SPAGHETTI AI PESTICIDI: C'È ANCHE BARILLA!

11 Commenti
pasta-pesticidi

Clicca per ingrandire

Un test effettuato in Svizzera dimostra la presenza di insetticidi negli spaghetti più comuni acquistati nei supermercati. Si salvano i prodotti biologici. Prodotti contaminati, anche se nella norma…

Una notizia che fa scalpore e che viene da un test effettuato in Svizzera: alcuni spaghetti, ad esclusione di quelli da agricoltura biologica, contengono tracce di erbicidi e pesticidi. A certificare questa amara verità è un test comparativo effettuato dalla rivista svizzera di consumatori Bon à savoir. La notizia rimbalzata in tv attraverso la Radiotelevisione svizzera RTS, ma non ha oltrepassato con altrettanto clamore la catena alpina. Il confronto è avvenuto su 15 campioni di spaghetti, di cui 13 prodotti convenzionali e 2 prodotti bio. I prodotti biologici, di due marche elvetiche, passano il test senza note negative.
Mentre su sei confezioni sono state trovate tracce di pirimifos metile che viene usato per la conservazione del grano nei silos, queste confezioni sono Prix Garantie, Combino, Reggano, Barilla e La Pasta di Flavio. In due altri campioni sono state rinvenute anche tracce di altri disinfestanti (cipermetrina e terbufos).

Dispiace dover rilevare che quattro di questi prodotti sono di origine italiana, anche se non conosciamo la provenienza dei grani impiegati. Le marche sono Combino, Reggano, Barilla, La pasta di fallivo. Nessuna traccia di pesticidi come dicevamo in tutti i prodotti biologici, ma anche in De Cecco, Garofalo e nella confezione di spaghetti Barilla integrali.

Bisogna evidenziare che tutte le quantità di residui trovati rimangono al di sotto dei limiti imposti dalla legge. Ma si potrebbe disquisire a lungo sulla quantità minima tollerabile di insetticidi assunti per via alimentare, sui i loro effetti sulla salute, anche in quantità minime, e sulle ripercussioni di carattere biologico e ambientale. Invitare i consumatori a ingerire pesticidi ed erbicidi a norma di legge non sembra molto salutare e attento nei confronti dell’essere umano.

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

11 Commenti su questo post

  1. Allora i pesticidi sono buoni!

  2. E per quanto riguarda la Barilla non l’ho mai comprata ..ho sempre preso la de Cecco che alla Barilla ci Caga sopra!!!!!!

  3. daniele says:

    Era interessante sapere di quasi tutte le marche in commercio i risultati, altre alla Barilla.

    • Dioni says:

      Ciao Daniele,
      Lo studio è stato fatto in Svizzera e hanno analizzato quelle presenti nei lorosupermercati, che in comune con noi hanno De Cecco, Garofalo e Barilla. De Cecco e Garofalo sono risultate esenti, come anche la Barilla Integrale. Il consiglio comunque in generale è di prediligere marchi biologici dove per definizione non dovrebbero esserci pesticidi ed erbicidi.

  4. La Barilla non è neanche italiana ma americana, il grano americano è tutto ogm quindi fatevi due conti….

  5. daniele says:

    0.018mg/kg. ovvero 18mg ogni tonnellata di pasta. però frutta e verdura cruda che vengono direttamente irrorate di pesticidi non danno fastidio a nessuno

  6. giusto antonio e prendere marche nn pubblicizzate

  7. Vi sorprendete ancora!!!
    Il grano contaminato di cernobyl l abbiamo mangiato fino all ultimo spaghetto questa notizia in confronto è niente!!!

  8. La farina proviene dai molini di Casillo di Corato (bari),che fornisce tutta Italia..!!loro comprano da Iraq Iran ,ecc…dove ci sono statate guerre ..!! Immag cosa mangiamo..!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline