pesante se rapportato alla sua dimensione;
  • Premete il lato opposto al picciolo: se è troppo duro il melone non è maturo, se è troppo morbido e si buca il melone è strafatto. Esso deve essere quindi una via di mezzo, leggermente elastico;
  • Annusa il melone: deve profumare ed essere dolce, ma non troppo.

Alcuni produttori usano l’etilene per far maturare artificialmente i meloni: si riconosce perché una volta aperto la polpa non ha un gran sapore e se la annusate bene sentite un odore chimico.

Possono sembrare tante indicazioni, ma una volta lette sono tutte molto intuitive e dettate dal buon senso. Se potete scegliete coltivazioni biologiche o perlomeno a km zero e locali. Con questi consigli scegliere sicuramente il frutto giusto e vostro umore ne gioverà molto insieme al palato e al corpo. Buona mangiata!

Vedi anche

[catlist name=cibi-della-salute]

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

4 Commenti su questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline