Studio: L’Ibuprofene aumenta del 32% il rischio di arresto cardiaco

Nessun Commento

ibuprofene arresto cardiaco

L’ibuprofene è un principio attivo presente in molti farmaci FANS usati come antidolorifici, analgesici (emicranea, cefalea) e antireumatici.

Un nuovo studio rivela che questi farmaci a base di ibuprofene facilmente acquistabili in farmacia senza prescrizione medica e comunemente consumati da milioni di persone che li considerano sicuri, sta causando probabilmente migliaia di morti da arresto cardiaco ogni anno.

Secondo la Fondazione Sudden Cardiac Arrest, l’arresto cardiaco improvviso è la causa principale di morte tra gli adulti con circa 326.200 persone che sperimentano ogni anno un arresto cardiaco improvviso fuori ospedale solo negli Stati Uniti. Purtroppo 9 vittime su 10 di arresto cardiaco improvviso moriranno.

A livello medico le cause dell’arresto cardiaco improvviso sono ancora ampiamente considerate sconosciute. Tuttavia sono indicati come fattori di rischio: la storia familiare, i problemi cardiaci precedenti o il colesterolo LDL elevato (un marcatore che oggi viene rivisto totalmente nella sua funzione).

Ma cosa succede se qualcosa così evidente e prevenibile come il consumo di farmaci con ibuprofene potrebbe contribuire a questa epidemia di salute?

Cause di morte 2012

Cause di morte nel 2012

Lo studio pubblicato in Marzo nella rivista European Heart Journal – Cardiovascular Pharmacology e intitolato “Non-Steroidal Anti-Inflammatory Drug Use Is Associated With Increased Risk of Out-Of-Hospital Cardiac Arrest: A Nationwide Case-Time-Control Study,” (L’uso di farmaci antinfiammatori non-steroidei è associato con un amento del rischio di arresto cardiaco extra-ospedaliero), mostra che queesti antidolorifici considerati innocui da parte della popolazione sono associati a un rischio significativamente maggiore di arresto cardiaco.

Il professor Gunnar H. Gisalson, uno dei ricercatori principali dello studio spiega in una intervista:

“Permettendo di acquistare questi farmaci senza prescrizione e senza alcun consiglio o restrizioni, si invia come messaggio alla popolazione che devono essere sicuri.”

Loading...

“Precedenti studi hanno dimostrato che i farmaci FANS sono legati ad un aumento del rischio cardiovascolare, che è una preoccupazione perché sono ampiamente utilizzati.”

Lo studio ha esaminato un totale di 28.947 pazienti che hanno subito un arresto cardiaco fuori ospedale in Danimarca nel corso di un decennio. L’attacco cardiaco differisce dall’arresto cardiaco in quanto il primo coinvolge danni al cuore quando il flusso del sangue si arresta (di solito per via dell’ostruzione della circolazione), mentre quest’ultimo comporta danni da parte del cuore stesso che si arresta. 3,376 di questi sono stati trattati con un farmaco antinfiammatorio non steroideo (FANS) fino a 30 giorni prima dell’evento. I FANS più comuni utilizzati erano ibuprofene (51%) e diclofenac (22%).

I risultati dello studio hanno rivelato che l’uso di questi farmaci è stato associato ad un aumento del rischio di arresto cardiaco del 31%. Ibuprofene e diclofenac hanno aumentato il rischio del 31% e del 50% rispettivamente. Il Naproxen, il celecoxib e il rofecoxib non sono stati associati ad un aumento dell’arresto cardiaco.

Gunnar ha osservato questi risultati:

“I risultati sono un forte richiamo al fatto che i FANS non sono innocui. Diclofenac e ibuprofene, entrambi i farmaci comunemente usati, sono stati associati ad un significativo aumento del rischio di arresto cardiaco. I FANS devono essere usati con cautela e per una indicazione valida. Dovrebbero essere evitati nei pazienti con malattie cardiovascolari o con molti fattori di rischio cardiovascolari.”

Non è la prima volta che la cardiotossicità profonda di ibuprofene è venuta alla luce. Abbiamo riportato sul tema un articolo intitolato qualche tempo fa intitolato 10 migliori nutraceutici naturali che sostituiscono l’ibuprofene (antidolorifici, antinfiammatori, analgesici)

Siamo fortemente d’accordo con le osservazioni dell’intervista di Gunnar quando dice:

“Il messaggio corrente che viene inviato al pubblico sui farmaci antinfiammatori non steroidei è errato. Se puoi acquistare questi farmaci in un negozio di alimentari, probabilmente pensano ‘devono essere sicuri’. Il nostro studio aggiunge le prove sugli effetti cardiovascolari avversi dei FANS e conferma che devono essere presi seriamente e utilizzati solo dopo aver consultato un professionista sanitario.”

Come Sayer Ji di GreenMedInfo afferma: “Si tenga presente che altri comuni antidolorifici come l’aspirina e l’acetaminofene (Tylenol), hanno anche effetti collaterali devastanti che sono comunemente sottorapportati o minimizzati.”

Riproduzione vietata senza il consenso scritto dell'autore.

Disclaimer: Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *