solstizio inverno significato spirituale

Il solstizio d’inverno ha un profondo impatto energetico sul corpo e sulla mente. Comprenderne il significato spirituale permette di allinearsi ad esso. Quest’anno accade il 21 dicembre alle ore 23:23 italiane.

Il solstizio d’inverno rappresenta il giorno più breve e la notte più lunga dell’anno. L’oscurità raggiunge il suo apice e la natura segue i cambiamenti energetici di questo nuovo ciclo solare. Anche il nostro corpo e la nostra mente ricevono gli influssi del solstizio d’inverno ed essere in grado di armonizzarci con esso ci permette di ottenere tutti i benefici da questo passaggio.

Il passaggio dall’autunno al più freddo e buio inverno cambia le nostre emozioni e il nostro umore. Ci potremmo sentire depressi, letargici e malinconici. E’ più probabile che in questa fase le nostre paure vengano in superficie. Se siamo in grado di allinearci con i cambiamenti che spiegherò qui di seguito, allora il nostro stato emotivo sarà bilanciato e comprenderemo l’azione dell’energia della Natura attorno a noi.

Il significato spirituale del solstizio d’inverno

Il solstizio d’inverno incarna il momento di massima immobilità, silenzio e oscurità, e le forti forze stagionali che manifestano in questo momento facilitano il viaggio verso la radice della saggezza.

L’oscurità è il momento in cui è più facile accedere alla saggezza. Attribuiamo spesso all’oscurità una connotazione negativa, in realtà essa è l’insegnante della più alta saggezza. Tendiamo ad associare la saggezza alla luce. Ma proprio come il movimento nasce dall’immobilità, il suono nasce dal silenzio, la luce della pienezza sorge dal nulla dell’oscurità.

Il solstizio d’inverno è il momento ideale per meditare sulla vacuità dell’esistenza. In una stanza buia in questo momento buio, contempla le storie che definiscono la tua esistenza. A poco a poco queste storie assumeranno l’aspetto di immagini di sogni effimere proiettati sullo schermo della consapevolezza. Continua ad osservare quelle immagini e loro si addolciranno, si scioglieranno e si dissolveranno. Quindi, tuffati più a fondo e renditi conto che lo schermo della consapevolezza è precedente alla tua identità, al senso dell’ego. Immergere la consapevolezza in questo spazio di vuoto permette di accedere alla pace profonda e di rigenerare e nutrire il proprio vero essere.

solstizio inverno antenati

Questo significa incarnare lo spirito del solstizio d’inverno e sperimentarne la sua energia.

Caratteristiche energetiche del solstizio d’inverno

Il solstizio d’inverno è la porta d’ingresso per un nuovo ciclo energetico. Ha le caratteristiche di inattività, freddo, buio, lento, femminile e silenzioso, tutto rallenta. Il nostro corpo istintivamente vuole riposare, riflettere, conservare e immagazzinare energia. Concediamoci e doniamoci il tempo per l’introspezione, il riposo e la conservazione delle nostre forze. In questo modo ci prepareremo per l’esplosione di crescita e attività nel nuovo anno con la primavera. Detto altrimenti:

Se vogliamo avere la forza del successo nel nuovo ciclo di attività del nuovo anno dobbiamo accumulare energie in questa fase di inattività.

Elemento: Acqua
Colore: Nero
Natura: Yin
Organi: Reni / vescica
Emozioni: Paura / forza di volontà
Sapore: Salato
Condizione: Freddo
Direzione: Nord

solstizio inverno medicina tradizionale

L’inverno è associato ai reni, alla vescica e alle ghiandole surrenali. Secondo la saggezza cinese, i reni sono la fonte di tutta l’energia prenatale che decide la nostra longevità. E’ fondamentale conservare questa energia per avere la forza di autoguarigione, prevenire le malattie e ritardare l’invecchiamento.

I reni controllano la regione lombare, quindi non forzare la schiena e non prendere freddo in questa area dato che l’energia dei reni si disperde facilmente. Questa parte finale dell’anno può essere riempita con un ritmo frenetico di acquisti, socializzazione, viaggi, decorazione e altri consumi energetici elevati, quindi trova il tempo di rallentare e sincronizzarti con il ciclo della natura. Lo stress infatti, come insegna la scienza, stimola le ghiandole surrenali e quando è per periodo prolungato genera stanchezza surrenale. L’energia dei reni viene bruciata dallo stress, quindi rallentiamo, operiamo con tranquillità e concediamoci del riposo.

È importante nutrire l’energia dei reni e mantenere quest’area calda e coperta. I reni sono connessi alle orecchie, quindi coprire la testa per fortificare l’energia dei reni.

Solstizio d’inverno e medicina tradizionale cinese

Il solstizio d’inverno rappresenta il periodo dell’anno in cui lo Yin, il principio recettivo raggiunge il suo apice. Lo Yin è associato a qualità come interiorità, pesantezza, passività, profondità e oscurità.

Il solstizio d’inverno è il momento in cui staccarti da tutti i tuoi impegni, stress lavorativo, attaccamenti, e sprofondare in un morbido cuscino e sperimentare la profonda liberazione del sonno ristoratore.

Nella medicina tradizionale cinese e quindi nel taoismo, il solstizio d’inverno è un periodo di nutrimento. Le zuppe, il brodo con erbe medicinali sono preparate per rigenerare il corpo. Secondo la medicina tradizionale cinese, il corpo assorbe meglio i nutrienti durante i freddi mesi invernali e quindi il solstizio d’inverno è un momento di guarigione. Gli alimenti curativi e nutrienti vengono mangiati per mantenere sia la salute fisica che quella spirituale del corpo.

La medicina tradizionale cinese consiglia di prediligere verdure come carote, cipolle e zenzero; frutta secca (noci, mandorle), cereali integrali (riso, grano saraceno, miglio, grano turco), carne (agnellovitello), legumi (lenticchie, fagioli rossi, fagioli neri), zuppa di miso, stufati.

miso acquista

Nel taoismo il solstizio d’inverno è un momento di ricongiungimento familiare e per il ricordo familiare. Offerte di cibo sono lasciate sull’altare degli antenati presente in ogni casa fino alla vigilia del solstizio d’inverno. La carta d’oro (金紙 jīnzhǐ) è bruciata come offerta per le divinità patronali della famiglia e la carta d’argento bruciata come offerta per i morti. Il giorno successivo, quelle offerte di cibo dall’altare vengono mangiate per ricevere benedizioni, prosperità e protezione.

Dei 64 esagrammi del I Ching, il libro dei mutamenti, l’esagramma 24 (復 fu) chiamato “il ritorno” indica la ricarica, il recupero, il riposo, il ritorno a casa, alla propria dimora ed è l’esagramma corrispondente ai cambiamenti introdotti dal solstizio d’inverno. È un punto di svolta, quando la luce cala nell’oscurità, un tempo per l’autoconservazione.

i ching

Questo solstizio d’inverno, il 21 dicembre, prenditi tempo per nutrirti, riposare, rigenerarti. Consuma cibi caldi, nutrienti, senza appesantirti dato che la digestione rallenterà. Il riposo, il nutrimento, rigenereranno il tuo corpo, mente e spirito. Dedica un momento per ricordare i tuo antenati il cui DNA è dentro di te con tutte le connessioni che ne conseguono. Sfrutta la forza degli antenati per rafforzare i poteri di coloro che sono qui ora e con quella forza ringiovanita, prosperare durante l’inverno. Stabilisci i confini della tua vita sociale, mettiti al primo posto e preserva il tuo benessere, estrai dal tuo spazio personale ciò che sai essere tossico e poi prepara un pasto caldo per nutrire l’anima. Non fare sforzi fisici e soprattutto tieni la schiena calda e non affaticarla. Questa notte oscura più lunga dell’anno, prenditi il ​​tempo per la pace. È la stagione per ricaricarsi. È anche un momento per la pianificazione strutturale e organizzativa dell’anno a venire.

I più sinceri auguri per questa fase di ritorno nella quiete profondità di noi stessi.

Riccardo


Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni