Studio: Annusare Rosmarino migliora il cervello e la memoria del 75%!

8 Commenti

rosmarino

Il rosmarino è un’erba meravigliosa con una tradizione che dura millenni. Ha innumerevoli utilizzi sia in cucina e in erboristeria. La famosa erbalista Juliette de Baïracli Levy disse in un’intervista che se doveva cambiare casa, la prima cosa che farebbe è piantare il rosmarino. Le sue proprietà sono davvero tante e fin dall’antichità è stato collegato con il miglioramento e sviluppo del cervello.

In Amleto di Shakespeare, Ophelia dice: “C’è il rosmarino, che è per il ricordo.” Infatti già si sapeva che migliorava la memoria tanto che è stato a lungo utilizzato come simbolo di rimembranza durante i matrimoni, commemorazioni di guerra e funerali. [1] Veniva anche bruciato e le sue ceneri gettate sulle tombe come simbolo del ricordo per i morti. Gli arabi del periodo medievale lo usavano spesso e lo elogiano come la pianta che “conforta il cervello, la memoria e i sensi interiori”. [2]

A causa di questa associazione apparentemente esoterica, il rosmarino è a volte stato usato come una sorta di amuleto, e messo sotto i cuscini o semplicemente appeso in casa come un mazzo di fiori, e si credeva che l’utilizzo del rosmarino in questo modo avrebbe protetto il dormiente da incubi, così come aumentato le capacità cognitive.

Ciò che si sapeva migliaia di anni fa sul rosmarino è stato confermato da diversi studi scientifici. 

L’olio essenziale di rosmarino è stato osservato che stimola l’acetilcolina, un neurotrasmettitore che mette il cervello in condizione di lavorare al massimo dell’efficienza.

Il ruolo di olio essenziale di rosmarino in aromaterapia come un agente che favorisce la chiarezza mentale è stato convalidato dallo studio di Moss, Cook, Wesnes, e Duckett (2003), in cui l’inalazione di olio essenziale di rosmarino ha migliorato significativamente le prestazioni per la qualità complessiva della memoria e la memoria secondaria dei partecipanti allo studio. [3]

Più di recente, nel 2012, uno studio su 28 persone anziane (in media 75 anni) ha trovato statisticamente significativi miglioramenti delle prestazioni cognitive con dosi di foglia secca in polvere di rosmarino. [4]

Un altro studio condotto da Mark Moss e Lorraine Oliver presso la Northumbria University, Newcastle ha individuato il 1,8-cineolo (un composto di rosmarino) come agente potenzialmente responsabile per il miglioramento delle prestazioni cognitive e l’umore. [5]

Ulteriori studi di Mark Moss e il suo team hanno osservato miglioramenti della memoria fino al 75% con la diffusione di olio essenziale di rosmarino. [6]

E’ quindi particolarmente utile nel contrastare l’Alzheimer, il decadimento cognitivo e i disturbi della memoria.

Per chi studia o svolge un lavoro intellettuale deve sapere che è stato inoltre rilevato che 1,8-cineolo entra nel flusso sanguigno dei mammiferi dopo inalazione o ingestione. [7] E’ interessante inoltre sapere che in uno studio del 1998 pubblicato sul Journal of Neuroscience, è stato dimostrato che il rosmarino aumenta la vigilanza, e la lavanda aumenta la precisione nel pensiero matematico. [8]

Può essere quindi utile fare una miscela di questi due oli per avere un effetto combinato molto efficace e dimostrato scientificamente oltre che dalla tradizione millenaria!

Idrolato di Rosmarino
Estrazione in corrente di Vapore

RIFERIMENTI

[1] Henry Lyte “Niewe Herball”, 1578, p.264 http://books.google.com/books?id=ifxNAAAAcAAJ&pg=PA264

[2] http://www.awm.gov.au/commemoration/customs/rosemary.asp

[3] Moss M., Cook J., Wesnes K., & Duckett P. (2003). Aromas of rosemary and lavender essential oils differentially affect cognition and mood in healthy adults. International Journal of Neuroscience, 113(1): 15-38. Retrieved 24 March 2013 from http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/12690999

[4] http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21877951

[5] http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3736918/

[6] http://roberttisserand.com/2013/04/new-rosemary-memory-research

[7] http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/3671550

[8] http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/10069621/

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

8 Commenti su questo post

  1. Un bel cespuglione di rosmarino, forse!

  2. uno degli infiniti doni di madre natura,,,,,

  3. L’ho sempre fatto….ma non sono Pico Della Mirandola!

  4. Se andate al parco termale nitrodi, a Ischia, è previsto nel percorso: 10 minuti di bagni sotto le acque curative e poi farsi inebriare dall’odore del rosmarino e delle altre piante aromatiche presenti, e di nuovo un bagno e di nuovo mettere il muso o cospargersi con le mani dell’odore del rosmarino.

  5. Se andate al parco termale nitrodi, a Ischia, è previsto nel percorso: 10 minuti di bagni sotto le acque curative e poi farsi inebriare dall’odore del rosmarino e delle altre piante aromatiche presenti, e di nuovo un bagno e di nuovo mettere il muso o cospargersi con le mani dell’odore del rosmarino.

  6. Il rosmarino “tulsi” per gli indiani è una pianta sacra e curativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline