Tatuaggi, sostanze pericolose e rischi

Nessun Commento

tatuaggi_rischi

Allarme tatuaggi cancerogeni: i tattoos potrebbero favorire il rischio di insorgenza di tumori a causa delle sostanze chimiche presenti nei loro inchiostri.

I tatuaggi possono piacere o meno. C’è chi li considera una forma d’arte e chi li associa ad una subcultura guardata, se non con disprezzo, almeno con sospetto. Eppure i tatuaggi, a prescindere dai gusti e dalle opinioni in merito al loro valore estetico, sono sempre stati percepiti dall’opinione pubblica come sicuri e non pericolosi per la salute, a patto di seguire le norme igieniche.

Secondo la maggior parte dei frequentatori dei Tatoo-shop l’unico fattore indispensabile per proteggersi da eventuali problemi era che farfalle, draghi e stelline varie venissero impressi sulla pelle in locali adeguatamente attrezzati e puliti, utilizzando sempre strumentazioni professionali e aghi monouso.

Adesso, però, la statunitense FDA (Food and Drug Administration) come riportato dal DailyMail, impegnata da sempre nella difesa della salute pubblica, ha lanciato un allarme che sta creando scompiglio e scatenando preoccupazioni nel mondo degli appassionati.

Secondo recenti studi, effettuati analizzando gli inchiostri impiegati dai tatuatori, sembrerebbe plausibile ipotizzare l’esistenza (finora sottovalutata) di un gravi rischi per la salute pubblica, dato che nei suddetti inchiostri è stata individuata la presenza di sostanze tossiche e potenzialmente cancerogene.

Gli inchiostri usati comunemente negli studi specializzati in tatuaggi (anche a livello altamente professionale) conterrebbero, infatti, numerosi metalli, idrocarburi e ftalati ritenuti cancerogeni e, più in generale, molto pericolosi per la salute del sistema endocrino.

Un esempio lampante è il Benzopirene, sostanza da tempo stimmatizzata per essere un potente cancerogeno, contenuta, però, negli inchiostri di colore nero utilizzati per i tatuaggi. Secondo la FDA il famigerato Benzopirene sarebbe in grado di favorire l’insorgenza del cancro della pelle.

Un’altra problematica abbastanza allarmante è quella legata alla possibile dispersione degli inchiostri all’interno del corpo umano in caso di lesioni in prossimità dei tatuaggi oppure alla modificazione subita dagli inchiostri in caso di esposizione al sole (sbiadimento, scolorimento, etc.). Secondo Joseph Braun, epidemiologo ambientale dell’Università di Harvard, non esistono evidenze scientifiche che possano fugare ogni dubbio sulla reale pericolosità degli inchiostri.

Oltre a contenere sostanze cancerogene, infatti, gli inchiostri impiegati nei tatuaggi contengono notoriamente anche numerosi metalli pesanti come piombo, cromo, cadmio, nichel e titanio, che possono causare allergie o provocare patologie più o meno gravi nei soggetti predisposti.

L’allarme lanciato dalla FDA è ancora più inquietante se si considera il fatto che, solo negli Stati Uniti, ben 45 milioni di persone hanno almeno un tatuaggio sul loro corpo.

Per il momento la FDA sta studiando le sue prossime mosse anche se, come dichiarato da un portavoce, sono in corso solo degli accertamenti perché le composizioni dei vari inchiostri, non dovendo essere approvate per legge dalla Food and Drug Administration, sono ancora per la maggior parte sconosciute nella loro interezza all’agenzia americana.

Tratto da http://www.benesserevillage.it/browse/for/Salute/Cancro%20e%20Tumore/tatuaggi-rischi-MjE5Nw453

Per approfondire

Now tattoos give you cancer: U.S. regulator probes fears inks contain carcinogenic chemicals

Che ne sarà del nostro tatuaggio tra 20 anni?

Tatuaggi, pubblicata la lista degli inchiostri cancerogeni

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline