1 scorza di limone è il trucco per sbarazzarsi di infiammazione e dolore cronico

17 Commenti

limone buccia

Questo è uno di quei rimedi della nonna che funzionano. E’ incredibile come abbiamo dimenticato tutta la conoscenza antica per lasciare il posto a farmaci chimici pieni di effetti collaterali e che il nostro corpo deve smaltire. Questo semplice trucco ti sarà utile per rimuovere infiammazione e dolore alle articolazioni. Provare non costa nulla!

I limoni sono uno dei frutti più utili al mondo tanto che l’albero di limone è uno dei più antichi e più coltivati.
Sono abbondanti di vitamine e minerali come la vitamina C, A, B1, B6, potassio, magnesio, fosforo, calcio, bioflavonoidi, pectine e acido folico.

Il limone è ricco di acido citrico, essenziale per il ricambio energetico delle cellule, rafforzare il nostro sistema immunitario e il suo succo, diluito nell’acqua e bevuto ogni mattina, è un toccasana per alcalinizzare il nostro organismo e rimuovere le scorie.

Per chi pensa che la scorza del limone sia uno scarto deve sapere che essa contiene da 5 a 10 volte più di vitamine rispetto al succo ed è ricca di composti che possono essere usati per avere dei benefici specifici. Proprio per questo consiglio di usare il limone congelato per assorbirne tutte le proprietà come spiegato nell’articolo Ecco come ATTIVARE il Limone per avere tutti questi benefici.

La buccia di limone contiene infatti degli oli essenziali che aiutano a rilassare i vasi sanguigni, sciogliere il dolore e producono un effetto anti-infiammatorio.

Pertanto la scorza è estremamente efficace per prevenire l’infiammazione e ridurre il dolore cronico.

Ecco il primo metodo

Innanzitutto acquista limoni biologici o non trattati in superficie. Come ho spiegato nell’articolo Le Bucce di Arance e Limoni sono Potenzialmente Tossiche gli agrumi sono trattati con cere e sostanze chimiche dannose, quindi è da evitare l’ingerimento e il contatto cutaneo prolungato. Per questo scegli solo limoni non trattati, li puoi riconoscere perché non sono lucidi ma rugosi e molto più naturali.

Prendi due limoni, lavali, togli via la buccia, tagliala a pezzettini e mettili in un contenitore di vetro (tipo quello delle marmellate). Aggiungi l’olio di oliva fino a metà, chiudi il barattolo e lascia riposare la miscela per due settimane. Dopo due settimane, il tuo olio benefico è pronto. Bisogna strofinarlo sulla zona interessata, avvolgere con una garza e lasciare agire tutta la notte.

Il secondo metodo

Grattugia la scorza di limone, facendo attenzione a prendere solo lo strato di colore giallo e non la parte bianca. Metti la buccia sulla parte del corpo interessata spremendola e strofinandola e poi avvolgi il tutto con una benda. Tienila per circa due ore.

Una mia amica il suo medico le aveva consigliato di togliere col coltello la buccia (parte gialla) e metterla nella parte dolorante durate la notte (nel suo caso i piedi quindi nei calzini) e mi conferma che ha sempre funzionato. Prova e fammi sapere la tua esperienza nei commenti!

Ricordati che il miglior medico è la natura: guarisce i due terzi delle malattie e non parla male dei colleghi. 7

Galeno, medico greco antico del II sec d.C. che ha posto le basi della medicina

La Cura al Succo di Limone
e le altre virtù – miracolo della natura

Voto medio su 3 recensioni: Buono

Curarsi con Acqua e Limone
Depura ogni giorno il tuo corpo con la doccia interna
– Metodo Naturopatia Oberhammer®

Voto medio su 66 recensioni: Da non perdere

La Nuova Dietetica
Equilibrio termico del corpo, combinazioni alimentari,
trofoterapia, trofologia, prandiologia, trofogastronomia

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

17 Commenti su questo post

  1. Grazie del consiglio. Provero’ la buccia del limone grattugiata

  2. Grazieeeeee ! Mi serve ! Ci provo !

  3. valter ottello says:

    ti ricordo ke gli ANTIOSSIDANTI, non sono nella biccia degli AGRUMI ,ma nell’elemento bianco della sottobuccia e filamenti vari … da non confondere coi filamenti dei RAGNETTI VOLANTI dispersi nell’atmosfera … così commentano i GEOMETRI di > cicap son POLIMERI generati dal decadimento del carburante nel serbatoio degli AEREI ….

  4. C’è anche l’olio essenziale i limone, quello puro di qualità…che è molto più pratico e sicuro.

  5. Maria meloni says:

    Proverò il limone come antiffiammatorio l’ho già sperimentato come depuratore la mattina

  6. mara says:

    Lo proverò stasera come antinfiammatorio per il mio tallone troppo sfruttato dalla corsa anche perché Domenica ho una gara

  7. puddu says:

    aggiu pruvato e sogno contentu
    acciau e a prestu

  8. Pab says:

    …Il limone è ricco di acido citrico, è un toccasana per alcalinizzare il nostro organismo…
    Mi sfugge qualcosa … se è un acido come fa ad alcalinizzare?

    • dioni says:

      Ciao Pab, è il suo metabolismo che è alcalinizzante, ovvero l’acido citrico viene scisso durante la digestione in prodotti ad effetto alcalinizzante (sostanze alcaline)
      Ad esempio, vice versa, il latte è un alimento basico (alcalino) che però è estremamente acidificante perché quando viene digerito produce prodotti ad effetto acidificante (sostanze acide).

  9. Gianpiero says:

    Quindi la parte gialla a contatto con il piede o quella bianca ?

  10. Alessandro says:

    Ciao Riccardo.

    Soffro da un paio di mesi di fascite plantare. Utilizzando il limone, la parte gialla deve essere per forza grattugiata oppure si può mettere direttamente a contatto con lil piede durante la notte?

    Grazie.

  11. Massimo says:

    Proveremo anche questa per il mio dolore al tallone che ho trattato con tutte le fisioterapie possibili.
    Manca la macumba e poi sono al completo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline