Skype, addio privacy. Ora i dati degli utenti sono a disposizione della polizia postale

Nessun Commento

Skype, sempre meno privacy. Ora i dati degli utenti sono a disposizione della polizia postale Milano, 27 Luglio. Microsoft si impegna a fornire i dati degli utenti Skype alla polizia.

Microsoft si impegna a fornire i dati degli utenti Skype alla polizia postale per ridurre ulteriormente il compimento di reati. Ennesima spallata alla privacy degli utenti.

Skype, il servizio di telefonia on-line, apprezzato da dissidenti politici, criminali e altri desiderosi di comunicare senza la sorveglianza dei governi, ha deciso di ampliare la propria cooperazione con le autorità per rendere le chat online e altre informazioni sull’utente a disposizione della polizia, secondo quanto hanno reso noto alcuni funzionari del governo e della società familiari con le modifiche.

La sorveglianza del feed audio e video rimane impraticabile – anche quando richiesto esplicitamente dai tribunali, dicono i funzionari del settore. Ma questa barriera potrebbe alla fine svanire dato che Skype sta diventando una delle forme di contatto più popolari nel mondo delle telecomunicazione.

Le modifiche alle chat online, i messaggi scritti e trasmessi quasi istantaneamente tra gli utenti, rappresentano in parte il risultato di aggiornamenti tecnici apportati a Skype, promossi infatti per affrontare interruzioni e altri problemi di stabilità da quando Microsoft ha acquistato la società lo scorso anno. Alcuni funzionari degli Stati Uniti e di altri Paesi hanno da tempo spinto per ampliare il loro accesso alle nuove forme di comunicazione per risolvere quello che l’FBI chiama il problema ‘dell’andare oscuro’ (Going Dark problem, ndr).

I cambiamenti danno alle autorità l’accesso ad indirizzi e ai numeri delle carte di credito degli utenti, attirando gli applausi negli ambienti delle forze dell’ordine, ma altrettanta ostilità da parte di molti attivisti e analisti (negli ambienti di Anonymous si preme per un intervento, ndr).

Le autorità avevano per anni lamentato il fatto che la crittografia di Skype e altre funzioni di monitoraggio rendessero l’individuazione dei signori della droga, di pedofili e terroristi più difficile. Alcuni esponenti del fondamentalismo islamico raccomandavano il servizio su alcuni fora online. La polizia, durante l’ascolto di intercettazioni telefoniche tradizionali, di tanto in tanto sente dire ai sospetti impauriti per una possibile sorveglianza del telefono frasi come: “Ehi, parliamone su Skype”.

Gruppi hacker ed esperti di privacy hanno speculato per mesi sul fatto che Skype avesse cambiato la sua architettura per rendere più facile per i governi il monitoraggio delle attività degli utenti e molti avevano accusato Microsoft di aver elaborato un nuovo sitema per ottemperare alle richieste governative nei paesi di tutto il mondo solo per preservare i propri profitti a scapito degli utilizzatori.

“La questione è fino a che punto le nostre comunicazioni siano appositamente costruite per rendere facile la sorveglianza”, ha dichiarato Lauren Weinstein, co-fondatore del Popolo per la Responsabilità Internet, un gruppo di privacy digitale. “Quando lo strumento viene reso facile al controllo, le forze dell’ordine vorranno sicuramente utilizzarlo sempre di più. Se lo costruisci, loro arriveranno”.

Fonte http://focustech.it

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline