Il succo per evitare di russare e liberarti dalle apnee notturne

2 Commenti

rimedio russare

Russare oltre a disturbare il tuo partner è un segnale del corpo da comprendere. Questo disturbo del sonno può essere causato da

  • un eccesso di muco che ostruisce le vie aeree nasali, in quanto, a causa dell’ostruzione, è necessario uno sforzo maggiore per trasferire l’aria attraverso questi condotti, di conseguenza le pareti della gola vibrano, emettendo il suono tipico del russare
  • le allergie e la sinusite, in quanto entrambe queste condizioni ostacolano il flusso d’aria attraverso le vie respiratorie, di conseguenza, se il passaggio dell’aria viene compromesso, si tende a russare
  • le deformità nella struttura del naso, come il setto deviato, in quanto, a causa di questa deformità, si crea un ostacolo fisico al passaggio dell’aria attraverso le vie respiratorie
  • lo scarso tono muscolare della gola e della lingua dovuto all’assunzione di alcuni farmaci o dal consumo di alcol oppure legato all’età.

Inoltre russare è un disturbo collegato con

  • l’interruzione della respirazione per alcuni secondi, dovuta all’ostruzione del vie aeree
  • i continui risvegli durante la notte ed altri disturbi del sonno
  • la tensione dei muscoli della gola, indispensabile per mantenere un flusso di aria sufficiente alla respirazione
  • la diminuzione dei livelli di ossigeno nel sangue ed il conseguente aumento della pressione sanguigna
  • la sonnolenza, durante il giorno, causata dai disturbi del sonno che compromettono la qualità e la quantità del sonno

Quindi bisogna cercare di risolvere le cause per sentire come ci si sente meglio, più energici oltre a fare contento chi dorme con noi.

La seguente ricetta è un succo studiato per rimuovere l’eccesso di muco e contribuire a sciogliere la sinusite, che sono le principali cause del russare.

Ingredienti per 1 persona

¼ di limone
5 cm di radice di zenzero
2 mele
2 carote

Preparazione

Se hai un estrattore è meglio altrimenti usa la tua centrifuga o frullatore per ottenere il succo.

Uso

Bere questo succo un paio d’ore prima di coricarsi per non russare.

Ci sono alcuni alimenti che peggiorano il russare. Pertanto, è necessario evitare:

Zuccheri, dolci, biscotti
Superalcolici
Fritti
Farinacei
Cioccolato (fino a qualche quadratino al giorno va bene)

Quindi eliminando o riducendo questi alimenti e consumando questo succo si riuscirà ad alleviare il problema del russare dato che non si formerà più muco che ostruirà le nostre vie respiratorie. Usare l’argento colloidale spray che disinfetta le mucose può essere utile oppure usare delle clip nasali è un’altra valida soluzione.

Fammi sapere!

Clip Nasale Magnetico
Per non russare più!

Voto medio su 2 recensioni: Sufficiente

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

2 Commenti su questo post

  1. C’è scritto nelle cause che il russare può venire da un setto nasale deforme. Ma non c’è scritto se comunque “cura” il russare durante la notte in caso dell’evenienza sopra citata

  2. L’unico sistema per evitare apnee e proteggere il cuore e’ la ventilometria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline