Più di 200 scienziati affermano che le pentole antiaderenti sono pericolose per la salute

11 Commenti

padella

Le pentole antiaderenti sono diffusissime: il cibo non si attacca, usi meno olio e si lavano bene. Ma ci può essere un prezzo alto da pagare per questa convenienza: gli PFAS (sostanze poly- e perfluoroalkyl) utilizzati per creare queste superfici sono tossici e molto persistenti, sia nel corpo che nell’ambiente.

Come si comprende dal nome, gli PFAS sono sostanze chimiche fluorurate. In realtà sono proprio gli atomi di fluoro che forniscono la scivolosità alla padella.

Se la padella resta sul fornello per parecchio tempo vuoto o viene usato come bistecchiera, può accadere che il rivestimento raggiunga alte temperature (200 °C) e rilasci il PFOA, l’acido perfluoroottanoico che, secondo alcuni recenti studi, ha effetto tossico sul fegato e danneggia la tiroide. Il PFOA viene rilasciato anche quando la padella si graffia sia per l’uso che per i lavaggi con spugne abrasive: quindi praticamente tutti l’hanno ingerito.

Il rivestimento antiaderente può fare molto male: ad aggravarne la “posizione” di recente è uscito un ulteriore  studio, condotto da un gruppo di ricercatori della University of Exeter e pubblicato sulla rivista Environmental Health Perspectives, che ha dimostrato come livelli elevati di questa sostanza nel sangue siano collegati a un maggior pericolo di sviluppare malattie alla tiroide, soprattutto nelle donne. “Il Pfoa è una sostanza che permane nell’organismo per molti anni e per questo anche piccole esposizioni possono risultare dannose – aggiunge Riccardo Crebelli, tossicologo dell’Istituto superiore di sanità -. Ma non è la sola che può svilupparsi dal teflon ad alte temperature. In queste condizioni, infatti, il materiale può degradarsi originando anche tetrafluoroetilene, un altro cancerogeno“.

Uno studio americano realizzato dal CDC (Centers for Disease Control and Prevention) ha rilevato la presenza di Pfoa nel sangue del 98% delle persone. In Europa il Pfoa è classificato come una sostanza  rischiosa per il feto e  tossica da inalare e  ingerire. Secondo uno studio danese ha effetti negativi anche sulla qualità dello sperma. 

Probabilmente hai gli PFAS nel tuo corpo

Una volta riscaldate, le pentole antiaderenti diventano una fonte di acido perfluoroctanico (PFOA), una lunga catena chimica di perfluorurati legata a una serie di problemi di salute, tra cui malattie della tiroide, l’infertilità nelle donne, danni agli organi e problemi di sviluppo e riproduttivi negli animali da laboratorio.

La US Environmental Protection Agency (EPA) ha anche dichiarato che i composti perfluorinati (PFC) sono “probabili cancerogeni“. Nonostante ciò, queste sostanze chimiche sono ancora utilizzate in una vasta gamma di prodotti per la casa. Oltre alle pentole antiaderenti, i PFC sono utilizzati per creare rivestimenti resistenti al calore e antiaderenti in:

  • Trattamenti per la moquette e mobili
  • Abbigliamento antimacchia e idrorepellente
  • Spray protettivo per cuoio e scarpe
  • Involucri alimentari, scatole per pizza e sacchetti di popcorn a microonde
  • Vernici e prodotti per la pulizia
  • Sono anche trovati in prodotti chimici ritardanti di fiamma (e, quindi, gli elementi trattati con ritardanti di fiamma) come ad esempio materassi e tanto altro. I PFC possono anche essere rilasciati nell’ambiente attraverso le emissioni delle fabbriche, e durante gli incendi.

Secondo il CDC “Quarto rapporto nazionale sull’esposizione umana alle sostanze chimiche ambientali” pubblicato nel 2009, 12 diversi PFC sono stati rilevati nel corpo dei soggetti analizzati, tra cui PFOA. Secondo l’Agenzia per le sostanze tossiche e registro delle malattie (ATSDR):

“Una volta nel corpo, i perfluoroalchili tendono a rimanere invariati per lunghi periodi di tempo. I più comunemente usati (PFOA e PFOS) rimangono nel corpo per molti anni. Ci vogliono circa quattro anni affinché il livello nel corpo scenda della metà, anche se non vengono più ingeriti”.

Mentre c’è una vertiginosa serie di nomi chimici nei gruppi PFAS, se un elemento è o antiaderente, o impermeabile, o antimacchia, ha un certo tipo di rivestimento al fluoro che fornisce la scivolosità, e si può essere praticamente sicuri che sarà problematico.

Phased Out PFAS sostituiti con altri di simile preoccupazione

Nel 2006, l’EPA conscia di questo ha lanciato il Programma 2010/15 PFOA Stewardship e le aziende ha accettato di ridurre volontariamente l’uso di PFOA e prodotti chimici del 95 per cento entro il 2010, con l’obiettivo di eliminarli entro il 2015.

Purtroppo, è stato solo un programma che non ha avuto successo e gran parte del danno è già stato fatto, in quanto queste sostanze chimiche sono estremamente resistenti alla biodegradazione. Inoltre i prodotti chimici mirati a sostituire gli PFAS hanno molti degli stessi problemi di quelli che si vogliono eliminare.

Ad esempio, un recente studio danese esaminando gli effetti sulla salute degli PFAS, comprese le versioni più recenti a catena corta che stanno sostituendo quelle a catena lunga più datate, ha trovato che le donne con elevati livelli ematici di PFAS hanno avuto un aumento del rischio di 16 volte di aborto spontaneo .

Lo stesso problema sta accadendo con le sostanze ritardanti di fiamma, che ha portato un gruppo di scienziati a proporne il divieto nel tentativo di porre fine a questo ” tossico gioco” svolto dal industria chimica.

Per quanto riguarda il più recente PFAS presente nel mercato, Arlene Blum, un chimico dell’Università della California, e il direttore esecutivo del Green Science Policy Institute dice:

“Sappiamo che questi sostituti sono ugualmente persistenti. Non si decompongono per tempi geologici … E’ una decisione molto grave quella di avere sostanze chimiche che durano così a lungo, e la loro messa in prodotti di consumo con alti livelli di esposizione umana è una cosa preoccupante “.

Le pentole antiaderenti rilasciano fumi tossici

Negli studi sulle padelle antiaderenti commissionati dall’associazione dei consumatori Environmental Working Group (EWG), sono bastati da due a cinque minuti di riscaldamento per raggiungere la temperatura in cui vengono prodotte tossine pericolose.

Il rivestimento comincia a rompere e rilasciare tossine in aria a 240 gradi centigradi. Quando la pentola raggiunge 360 gradi, rilasciano almeno sei gas tossici, tra cui due agenti cancerogeni (PFOA e TFE), e l’acido monofluoroacetico (MFA), un agente da guerra chimica che è mortale per gli esseri umani, anche a basse dosi.

Secondo l’EWG, gli studi condotti dagli stessi scienziati di DuPont (produttori del famosissimo Teflon presente in tutte le nostre pentole ‘nere’) hanno rivelato che quando le pentole antiaderenti vengono riscaldate si scompongono in 15 tipi di gas tossici e particelle. Per un elenco dettagliato puoi consultare il rapporto di EWG 2003 “Canaries in the Kitchen: DuPont has Known for 50 Years” che rileva inoltre:

“DuPont riconosce che i fumi possono anche ammalare le persone, una condizione chiamata ‘febbre da fumi di polimero.’ DuPont non ha mai studiato l’incidenza della febbre tra gli utenti delle miliardi di pentole e padelle antiaderenti vendute in tutto il mondo. Né l’azienda ha mai studiato gli effetti a lungo termine della malattia, o la misura in cui le esposizioni provocano malattie che le persone credono essere erroneamente la comune influenza. “

Centinaia di scienziati mettono in guardia sulla pericolosità degli PFAS

Arlene Blum (citato in precedenza) è anche l’autore principale della dichiarazione di Madrid di recente pubblicazione, firmata da più di 200 scienziati provenienti da 40 paesi, che presenta il consenso scientifico sui danni dei prodotti chimici PFAS usati nelle pentole antiaderente.

Infatti, 10 anni fa, l’EPA multato DuPont di 16,5 milioni di dollare per non aver avvisato sui rischi per la salute connessi con gli PFAS per decenni. Come osservato in un recente report della Environmental Working Group (EWG):

“DuPont sapeva da tempo che il PFOA stava causando il cancro, avvelenando l’acqua potabile nella valle del fiume Mid-Ohio e inquinato il sangue di persone e animali in tutto il mondo. Ma non è mai stato detto ai suoi lavoratori, ai funzionari locali o all’EPA. “

Effetti Documentati sulla salute degli PFAS

La Dichiarazione di Madrid elenca molti degli effetti sulla salute documentati associati con l’uso delle pentole antiaderenti:

  • Tossicità epatica
  • Interruzione del metabolismo dei lipidi, e il sistema immunitario ed endocrino
  • Effetti neurocomportamentali avversi
  • Tossicità neonatale
  • Tumori in diversi organi
  • Cancro ai testicoli e ai reni
  • Malfunzionamento del fegato
  • Ipotiroidismo
  • Colesterolo alto
  • Colite ulcerosa
  • Ridotto peso e dimensioni alla nascita
  • Obesità
  • Diminuzione della risposta immunitaria ai vaccini
  • Ridotti livelli di ormoni e pubertà ritardata

Quali sono le migliori alternative alle pentole antiaderenti

  • padelle in ferro (sono le più naturali e vanno oliate dopo l’uso per non farle arrugginire)
  • padelle in ceramica (sono molto antiaderenti)
  • padelle in acciaio inox (non sono antiaderenti)

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

11 Commenti su questo post

  1. Anche queste sono fatte in alluminio

  2. Nere..come la coscienza di chi si é arricchito..

  3. E vero pericolosissime si deve far da mangiare solo nell acciaio ma quello buono pero a /40 euro la pentola purtroppo prendono ste schifezze perche non ci sono più soldi in giro ma un caffè in meno pero mangiate in salute sopratutto x i vostri figli

  4. Cosa ne dite delle pentole in pietra kasanova?

    • Edoardo says:

      …purtroppo sono schifezze non disismili da tutte le altre.
      E non sono affatto in pietra, ma di un miscuglio fra pietra trattata e teflon…

    • Sara pure vero che fanno male …ma provate a fare una frittata in una Padella di acciaio …..poi anche l acciaio fa male ..l alluminio ….il rame ….

      • Edoardo says:

        Il rame e l’alluminio di sicuro fanno male (il rame poi è anche molto veloce nel cuocere ma anche nel danneggiarti, e infatti viene stagnato, argentato o “inossidato”), mentre per l’acciaio non c’è alcuna evidenza che possa essere nocivo, se hai l’accortezza di prenderlo senza nikel e di non lasciarlo in acua salata o con alimenti acidi tipo il limone.
        Tutte, ma proprio tutte le pentole e le padelle vanno sostituite quando danneggiate (specialmente quelle in rame) e quando vecchie di qualche anno (anche quelle inox); sempre quelle in rame possono essere ri-rivestite, cosa conveniente per l’enormità che costano.
        Naturalmente anche il rivestimento in stagno e argento ha i suoi contro…

  5. Sono d’accordo con te Teresa …io ho fatto il Corso del Metodo Silva ed il mio Maestro diceva sempre che quando si prepara e si mangia con Amore nessuna cosa ti fara’ male…

  6. Antonella Abatantuono niente ti avvelena o tutto ti può avvelenare dipende dalla tua mente

  7. Nina says:

    Io uso “Le pentole della salute”…che sono fatte con uno speciale trattamento (non è una vernice!) agli Inoi d’argento….e devo dire che sono uniche nel loro genere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline