Scoperto il Tè alla Cocaina che veniva venduto in Italia da anni

8 Commenti

tea cocaina

Sembra incredibile ma è una notizia di qualche giorno fa. La polizia ha sequestrato una tisana dal Perù che veniva venduta in Italia da anni e conteneva foglie di coca. E’ molto probabile che ce ne siano ancora in commercio ed ecco la dinamica della scoperta interessante.

La notizia risale all’inizio di questo mese dopo che un 38enne autista di autobus di Genova di nome Roberto è risultato positivo alla cocaina dopo aver subito un test antidoping di routine a cui gli autisti si sottopongono regolarmente.

Ma il conducente dell’autobus aveva goduto di un servizio esemplare da 10 anni presso l’autorità dei trasporti di Genova, Amt, e ha protestato la sua innocenza alla società medica.

L’autista del bus ha detto che l’unica ragione per cui potrebbe aver fallito il suo test è stato perché il giorno prima aveva bevuto una tazza grande di “Delisse alla coca”, che aveva acquistato da un negozio di alimentari etnici nel centro della città. Ha confessato al medico che usava spesso questo tè perché lo faceva sentire più attento al volante.

Il medico ha così chiesto di portare due bustine di tè al suo studio così da provare anche lui questa tisana. Il giorno dopo il medico si è sottoposto al test antidroga e prontamente è risultato positivo alla cocaina.

Sono stati quindi avvisati i Nas che hanno inviato un ufficiale al negozio di alimentari etnici a comprare una scatola di ‘Delisse alla coca’ tè in modo da poter essere analizzato.

Gli ufficiali hanno anche esaminato il lavoro di ufficio del proprietario del negozio.

Il proprietario aveva tutta la documentazione in regola e l’acquisto del tè era avvenuto da un grossista peruviano milanese che da anni lo vendeva nel suo negozio.

Dopo aver testato le bustine di tè, la polizia ha detto che era fatta con piccole quantità di foglie di cocaina e non conteneva un quantitativo non insignificante del principio attivo del farmaco, il cloridrato di cocaina.

Le autorità hanno immediatamente etichettato il prodotto come “potenzialmente pericoloso” e ha riferito che i suoi effetti sarebbero abbastanza forti da alterare le capacità cognitive dell’automobilista.

Sono stati stupiti nello scoprire che il tè aveva passato i controlli doganali tutti questi anni ed è stato ordinato di essere rimosso dai negozi. Essi stanno anche monitorando l’importatore peruviano che importava il tè nel paese.

In Perù, tisane a base di cocaina, come ‘Delisse alla coca’ sono consumate da migliaia di anni, soprattutto da parte degli agricoltori nelle Ande che li bevono per ridurre i sintomi di disagio del mal di montagna.

La crescita della produzione e del consumo delle foglie di coca è stata opera degli spagnoli durante i primi decenni della conquista americana. Nell’uso delle foglie di coca trovarono un ottimo alleato per gli schiavi indigeni per dare loro maggiore resistenza e ridurre la fame e la sete. La cocaina che viene spacciata illegalmente è un estratto chimico e concentrato della pianta. Oggi alcuni paesi sud americani la coltivano usando erbicidi cancerogeni come il glifosato.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

8 Commenti su questo post

  1. Raffaella Grossi says:

    In questo articolo si
    confonde la foglia di coca con la cocaina. Il mate de coca è un lieve stimolante; e il suo consumo può essere paragonato a quello di tè e caffé. K’oca significa “sacro” in quechua e la pianta della coca, per la sua capacità di aumentare le facoltà percettive, è stata da sempre considerata intermediaria fra gli uomini e la divinità: secondo indagini archeologiche si utilizzava a scopi cerimoniali già duemila anni prima di Cristo. La cocaina, invece, è una invenzione europea, è stata estratta dalle foglie di coca per la prima volta nel 1859 dal chimico tedesco Albert Niemann.

  2. le solite esagerazioni .. è un tè che si trova facilmente , non più “energizzante di 2 tazze di caffè

  3. alex says:

    come articolo e’ piuttosto scadente: il mate de coca e’ una bevanda tradizionale usata un po’ ovunque e che essendo innocua viene liberamente esportata ovunque.
    foglie di coca e cocaina sono due cose ben diverse.
    oltretutto va precisato che il glifosato non e’ usato per coltivare la coca, ma viene criminalmente spruzzato dagli aerei dei “buoni” per distruggere le piantagioni.

    • giancarlo says:

      Ho casualmente bevuto una “bombilla” di mate offertami da un missionario, in un convento dove ero alloggiato a Roma.
      Poco dopo sono partito in moto per incontrarmi con moglie e amici per la marcia della pace a Perugia… La moglie mi ha detto che ero diventato insopportabile, nervosissimo, agitato, con gli occhi dilatati da pazzo.
      Non mi sono reso conto di nulla; ma per 48 ore ero carico come una molla, non ho sentito stanchezza nè sonno, e a quanto pare parlavo a mitraglia….
      Mai più, per me queste bevande vanno evitate da noi europei; ci risultano dannose come l’alcool per gli arabi che non ci sono assuefatti.

      • Mickeymouse says:

        Mi spiace ma pochi conoscono la verità sulle foglie di Coca ed il suo utilizzo

        • Danilo says:

          mi piace il titolo ignorantissimo dell’articolo, sembra scritto da un bambino di 3 anni… ad ogni modo e che sarà mai, sono da poco tornato dal Perù, ti assicuro che è come bere un caffè ed ha anche un gusto piuttosto gradevole. Se per 48 ore eri carico come una molla non so cosa ti abbiano dato, di sicuro 4 foglie di coca non fanno questo effetto, sono solo leggermente energizzanti

  4. Zelda says:

    La burocrazia è necessaria, ma solo quando il burocrate è tenuto sotto controllo da parte di qualcuno più intelligente e che ha una visione di insieme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline