Sincronismo Creativo. Come sviluppare e riconoscere le sincronicità

6 Commenti

sincronicita

di Luca Falace, dal libro Il Sincronismo Creativo

E’ importante sviluppare la consapevolezza, delle cose che ti circondano. Questo può avvenire in maniera profonda, solo grazie alla comprensione del funzionamento degli Eventi Paralleli.

Questo fenomeno naturale, ci accompagna durante l’arco della nostra intera esistenza. Nell’uomo comune tale comprensione e azione avviene a livello istintivo. Tu comprenderai che può esserci un’interazione con tale fenomenologia. In essa si trova il mistero dell’esistenza. Quindi, ciò che tu andrai ad imparare corrisponde al più alto ed importante studio, nei riguardi della tua esistenza e quella di tutti gli Esseri Umani.

Questo è l’unico volume al Mondo, che menziona la relazione che intercorre tra i Sincronismi, le Coincidenze e la Sincronicità.

Per ottenere dei risultati importanti bisogna pensare e agire, in una maniera diversa dalla massa. Bisogna imparare a pensare. Dimenticare ciò che si conosce, per poi comprendere e imparare nuovamente. Occorre conoscere nuove strade, muoversi oltre i preconcetti.

Per comprendere in una maniera profonda il Fenomeno degli Eventi Paralleli, rifletti con attenzione ciò che ho studiato, e scritto in questo manuale. Vedrai che si aprirà un nuovo mondo dietro ogni cosa che osserverai.

La Coincidenza nella Cultura degli Uomini

La coincidenza, quella estranea alla ragione dell’individuo, è definita genericamente come casuale, o come disegno del destino. Gli antichi occidentali la definivano: volere del fato. In Oriente tale fenomeno viene spiegato come effetto delle leggi karmiche. Nella cultura occidentale, negli anni successivi all’avvento del Cristo, questi fenomeni erano spiegati come messaggi del volere divino.

Nella cultura attuale, legata al processo tecnologico, il fenomeno delle coincidenze vive una caotica stratificazione, di tutte queste spiegazioni, concepite dal pensiero umano. L’osservazione umana, essendo tale, è limitata ad una ristretta valutazione dei fatti, seppure essa rientri in una comune simbologia universale legata agli archetipi.

La comunanza descrittiva del fenomeno delle coincidenze, in alcuni casi, trova un unico pensiero, nelle varie culture che popolano il pianeta. Come se l’osservazione umana, di un fenomeno da sempre ignoto, arrivi ad una comune e pacifica spiegazione. In tal senso il fenomeno può trovare una giustificata spiegazione, nei cosiddetti archetipi junghiani.

Loading...

Il fatto che non si possa dare un significato alla coincidenza, non vuol dire che il fenomeno, non può essere studiato. La coincidenza può essere identificata, in un determinato contesto, in una situazione favorevole, o meno, nel quale l’individuo si trova.

L’associazione della coincidenza, al tipo di esperienza vissuta, determina un personale giudizio positivo, o negativo, nei riguardi di ogni individuo.

Il fenomeno naturale, dunque, si verifica in qualsiasi contesto, o luogo. Questo avviene sia nel microcosmo, e sia nel macrocosmo, senza distinzione.

Per quanto riguarda un’analisi della manifestazione in questione, da parte di qualsiasi individuo estraneo al fenomeno, consiglio una mia metodologia conveniente.

Il Gioco, a mio parere, è il modo migliore per avvicinare il singolo individuo impreparato, all’individuazione e all’analisi delle coincidenze.

Il Gioco delle Coincidenze

Il gioco delle coincidenze, solo così possiamo iniziare ad avvicinarci seriamente, con interesse, all’analisi del fenomeno naturale delle coincidenze: giocando. Nello studio di tale fenomeno ho potuto riscontrare, nelle persone di qualsiasi ceto sociale e professione, un indubitabile tabù a riguardo. Addirittura in molti casi, una paura infondata.

Il gioco come forma di interazione, per familiarizzare, in modo tranquillo, con questo profondo e controverso fenomeno naturale.

Il metodo è molto semplice, basta trascrivere le coincidenze significative nelle pagine di un agenda personale. È importante che la coincidenza significativa abbia una datazione. La trascrizione deve essere inserita sia nella pagina, in riferimento alla data dell’evento, e sia nel calendario dell’agenda.

Dopo un paio di mesi, si potranno notare un’innumerevole serie di coincidenze cicliche, verificatesi in determinati giorni della settimana. Dopo un paio di anni, gli eventi paralleli, potranno essere osservati nei cicli mensili e, dopo molti anni, questi potranno essere notati nel ciclo annuale.

Dopo un decennio gli eventi paralleli, sorprendentemente, coincideranno con risultati ottenuti nel nostro studio, nel lavoro, nella vita sentimentale ecc. La meraviglia è quella di osservare un preciso disegno del camino individuale, legato a fatti, avvenimenti, persone, luoghi ecc. scaturito da apparenti coincidenze.

Questa mia analisi metodologica risveglierà la tua coscienza, poiché ti apparirà chiaro, che il tuo cammino si è svolto in concomitanza degli eventi paralleli.

In seguito ho riportato un mio elaborato elenco, le cui supposizioni, chiariscono alcuni punti fondamentali inerenti il fenomeno delle coincidenze.

Dal lato pratico invece è possibile visionare – grazie all’elenco da me compilato – alcuni punti fondamentali su cui le coincidenze pare abbiano un senso concreto:

  1. La coincidenza esiste in natura, come qualsiasi fenomenologia presente nell’universo.

 

  1. L’interazione dei fenomeni avviene secondo le varie tipologie di carattere, e quindi secondo l’evoluzione dell’individuo.

 

  1. Le coincidenze avvengono con eventi, luoghi, situazioni, nomi, persone, pensieri, idee, scoperte, animali, clima, ecc.

 

  1. Le coincidenze non possono essere valutate, ma solo osservate nella loro continua evoluzione naturale.

 

  1. Il numero delle coincidenze, in un caso, può essere infinito o nullo.

 

  1. Tale fenomenologia non è sottoposta ad alcuna regola matematica inerente la logica cartesiana, e la fisica newtoniana.

 

  1. Tale fenomenologia coincide con alcune ipotesi relativistiche, della meccanica quantistica e, della teoria del campo.

 

  1. La spiegazione, da parte dell’essere umano, in riferimento a qualsiasi tipologia di sincronismo, comporta una mutazione dell’arcano significato originario neutrale, rendendo il fenomeno un evento scaramantico, basato sull’osservazione ristretta, di uno o più individui.

 

  1. Ignorare l’esistenza, o ridurre alla semplice casualità, il fenomeno delle coincidenze, significa avere una visione ristretta e superficiale, nei riguardi dell’osservazione dell’esistenza.

 

  1. Le coincidenze evolutive possono essere umane, animali, naturali e universali.

 

  1. Le coincidenze evolutive umane scaturiscono da un’intenzione conscia, o inconscia, da parte di un singolo individuo.

 

  1. Le coincidenze evolutive umane scaturiscono da un’intenzione conscia, o inconscia, da parte di una ristretta o globale collettività umana terrestre.

 

  1. Le coincidenze evolutive animali scaturiscono da un’intenzione istintiva da parte di una ristretta, o globale, collettività, corrispondente ad una qualsiasi tipologia di essere vivente esistente nel mondo animale terrestre.

 

  1. Le coincidenze evolutive naturali sono estranee a qualsiasi volere umano, scaturiscono da fenomeni naturali terrestri.

 

  1. Le coincidenze evolutive universali sono estranee a qualsiasi volere umano, scaturiscono da fenomeni naturali cosmici.

 

  1. Gli esseri umani a differenza degli animali possono tentare di studiare il meccanismo delle coincidenze, ma non sono ancora in grado dare alcuna interpretazione personale, positiva o negativa, poiché la coincidenza è neutrale, come l’energia del cosmo.

 

  1. Ogni speculazione repentina, superficiale e arbitraria, da parte dell’uomo comune, senza alcuno tipo di studio correlativo in merito, non può essere nemmeno considerata come un’opinione.

 

  1. Il giudizio di un’osservazione superficiale è considerato il risultato di un’inutile valutazione, di un atto primitivo scaramantico, che riduce il fenomeno naturale ad un semplice e dannoso pensiero superstizioso.

 

  1. Le coincidenze si diramano in una serie di varie tipologie di eventi sincronici. Questi scaturiscono da una fonte naturale, o intenzionale. Possono essere la manifestazione di origine inconscia dell’individuo, oppure sono estranei ad esso. In molti casi, le coincidenze scaturiscono da una parallela manifestazione della natura stessa.

Estratto dal libro “Il Sincronismo Creativo” di Luca Falace

Leggi anche Il Segreto Mitologico. Coincidenze nell’arte, nei miti e nelle leggende contemporanee


luca falaceLuca Falace, nato in Italia, il 15 Dicembre del 1970, Laureato alla Facoltà di Lettere all’indirizzo Storico Artistico Contemporaneo. Nella sua tesi in Antropologia Culturale sul fenomeno delle divinazioni, evidenzia la relazione con le origini dell’arte attraverso la ricerca della simbologia del mito, presente nelle tradizioni popolari. Insegnate di storia dell’arte, creatore di opere pittoriche e musicali, designer di prodotti industriali, ideatore di macchinari per il benessere del corpo umano e mediatore nel settore dei Brevetti Industriali Internazionali. Da oltre un decennio è impegnato nell’analisi antropologica dell’arte e nello studio degli eventi paralleli. Ha pubblicato con Iemme edizioni Il Segreto Mitologico e Il sincronismo creativo (2013).

Disclaimer: Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione vietata senza il consenso scritto dell'autore.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
Loading...

6 Commenti su questo post

  1. Ester says:

    Per la prima volta leggo un articolo in Dionidream per me totalmente incomprensibile. Chissà che qualcuno mi possa illuminare.

    • adele says:

      Leggiti qualcosa su Jung, spiegare in un post è praticamente impossibile.

  2. tiziana perricone says:

    Jung ha solo scavato la superficie…ed è morto pazzo. I fenomeni non si possono spiegare se non si comprende la Vita. E la scienza non li spiega, perchè non conosce la mente. C’è un inconscio, un subconscio, un conscio, un super-conscio e un super- super-conscio. Le molteplici forme e circostanze sono dovute ai diversi piani della realtà, relativa o assoluta. Gli archetipi dipendono da se. La sincronia è solo la “potenza” dell’Essere, e così la coincidenza e la sincronicità. Sincronico… è un Essere divenuto reale. Nel mondo…non ci son vuoti ma solo Cosmi.

    • Ester says:

      Vorrei sapere da dove ha tolto l’informazione che Jung è morto pazzo. Grazie.

      • tiziana perricone says:

        Leggere Osho : “La rivoluzione interiore” – La psicologia dell’esoterico.

        • Ester says:

          Grazie. È la prima volta che sento che Jung è morto pazzo. Osho non è un autore che mi dà fiducia. Vedrò di fare qualche ricerca in merito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close