Sete di zucchero – La sconcertante verità sulle bevande

Nessun Commento

sete di zucchero

Mangeresti una pila di sedici zollette di zucchero nella speranza di farti passare la sete? Nessuno sano di mente lo farebbe! Ma se queste zollette sono ben sciolte nella tua bevanda allora l’illusione di dissetarti bevendola bella ghiacciata potrebbe essere forte!
Gli autori del sito Sugar Stacks hanno fatto un ottimo lavoro rendedo visibile sotto forma di pile di zollette di zucchero (ogni zolletta pesa 4 grammi) la quantità di zucchero bianco presente in alcune famose bibite e in altri popolari snacks. In questo articolo ho selezionato quelli più famosi in Italia perchè molte delle porcate da loro esaminate, in Italia non sono mai arrivate (che bello essere italiani!).

1. Coca Cola

coca

Rispettivamente 39g, 65g e 108g. Mette paura guardare tutte queste zollette una sopra l’altra!

2. Red Bull

redbull

In una lattina da 250 ml ci sono 27 grammi di zucchero bianco per un totale di 108 Kcalorie.

3. Spremuta di arance Minute Maid.

minute-maid

Un bicchere da 240 ml e una bottigla da 500 ml contengono rispettivamente 24 e 48 grammi di zucchero per un totale di 96 e 192 Kcalorie.

4. Latte al cioccolato Nesquick

nesquik

Una bottiglia da mezzo litro contiene 58 grammi di zucchero che corrispondono a 232 Kcalorie delle 400 totali.

Quando ti rendi conto che in una lattina di coca cola ci sono 8 cucchiai di zucchero raffinato e in un brick di estathè 4 e mezzo, allora non ci si sorprende nel vedere persone e soprattutto bambini iperattivi, grassi e con deficit di attenzione.

Come afferma il Dott. Serravalle “Obesità, ipertensione, diabete, carie, ma anche iperattività e disturbi del comportamento sociale nei bambini sono riconducibili ad un eccessivo consumo di zucchero.”

Togliendo le bevande industriali e assumendo invece acqua e frutta ricca di acqua distillitata biologica e fruttosio naturale staremo molto meglio a livello fisico e mentale, specialmente i bambini che sono molto più sensibili.

Per approfondire sullo zucchero vedi

Prof. Franco Berrino: “Mangiamo il peggio del peggio” – Perché e come cambiare

35 milioni di morti l’anno – E’ lo zucchero bianco!

Lo zucchero come la cocaina?

I SEGRETI PER ALIMENTARE AL MEGLIO I NOSTRI BAMBINI

11 cose che distruggono il tuo Sistema Immunitario

“Come siamo guariti dal diabete” – Cosa togliere cosa assumere

Stevia Rebaudiana Italiana - Raw Rebaudioside 98%
La Stevia va utilizzata al posto dello zucchero, in ogni preparazione che abbia bisogno di essere dolcificata. È 350 volte più dolcificante del comune zucchero, ma zero calorie

Voto medio su 5 recensioni: Da non perdere

Stevia
L’alternativa naturale allo zucchero

Voto medio su 5 recensioni: Buono

Estrattore Versapers Emotion White 2G
ll modello Emotion White 2G è provvisto di manico

Voto medio su 35 recensioni: Da non perdere

ChufaMix - Veggie Drinks Maker
Il primo utensile per spremere semi, frutta secca, cereali ed erbe!

Voto medio su 73 recensioni: Da non perdere

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline