Terapia Quantistica: Acqua Energizzata dal Bicarbonato di Sodio e dal Succo di Limone

1 Commento

del Dott. Sergio Stagnaro

La Semiotica Biofisica Quantistica è rivolta principalmente alla Prevenzione Pre-Primaria e Primaria delle più comuni e gravi malattie degenerative, per esempio, Diabete Mellito, Cardio-vascolopatia, Cancro, Malattie degenerative e dello sviluppo del Sistema Nervoso Centrale, inclusa l’Epilessia essenziale.

La Terapia Quantistica elimina pertanto non solo il Reale Rischio Congenito Epilettico, ma anche,  quando  ovviamente sono presenti,  altre Costituzioni,  per esempio, il Terreno Oncologico, condizione necessaria, ma non sufficiente dell’insorgenza del  cancro,  permettendo al soggetto trattato di riacquistare l’efficienza delle difese immunitarie, e non solo, di cui sono dotati  gli individui privi di Terreno Oncologico:

Di seguito è illustrata una singolare “variante” di terapia quantistica, semplice, parziale ma efficace, realizzabile da parte di ogni paziente colpito da Reale Rischio Epilettico, possibilmente da iniziare prima delle crisi.

1) Possibilmente, riempire una bottiglia (anche da 1/2 litro e magari di plastica) di Acqua Termale Sulfidrilica (per esempio, di Porretta Terme, fonte Puzzola, che ho studiato a lungo http://www.sisbq.org) e la ponga sul comodino chiusa bene con vicino due bicchieri d’acqua (V. avanti): le radiazioni elettro-magnetiche deboli (e-m) agiscono sul soggetto  che riposa durante la notte! Importante che la distanza del paziente dalla bottiglia non superi il metro. Questa condizione è valida per ogni altra forma di terapia con acqua energizzata, per esempio da farmaci.

In caso contrario,  se non si dispone dell’acqua termale solforosa, si utilizza una bottiglia d’acqua, anche di rubinetto, in cui si sciolgono TRE cucchiaini di Bicarbonato di Sodio (quello usato in cucina) e si chiude accuratamente!

Se infine si possono utilizzare le radiazioni e-m delle due bottiglie, si collocano entrambe sopra il comodino e si pongono vicino DUE (o più!)  bicchieri d’acqua  (anche del rubinetto!): al mattino si beve l’acqua di un bicchiere, con l’aggiunta di una punta di cucchiaino di Bicarbonato di Sodio, AGITANDOLA prima col cucchiaino stesso per circa 15 sec.,  ed al pomeriggio si beve l’acqua dell’altro bicchiere, contenente una piccola quantità di bicarbonato sodico, sciolto in essa ed agitata, ovviamente rinnovando l’acqua nei bicchieri da utilizzare il giorno dopo!

L’efficacia dell’acqua della bottiglia e dei  bicchieri, posti vicino,  persiste per almeno due mesi, a seguito della vicendevole energizzazione (esperienza personale!)

2) Utile ovviamente associare l’uso di CELL-FOOD gocce (potente istangioprotettore) insieme ad ASCORBATO di Sodio e/o Potassio: in 1/2 bicchiere d’acqua prima dei PASTI principali si sciolgono 8 gocce di Cell-Food insieme ad una punta di coltello di ASCORBATO, rimescolando bene per 30 sec. circa, prima di berla.

4) E’ consigliabile aggiungere alla terapia, illustrata sopra, 5 gocce di limone sciolte in una spremuta d’arancio (o di sola acqua) ed agitando bene. Bere questa soluzione almeno due volte al dì.

Per eliminare il Reale Rischio Congenito di Epilessia è sufficiente l’acqua energizzata dal Bicarbonato di Sodio e da 5 gocce di succo di limone, usandole separatamente, senza cioè mescolarle.

Tuttavia, nella Terapia Quantistica, il   Cem-Tech – apparecchio russo che capta frequenze tessutali patologiche e le trasforma in fisiologiche (oggi esiste la versione economica AKtom) –  recita la parte centrale, specialmente se si seguono queste  indicazioni: utilizzando il programma 2, si lascia uno dei due diodi sopra la regione temporale di destra (2 cm. circa sopra il meato uditivo esterno), sede dell’ICAEM (13-15) e l’altro sopra la proiezione cutanea del Focus Epilettico, per un minuto, per raccogliere le radiazioni patologiche dei relativi centri neuronali.

Dopo l’applicazione di 10 minuti sopra le stesse aree del cuoio capelluto,  si carica l’acqua di una bottiglia, lasciando entrambi i diodi a contatto del recipiente per almeno 30 minuti.   La bottiglia d’acqua, così energizzata,    va poi collocata sopra il comodino,  come sopra scritto, per utilizzarne le radiazioni e-m  nella notte e consentire all’acqua dei due bicchieri di energizzarsi.

Va ricordato, a questo punto, che esistono apposite schede da portare in una tasca durante la giornata, dopo averle energizzate mediante i diodi del Cem Tech.

Infine, l’associazione di applicazioni di NIR-LED, sopra la sede del Focus Epilettogeno, sono di aiuto alla terapia.

La scelta della forma migliore della Terapia Quantistica è legata comprensibilmente agli esiti del monitoraggio terapeutico semeiotico-biofidico-quantistico.

Per quanto riguarda i complessi meccanismi d’azione della Terapia Quantistica, è sufficiente  sapere che si tratta di Energia Informazione in grado di provocare la ristrutturazione dei centri nervosi, geneticamente alterati, della regione temporale di destra, alla base dell’ICAEM (13-15), secondo il Principio della Ricorsività Funzionale del Genoma Frattalico (23,24).

La ristrutturazione, monitorata con la Semeiotica Biofisica Quantistica, è completa dopo 9 mesi dall’inizio della terapia, sebbene i benefici, cioè la scomparsa delle crisi epilettiche, si manifestano dopo pochi mesi dall’inizio della terapia: questo tempo è ovviamente variabile da caso a caso.

Prima di concludere, sottolineo un fatto importante per i pazienti che intendono iniziare la Terapia Quantistica: durante il processo di ristrutturazione del focus epilettico, specialmente nei primi mesi, durante un episodio virale influenzale, a causa dell’acidosi istangica da esso provocata, possono comparire crisi epilettiche, spesso non intense e prolungate, che non si ripresentano più quando la ristrutturazione è in fase avanzata.

Per ulteriori approfondimenti sulla terapia con acqua energizzata dal bicarbonato di sodio, invito il lettore a leggere i seguenti lavori:

http://sergiostagnaro.wordpress.com/2013/02/02/bicarbonato-di-sodio-questo-sconosciuto-da-paolo-manzelli-a-tullio-simoncini-veritas-filia-temporis/

BICARBONATO DI SODIO: QUESTO SCONOSCIUTO! DA PAOLO MANZELLI A TULLIO SIMONCINI: “VERITAS FILIA TEMPORIS”. 

http://sergiostagnaro.wordpress.com/2013/02/07/il-segno-di-mastroianni-la-terapia-quantistica-col-bicarbonato-di-sodio-stimola-la-sintesi-di-melatonina/

SFIDA PASCALIANA RIVOLTA A PERSONE INTELLIGENTI, LUNGIMIRANTI ED INTELLETTUALMENTE ONESTE: USO TERAPEUTICO DEL BICARBONATO DI SODIO!

http://sergiostagnaro.wordpress.com/2013/02/05/bicarbonato-di-sodio-terapia-quantistica-radiazioni-elettromagnetiche-bio-compatibili-e-bio-incompatibili/

BICARBONATO DI SODIO, TERAPIA QUANTISTICA, RADIAZIONI ELETTROMAGNETICHE, BIO-COMPATIBILI E BIO-INCOMPATIBILI.

Bibliografia.

1) Sergio Stagnaro and Simone Caramel. Quantum Therapy: A New Way in Osteoporosis Primary Prevention and Treatment. Journal of Pharmacy and Nutrition Sciences, February 2012.

2) Sergio Stagnaro and Simone Caramel.  The Role of Mediterranean Diet, CoQ10 and Conjugated-Melatonin in Osteoporosis Primary Prevention and Therapy. Current Nutrition & Food.  Bentham Science. Volume 8, Number 1, February 2012 Pp.55-62.

3) Pyatakovich F.A.,Stagnaro S.,   Caramel S., Yakunchenko T.I., Makkonen K.F., Moryleva O.N.  Background Millimeter Radiation Influence in Cardiology on patients with metabolic and pre-metabolic  syndrome. Journal of Infrared and Millimeter Waves, , Shanghai, China

http://journal.sitp.ac.cn/hwyhmb/hwyhmben/ch/index.aspxin press

4) Sergio Stagnaro and Simone Caramel. Oncological Terrain-Dependent, Inherited Real Risk of Cervical Cancer: patophysiology, diagnosis and primary prevention – 2013.  http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/cervicalcancerirr_2013.pdf

5) Sergio Stagnaro, Simone Caramel. Inherited Real Risk of Coronary Artery Disease: pathophysiology, diagnosis and primary prevention. Epidemiology and Cardiovascular Prevention. Brief Communication. 8th International Congress of Cardiology in the internet. Published: 28 October 2013. FAC Federaciòn Argentina de Cardiologia http://fac.org.ar/8cvc/llave/tl054_stagnaro/tl054_stagnaro.php – PDF

6) Marco MarchionniSimone CaramelSergio Stagnaro.The Role of ‘Modified Mediterranean Diet’ and Quantum Therapy In Alzheimer’s Disease  Primary Prevention. Letter to the Editor, The Journal of Nutrition, Health & Aging, Volume 18, Number 1, 2014, Springer Ed. http://link.springer.com/article/10.1007/s12603-013-0435-7  [Medline]

7) Sergio Stagnaro and Simone Caramel.  Magnesium Deficiency Clinical Syndrome and Magnesium Therapy in Hypertensives – EJCN European Journal of Clinical Nutrition – Nature Publishing Group  Eur J Clin Nutr. 2012 Jun 27. doi: 10.1038/ejcn.2012.76. [Epub ahead of print] No abstract available. PMID: 22739250 [Medline]

8) Sergio Stagnaro and Simone Caramel. The Role of Modified Mediterranean Diet and Quantum Therapy in Type 2 Diabetes Mellitus Primary Prevention.LifeScienceGlobal February 2013, Journal of Pharmacy and Nutrition Sciences, 2013, 3,  http://www.lifescienceglobal.com/home/cart?view=product&id=3762013550.

9)  Sergio Stagnaro and Simone Caramel. The Role of Modified Mediterranean Diet and Quantum Therapy in Oncological Primary Prevention.  Bentham PG.,Current Nutrition & Food Science  ISSN (Print): 1573-4013;  ISSN (Online): 2212-3881. VOLUME: 9,  ISSUE: 1; DOI: 10.2174/1573401311309010011;
http://www.benthamscience.com/contents-JCode-CNF-Vol-00000009-Iss-00000001.htm2013549.

10) Sergio Stagnaro and Simone Caramel.  BRCA-1 and BRCA-2 mutation bedside detection and breast cancer clinical primary prevention.  Front. Genet. | doi: 10.3389/fgene.2013.00039. http://www.frontiersin.org/Cancer_Genetics/10.3389/fgene.2013.00039/full[MEDLINE]

11) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2013). The Inherited Real Risk of Coronary Artery Disease, Nature PG., EJCN, European Journal Clinical Nutrition, Nature PG., [MEDLINE]

12) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2013).    Inherited Real Risk of Type 2 Diabetes Mellitus: bedside diagnosis, pathophysiology and primary prevention. Front Endocrinol (Lausanne). 2013; 4: 17.  Published online 2013 February 26. doi:  10.3389/fendo.2013.00017,[MEDLINE].

13) Stagnaro S., Istangiopatia Congenita Acidosica Enzimo-Metabolica condizione necessaria non sufficiente della oncogenesi. XI Congr. Naz. Soc. It. di Microangiologia e Microcircolaz. Abstracts, pg 38, 28 Settembre-1 Ottobre, 1983. Bellagio

14) Stagnaro S., Istangiopatia Congenita Acidosica Enzimo-Metabolica. Gazz Med. It. – Arch. Sci, Med. 144, 423, 1982.

15) Stagnaro S., Istangiopatia Congenita Acidosica Enzimo-Metabolica. X Congr. Naz. Soc. It. di Microangiologia e Microcircolazione. Atti, 61. 6-7 Novembre, 1982, Siena

16) Stagnaro Sergio.   Inherited Real Risk of Brain Disorderswww.plos.org, 24 July 2009.  http://www.plosone.org/article/comments/info%3Adoi%2F10.1371%2Fjournal.pone.0006354;jsessionid=9AC82C42FA9F57C913844806BF96DDC1

17) Simone Caramel and Sergio Stagnaro.Clinical QBS Diagnosis and Primary Prevention of Brain Disorder ‘Inherited Real Risk’ and Alzheimer DiseaseJournal of Quantum Biophysical Semeiotics. 5 August, 2011.http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/alzheimer_primaryprevention.pdf

18) Marco MarchionniSimone CaramelSergio Stagnaro. “Quantum Biophysical Semeiotics Bedside Diagnosing  Inherited Real Risk of Brain Disorders: Boezio’s Sign”.  Neurodegenerative Disease Primary Prevention.http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/boeziosign_2013.pdf

19) Sergio Stagnaro.  Sindrome di Rett: Dagnosi Semeiotico-Biofisico-Quantistica e Prevenzione Pre-Primaria e Primaria.  www.sisbq.org.http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/sindromedirett.pdf

20) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2012) New ways in physical Diagnostics: Brain Sensor Bedside Evaluation. The Gandolfo’s Sign. January, 2012. Journal of Quantum Biophysical Semeiotics.http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/bsbe.pdf

21) Simone Caramel and Sergio Stagnaro.Clinical QBS Diagnosis and Primary Prevention of Brain Disorder ‘Inherited Real Risk’ and Alzheimer DiseaseJournal of Quantum Biophysical Semeiotics. 5 August, 2011.http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/alzheimer_primaryprevention.pdf

22) Marco MarchionniSimone CaramelSergio Stagnaro. Inherited Real Risk of Alzheimer’s Disease: bedside diagnosis and primary prevention.Frontiers in Neuroscience, inhttp://www.frontiersin.org/Aging_Neuroscience/10.3389/fnagi.2013.00013/full

23) Sergio Stagnaro. The Principle of Recursive Genome Function: QBS evidences. 18 maggio 2011. www.sisbq.org.

http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/prgf_qbsevidences.pdf

24) Sergio Stagnaro and Simone Caramel (2011). Skeletal Muscle Cell Glycocalix Evaluation during  CFS Treatment corroborates Andras Pellionisz’s Recursive Fractal Genome Function Principle.http://www.sisbq.org/uploads/5/6/8/7/5687930/cfsglycocalyx.pdf 

Fonte http://sergiostagnaro.wordpress.com/

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Commento su questo post

  1. En Rico says:

    Articolo molto interessante; vorrei aggiungere un suggerimento: quando giustamente si beve acqua al mattino, è buona norma, prima ancora, sciaquarsi bene il cavo orale, possibilmente senza l’uso di colluttori, altrimenti si corre il rischio di ingerire tutto ciò che prolifera all’interno della bocca durante la notte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline