SEMI DI CHIA. Una ventata di salute messicana !

Nessun Commento

 

Wikipedia ci informa che la chia (Salvia hispanica, L. 1753) è una pianta floreale della famiglia Lamiaceae, nativa del Guatemala e del Messico centrale e meridionale.
Ne esitono due varietà e l’altra è la Salvia columbariae, più nota come golden chia.

La parola “Chia” in Azteco assume il significato di “Forza”
Chia deriva dal nahuatl chian: che significa oleoso.

Dunque tutta questa forza dove è racchiusa?

La pianta era coltivata dagli Aztechi in epoca precolombiana;  adesso viene coltivata in Messico e Guatemala, sia per la produzione di sfarinati che di semi interi ad uso alimentare.
La raccolta dei suoi semi è spesso riservata a realtà coinvolte nei circuiti del commercio equo e solidale.

Semi di Chia - 225 g

Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere

PROPRIETA’:

I semi di chia sono stati ammessi sul mercato UE e come ingrediente alimentare nel mese di ottobre 2009, in quanto presentano proprietà nutrizionali degne di essere conosciute, paragonabili dal punto di vista nutrizionale a quelli del lino e del sesamo.

A stupire è soprattutto il loro contenuto di calcio (pari a 600 milligrammi per ogni porzione da 100 grammi) Esso è considerato di 5 volte superiore a quello del latte.

la presenza particolarmente bilanciata all’interno di essi di acidi grassi essenziali omega3 e omega6, li rende affini ai semi di lino e all’olio di lino.

100 grammi di semi di chia presentano circa 20 grammi di omega3,

Anche il loro apporto di :

–   vitamina C,

–   ferro

–  potassio  è sorprendente.

Essi presentano un contenuto di vitamina C (5,4 milligrammi ogni 100 grammi) di 7 volte superiore rispetto a quello delle arance;

un contenuto di potassio (809,15 milligrammi ogni 100 grammi) doppio rispetto alle banane ;

una presenza di ferro (9,9 milligrammi ogni 100 grammi) tripla rispetto agli spinaci.

Non bisogna inoltre sottovalutare la presenza di altri minerali come il selenio, lo zinco ed il magnesio.

I semi di chia sono naturalmente ricchi di aminoacidi necessari per la formazione delle proteine da parte dell’organismo, tra cui possiamo trovare metionina, cisteina e lisina (è esclusa la taurina) e di antiossidanti, presenti all’interno di essi in quantità 4 volte superiore rispetto ai mirtilli.

(per approfondire: articolo tratto da:

L'Altra Medicina N. 19 - Magazine - Maggio 2013
Autori Vari

http://www.macrolibrarsi.it/speciali/semi-di-chia-la-forza-degli-aztechi-sulle-nostre-tavole.php?pn=3419

 

EFFETTI BENEFICI:

–          Controllo della glicemia: sono ritenuti in grado di svolgere un’azione di controllo del livello degli zuccheri nel sangue, contribuendo ad arginare l’aumento di peso.

 

–          Energia: Il loro contenuto di aminoacidi, di vitamine e di sali minerali contribuisce a regalare all’organismo un ottimo livello di energia.

 

–          Prevenzione delle malattie cardiovascolari e Regolazione della pressione sanguigna: soprattutto per chi è iperteso.
studi scientifici dimostrano che i Semi hanno un non trascurabile effetto sui livelli di pressione sanguigna, in particolare  sono in grado di abbassare i livelli di pressione del sangue (se usati in dosaggi elevati) dai 2 ai 10 mmH

Ma attenzione !!!
Chi è affetto da patologie Ipertensive o Ipotensive, dovrebbe utilizzarne piccole dosi, sotto stretto controllo dei valori di pressione. In quanto un abuso da chi ha già pressione bassa (Ipotensione o farmaci per abbassare pressione) può causare dei problemi.

–          Potenziano la possibilità di perdere peso: poiché sono in grado di fornire nutrienti essenziali ed energia senza che l’organismo richieda di assumere grandi quantità di alimenti in sovrappiù.

–          Anticolesterolo: La loro assunzione è utile in quei soggetti che necessitano di tenere sotto controllo i livelli del colesterolo nel sangue, possibilmente giungendo ad un loro abbassamento.

–          Ipoallergenici: Questi semi non contengono assolutamente glutine e la loro assunzione è quindi possibile anche a coloro che soffrono di celiachia o di intolleranza ad esso.

–          Contenuto calorico:  apportano 70 calorie ogni 15 grammi di prodotto, quantità corrispondente a circa un cucchiaio di prodotto, che apporta nel contempo circa 3 grammi di proteine e 7 grammi di carboidrati, oltre agli acidi grassi ed ai sali minerali già elencati.
Non contengono colesterolo né zuccheri semplici.

 

Regolatori dell’intestino: i semi sono composti per circa il 25% da fibra alimentare, essa svolge naturalmente un POSITIVO effetto di regolarizzazione delle funzioni intestinali . Lasciati in ammollo in acqua a temperatura ambiente, i semi, sono in grado di assorbire acqua in quantità molto superiore al loro peso, costituendo un gel benefico che può essere assunto come tale al mattino, preferibilmente a stomaco vuoto.

ATTENZIONE però ! Potrebbe causare in alcune persone un aumento della produzione di gas intestinali.
In caso di notevole aumento della produzione di gas (gonfiore e aumentata frequenza di flautulenza) si consiglia di ridurre l’apporto giornaliero.

 

COME UTILIZZARLI NELL’ALIMENTAZIONE:

Piccoli, croccanti e dal sapore piuttosto neutro.
Possono essere aggiunti al muesli della colazione o accompagnati a cereali e altri semi, come i semi di zucca o di girasole, per uno snack salutare e nutriente nel corso della giornata.
A differenza dei semi di lino, questi semi non irrancidiscono e possono essere conservati anche per anni in dispensa all’interno di un contenitore ben chiuso.

Possono essere assunti crudi nella dose di uno o due cucchiai al giorno come integratore alimentare naturale, oppure possono essere utilizzati come condimento per numerosi piatti tra cui insalate, pasta, risotti, orzo, miglio, quinoa, legumi ed altri cereali a piacere.

Nat Chia Bio - 450 g

Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere

Altri utilizzi li vedono come ingredienti da aggiungere a frullati di frutta e/o verdura oppure come elemento decorativo, ma nutriente, su crostini e tartine sui quali siano state spalmati paté di olive o salsine preparate con ortaggi freschi come pomodori, carote o peperoni.

Frullato alle fragole con semi di chia

( qui una ricettina : http://armoniapaleo.blogspot.it/2013/05/frullato-alle-fragole-con-pistacchi-e.html )

E’ ottimo anche l’abbinamento con i sapori dolci; ad esempio possono essere aggiunti a macedonie o essere utilizzati come guarnizione per biscotti plum-cake e torte, preferibilmente a cottura ultimata;  possono inoltre essere aggiunti alla frutta cotta – ideale l’abbinamento con mele o pere – oppure nell’ultimazione di zuppe, minestre e vellutate di verdura, ortaggi o funghi.

Chia Pudding alla Banana

(http://mariogreenchef.com/2012/02/06/chia-pudding-alla-banana/)

Se imbibiti in acqua a Temperatura ambiente si ottiene un gel, così come il gel di semi di lino, ottenuto secondo il medesimo procedimento, e può essere utilizzato come sostituto delle uova nella preparazione di torte e biscotti.

All’estero vengono inoltre utilizzati per la preparazione di infusi e di cioccolatini dolcificati con la stevia. Infine, possono essere impiegati tra gli ingredienti per la preparazione casalinga di pane integrale .

Inoltre dopo essere stati ammessi dalla UE , essi sono stati inclusi tra i NUOVI PRODOTTI (novel foods), consentendone la presenza, fino ad un massimo del 5% nei prodotti da forno.

La FDA considera i semi “Supplemento Nutrizionale Dietetico” negli USA.
Viene inoltre considerato “Cibo Salutare” dal Department of Health and Human Service.

DOVE TROVARLI? 

in Italia i semi non sono molto diffusi, ma potrebbero essere reperiti in erboristerie ben fornite o in negozi equosolidali / negozi di prodotti biologici e naturali o ancora più facilmente on line

Vengono distribuiti in Europa e venduti anche in Italia da parte di Chia Seed Europe.

http://chiaseedeurope.blogspot.it/
Vi sono diversi negozi online che prevedono la vendita di semi di chia, ma non tutti effettuano spedizioni in Italia.

Fonti

http://www.greenme.it/mangiare/altri-alimenti/8585-semi-di-chia-usi-dove-trovarli
http://semidichia.altervista.org/checose.php

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline