"Super tempesta solare in arrivo, i governi si preparino"

20 Commenti

tempesta solare

Impossibile predire la data dell’evento ma gli effetti – secondo gli scienziati – saranno catastrofici.

NON SI SA QUANDO ma è meglio farsi trovare pronti perché una cosa è certa: arriverà. Una super tempesta solare capace di mettere in ginocchio linee elettriche, provocando estesi blackout, e di mandare in tilt i satelliti Gps e quelli per le telecomunicazioni. Ne sono convinti i ricercatori della task force internazionale SolarMax, che dalla rivista Physics World lanciano un appello ai Governi perché mettano in atto contromisure fin sa subito. Non sono gli unici a farlo: gruppi di ricercatori con l’obiettivo di tenere alta l’attenzione sul problema, sensibilizzando i governi, esistono anche in Europa con lo scopo di tenere alta l’attenzione per non farsi cogliere impreparati dalla super tempesta solare.

E’ probabile che avvenga a breve

Anche in Italia sta nascendo un gruppo chiamato Swic (Space Weather Italian Community). “L’obiettivo è coordinarsi in una rete europea”, spiega Massimo Messerotti, dell’osservatorio di Trieste dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) e membro del Consiglio direttivo della Swic. Gli obiettivi sono comuni, anche se gli scenari prefigurati dal gruppo SolasMax sono decisamente apocalittici. La sua portavoce, Ashley Dale dell’università di Bristol, non usa mezzi termini e avverte che gli effetti della super tempesta solare potrebbero essere “catastrofici” e protrarsi “a lungo termine”, paralizzando sistemi di comunicazione, reti elettriche e trasporti. Per Dale la tempesta potrebbe essere imminente, visto che secondo i calcoli della Nasa ne avviene una ogni 150 anni e che l’ultima c’è stata nel 1859. È nota come l’evento Carrington, dal nome dell’astronomo britannico Richard Carrington, che aveva osservato l’eruzione solare forse più distruttiva mai registrata, inviando verso la Terra un intenso sciame di particelle.

Effetto devastante

Quello che potrebbe essere il più potente attacco di meteorologia spaziale degli ultimi 150 anni avrebbe anche, secondo uno studio della National Academy of Sciences, un impatto economico totale di oltre duemila miliardi di dollari.

CME – Emissiona di Massa Coronale

Per riparare anche solo in parte i danni devastanti causati dalla tempesta ci vorrebbero molti anni. Con un preavviso adeguato potrebbero essere prese alcune precauzioni, ma al momento non c’è un buon sistema di allarme.

Infatti il fattore più vulnerabile, dice la NASA, sono i trasformatori. Non si possono riparare ma solo sostituire. Il processo sarebbe penosamente lento, perchè verrebbero paralizzate anche le fabbriche che li producono.

Ciò che crea questi danni viene definita all’americana “GIC” – abbreviazione di Corrente Geomagneticamente Indotta. Quando una CME, ovvero Emissione di Massa Coronale (cioè quando il sole espelle miliardi di tonnellate di particelle ad alta energia dalla sua superficie) colpisce il campo magnetico terrestre, l’impatto destabilizza il campo magnetico stesso e lo fa vibrare. Queste vibrazioni magnetiche inducono correnti ovunque, dagli strati superiori dell’atmosfera terrestre fino al suolo sotto i nostri piedi. Le più potenti correnti geomagneticamente indotte possono sovraccaricare i circuiti, distruggendoli. Questo è effettivamente accaduto nel Quebec il 13 marzo 1989, quando una tempesta geomagnetica di piccola intensità rispetto all’Evento di Carrington ha causato un blackout nell’intera provincia per oltre nove ore. La tempesta ha danneggiato trasformatori in Quebec, New Jersey, e in Gran Bretagna, causando più di 200 anomalie di alimentazione attraverso gli Stati Uniti dalla costa orientale a Nord-Ovest del Pacifico.

Il nostro scudo è più debole che mai

L’unica difesa della Terra è il suo campo magnetico che purtruppo, quasi fatale coincidenza, si indebolisce ogni giorno di più. È il risultato principale cui sono giunti i ricercatori che hanno analizzato i dati raccolti dai tre satelliti di Swarm, lanciati nel novembre del 2013 dall’ESA al fine di studiare il magnetismo terrestre.

Gli scienziati hanno parlato solo degli effetti sulle reti elettriche, ma il nostro corpo come risponderà?

Un’immensa onda d’urto magnetica entrerà in contatto con il nostro sistema biologico portando dei cambiamenti, che ad oggi nessuno è in grado di predire.

Fonti

http://www.repubblica.it/

http://science.nasa.gov

http://www.passionescienza.it

http://www.livescience.com

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

20 Commenti su questo post

  1. Anche questa…per finire in bellezza

  2. Emme Erre says:

    Aerdna sarà vero?!?

  3. Emme Erre says:

    potrebbero offendersi… ¬ _¬

  4. Dionidream says:

    La cosa piu intelligente è controllare le fonti riportate a fine articolo

  5. Chiur Azzi says:

    Aerdna ma come sarà agosto per il sagittario?

  6. Un’altra strategia dei delinquenti dell’alta finanza,altro che scenziati,quanti abusi stanno commettendo per rendere schiava la popolazione?queste ne e’ un’altra,bruciate i giornali e spegnete le Tv,non avete capito che sono una massa di corrotti e manipolatori?

  7. Ci risiamo! Senza whats’app un altro pomeriggio ….

  8. Dovessero saltare i computer le tasse gliele paga #stabeataminchia …

  9. Ci sono i riscaldatori ionosferici ad aiutarci.Hihihi…..haarp e sei sulla cresta dell onda!

  10. …tranquilli le scie chimiche ci proteggeranno: le usano anche per queste cose!!!

  11. Tommy Alf says:

    e da un bel po che la menano co sta cosa..he..

  12. Ce mancava………

  13. Il nostro governo si preparerà certamente. ….a rubbbbbare intendo!!!!!!! È sempre pronto …….

  14. Farsi trovare pronti ?? E E E che cazzo devo fare per tenermi pronto ad una SUPER TEMPESTA SOLARE DEL CAZZO, con tutti i problem che ci sono mancava solo questa , e lo spreed continua a scendere, mortacci loro.

  15. Luigi Rosadi says:

    Discorsi bischeri, che si farà ? S’aprirà il parasole ( leggi ombrello ) ?

  16. Finalmente una buona notizia!

  17. Sarà la volta buona che si riparte da zero, per chi rimarrà ancora qui, in un mondo più giusto ed equo!

  18. Non mi sembra innanzitutto che sia una notizia vera. Anzi, il gruppo di Attività solare ( Solar Activity ) sta ipotizzando il minimo di Mauder. Quindi, figuriamoci.

  19. Se arriva da noi , gli faranno pagare tante di quelle tasse che scapperà !!!!

  20. Sempre buone notizie su fb ?!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline