Questo semplice e veloce TEST muscolo-scheletrico rivela le aspettative di durata della vita

14 Commenti

sitting rising test

Si chiama “Sitting-Rising Test” (Test siediti e rialzati), non richiede nessun dispositivo e lo si può eseguire a casa anche da soli e in pochi secondi e permette di conoscere le aspettative di vita allo stato attuale.

E’ stato elaborato negli anni ’90 attraverso uno studio su più di 2000 persone dal medico brasiliano Claudio Gil Araújo che aveva notato in molti dei suoi pazienti, specialmente quelli più anziani,  difficoltà di equilibrio e forza, anche nello svolgimento di semplici gesti come raccogliere qualcosa da terra o alzarsi da una sedia; partendo quindi da questa osservazione ha orientato la sua ricerca sulla valutazione della condizione di:

  • Flessibilità
  • Equilibrio
  • Forza

come parametri per misurare l’aspettativa di vita, poiché queste abilità, oltre ad indicare lo stato di salute generale, se compromesse aumentano il rischio di cadute ed incidenti.

Eseguire il Test

– I vestiti indossati devono essere molto comodi

– Trovate uno spazio di almeno due metri quadrati e sistematevi preferibilmente su un tappetino

– Togliete scarpe e calze

Non preoccupatevi di eseguire i movimenti in modo veloce.

Il test non va eseguito se si hanno problemi alle gambe, in particolare a anca, ginocchio, caviglia.

FASE 1

Loading...

Dalla posizione eretta, flettere le gambe fino a sedersi a gambe incrociate, possibilmente senza appoggiarsi o utilizzare un supporto.

fase1 sitting rising

FASE 2

Tornare in posizione eretta, possibilmente senza l’uso di alcun appoggio o sostegno.

fase2 sitting rising

Punteggio

Il massimo del punteggio è 10: si calcolano 5 punti per sedersi e altri 5 punti per tornare in piedi senza alcun sostegno o appoggio.

Si sottrae un punto ogni volta che si utilizza una mano, avambraccio, ginocchio o lato della gamba per aiutarsi nel movimento.

Si sottrae mezzo punto se si perde l’equilibrio.

Risultati

Da 8 a 10: Buono

Hai la migliore aspettativa di vita.

Da 3,5 a 7,5: Discreto

C’è qualche problema. La probabilità di morire è due volte superiore rispetto a quelli che hanno un buon punteggio.

Da 0 a 3: Scarso

E’ un vero e proprio avvertimento. Secondo il test hai cinque volte più probabilità di morire nei prossimi sei anni rispetto a quelli che hanno un buon punteggio.

Come migliorare il punteggio

La buona notizia riportata dallo studio di Claudio Gil Araújo è che si può migliorare il punteggio con meno sedentarietà e più attività fisica, e non è mai troppo tardi per iniziare. Ovviamente ogni caso è a sé e andrebbe valutato, per alcuni potrebbe essere sufficiente essere più disciplinati o impegnarsi maggiormente nell’attività fisica che già svolgono; per chi ha riscontrato un punteggio basso la situazione è più delicata, soprattutto se si tratta di persone che non hanno mai praticato attività fisica e/o anziane, in questi casi la scelta migliore è rivolgersi a un professionista nel settore delle scienze motorie (ad esempio un preparatore atletico in una palestra o un fisioterapista) che saprà valutare il quadro personale e indicare un programma adatto. In ultimo, va da sé che è indispensabile associare all’attività fisica un sano regime alimentare.

Affidabilità e finalità del Test

Per quanto il test sia semplice, lo studio ha riscontrato che in base ad esso si può prevedere l’aspettativa di vita con preoccupante precisione. Testato su più di 2.000 dei suoi pazienti di età compresa tra 51 e 80 anni, è emerso che: chi arrivava a meno di 8 punti aveva due volte più probabilità di morire entro i successivi sei anni; chi aveva ottenuto 3 punti o meno aveva cinque volte più probabilità di morire entro lo stesso periodo. In generale, ogni punto raggiunto nel test rappresenta una diminuzione del 21 per cento della mortalità.

Il senso di dimostrare in modo tangibile come la salute generale sia stata influenzata da abitudini malsane vuol essere quello di fornire ai pazienti una motivazione efficace all’ottenere una forma fisica migliore.

Se un paziente si sente consigliare di cambiare abitudini spesso non è disposto ad impegnarsi in tal senso, ma se si sente dire: “se non ottieni una forma migliore, potresti morire nel giro di cinque anni“, è probabilmente più incline a prenderne atto e provvedere.

Avvertenze e Controindicazioni

Lo studio di Araujo è stato eseguito solo su pazienti di età superiore ai cinquanta anni, quindi sugli individui più giovani i risultati del test non   avranno la stessa attendibilità. Indipendentemente dalla vostra età, il test in generale dovrebbe fornire un utile punto di riferimento per la vostra salute. Se avete meno di cinquanta anni, dovrebbe essere un campanello d’allarme aver riscontrato un problema con il test.

Ricordiamo ancora che: il test non va eseguito se si hanno problemi alle gambe, in particolare a anca, ginocchio, caviglia.

Video dimostrativo del Sitting Rising Test

Riferimenti
Jump up ^ “A Simple Test Assessing Ability To Sit Up From The Floor Predicts Mortality Risk”. Medical News Today. 2012-12-14. Retrieved 2013-12-18.
Brito LB et al. Ability to sit and rise from the floor as a predictor of all-cause mortality. Eur J Prev Cardiol. 2014 Jul;21(7):892-8.
Ability to sit and rise from the flooras a predictor of all-cause mortality  University of Missouri-Columbia on December 19, 2012

Copyrighted.com Registered & Protected 1JO4-LYVA-0RHE-1JZI

Disclaimer: Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione vietata senza il consenso scritto dell'autore.
Tiziana Ronchietto

Autore

Tiziana Ronchietto

Naturopata e praticante di di Dinamica Mentale/Somatopsichica, Theta Healing e Reiki, è appassionata di veganesimo, animalismo, permacultura, ambiente e decrescita sostenibile. Vive a Chiavari (GE), ha organizzato diversi eventi e collaborato con molti siti sul benessere naturale. E' amministratrice della pagina facebook Just for the love of it - Solo per l'amore di farlo.

Leggi anche
Loading...

14 Commenti su questo post

  1. Scendo bene…è risalire il problema

  2. Punteggio nove, sono ancora messa bene dai!

  3. Fiorillo Paolo trainer meglio che ci divertiamo adesso…non riesco a rialzarmi

  4. silvio says:

    Secondo me questo test vuol dire poco.
    Sono un fisioterapista, e persone sopra i 50 che possono eseguirlo sono veramente poche, perché hanno problemi alle articolazioni o perché hanno il bacino rigido, come la gran parte dei maschi occidentali, escluso il sudamerica.
    Le femmine occidentali sono invece in grado di ruotare il bacino facilmente e di eseguire più facilmente questo esercizio.
    Se si va in africa, oriente e in medioriente o in sudamerica e anche nei balcani, quasi tutti riescono a compiere questo movimento in età avanzata, maschi e femmine, esclusi i casi (comune inferiori all’occidente) di articolazioni e tendini danneggiati; dipende molto anche dall’abitudine, specialmente da giovani, di stare seduti per terra.

    • giovanni says:

      Il fatto è che molte persone non sono disposte a cambiare i propri dogmi o punti di vista. Quando Lei dice dipende dall’abitudine ha detto tutto. Significa che buone abitudini danno buone aspettative di vita e noi occidentali abbiamo pessime abitudini di vita.
      Con tutto il rispetto per la Sua professione, con l’esclusione delle terapie post-traumi, se tutti avessero buone e sane abitudini, ad esempio non prendere l’ascensore anche se vivi ai piani alti – camminare a piedi per almeno mezz’ora al giorno – evitare cibi spazzatura – evitare medicinali inutili e dannosi ecc., non credo che un medico o terapista avrebbe molti clienti.

      • silvio says:

        Caro Giovanni, sono perfettamente d’accordo con lei.
        Le sembrerà strano, ma sarei molto contento di cambiare lavoro.
        Ma vado sul sicuro:, visto il trend attuale, so che non succederà nel corso della mia vita professionale.

  5. Sara says:

    Ho perso maggiorparte del mio equilibrio dopo operazione al cervello causa tumore 🙁 quindi non riesco a svolgere tantissime attivita’ 🙁 fra cui anche svolgere piccoli esercizi di yoga 🙁 Quindi?

    • Tiziana Ronchietto says:

      ciao Sara, personalmente ti sconsiglierei di effettuare il test, prima di tutto per prudenza e rispetto della tua sicurezza fisica, secondariamente perchè perde il suo valore di analisi in quanto il tuo quadro è di una certa complessità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close