tinture capelli cancro seno

Tinture per capelli usate spesso sono state collegate con un aumento del rischio di sviluppare il cancro al seno. Secondo uno studio di pochi giorni fa del chirurgo londinese Dr. Kefah Mokbel, le donne che colorano i capelli hanno un aumento del 14% dei tassi di cancro al seno. Altri due studi precedenti avevano dimostrato la connessione tra tinte per capelli ed aumento del rischio di carcinoma mammario.

Le sostanze chimiche intasano il sistema linfatico

La notizia sta facendo il giro di tutti i giornali come la news del momento. Devo ammettere che questa notizia non mi sorprende per niente, anzi aspettavo che qualcuno si esponesse per dire le cose come stanno. L’anno scorso abbiamo pubblicato un articolo dal titolo Le tinture per capelli contengono più di 5000 prodotti chimici alcuni cancerogeni! Ecco le alternative in cui mettevamo in guardia dall’uso di questi prodotti tossici. Inoltre come abbiamo già spiegato più e più volte, tutto quello che entra in contatto con la nostra pelle viene assorbito ed entra nel circolo sanguigno. Quindi se mettiamo sostanze nocive queste entrano in circolo e finiscono ad intasare il sistema linfatico e quindi, per le donne, le ghiandole mammarie.

In diversi studi svolti negli ultimi anni e discussi nell’articolo Il 99% dei tessuti di cancro al seno contengono parabeni! abbiamo spiegato come queste sostanze contenute in creme, deodoranti, ecc penetrano la pelle, intasano il sistema linfatico e favoriscono il cancro al seno.

Lo studio del Dr. Mokbel rivela la connessione tra tinture per capelli e cancro al seno

Il professor Mokbel, che lavora al Princess Grace Hospital di Londra, consiglia alle donne di tingere i capelli non più di due o cinque volte l’anno. Secondo l’esperto le tinte per capelli possono incrementare del 14% il rischio di sviluppare un carcinoma mammario. A prova cita alcuni studi e meta-analisi che mostrerebbero questa connessione.

Uno studio precedente aveva già dimostrato un rischio di cancro ancora maggiore in chi usa tinture scure

Uno degli studi scientifici più recenti sul tema è stato pubblicato lo scorso giugno sulla rivista Carcinogenesis, riportando dati allarmanti: è stato scoperto un incremento del rischio del 51% associato all’utilizzo di tinture scure e del 74% connesso all’uso di liscianti per capelli.

“Solo perché qualcosa è sul mercato non significa necessariamente che sia sicuro per noi, sarei preoccupata dell’uso delle tinture scure e dei trattamenti liscianti per capelli”, ha detto l’epidemiologa Dr. Tamarra James-Todd a riguardo dello studio su Carcinogenesis.

Mettiamoci bene in testa la prima frase: “Solo perché qualcosa è sul mercato non significa necessariamente che sia sicuro per noi”. I risultati dello studio, che ha monitorato 4285 donne per 6 anni, hanno visto che il rischio di cancro è più che raddoppiato quando si usa sia tinture che prodotti chimici liscianti per capelli, rispetto alle donne che non ne fanno uso.

Uno studio finlandese del 2015 aveva già messo in guardia sulla pericolosità delle tinture per capelli

Sanna Heikkinen del Finnish Cancer Registry ha dichiarato che anche uno studio finlandese del 2015 e pubblicato su PLOSone ha scoperto un decisivo legame tra le donne che utilizzano la tintura dei capelli e un maggiore rischio di sviluppare il cancro al seno dichiarando quindi che le tinte non possono essere considerate sicure per la salute.

Gli interferenti endocrini nelle tinture per capelli

“Che nell’uso di tinte e liscianti per capelli ci sia un rischio intrinseco connesso allo sviluppo di tumori è indubbio” – dichiara su Repubblica la dermatologa Pucci Romano, presidente dell’Associazione internazionale di ecodermatologia – “questi cosmetici possono contenere ancora oggi degli interferenti endocrini, cioè sostanze come le ammine aromatiche che possono disturbare il nostro equilibrio ormonale, o delle molecole cancerogene come la formaldeide. La presenza di sostanze potenzialmente pericolose nei prodotti cosmetici per capelli non è perfettamente normata dall’Unione Europea. Alcune molecole sono ‘ammesse con riserva’ e, poiché la loro presenza nella formulazione migliora i risultati cosmetici del prodotto, nessuna azienda li elimina completamente”.

Le soluzioni naturali

Il Dr. Mokbel consiglia vivamente di utilizzare prodotti naturali sui capelli, suggerendo ad esempio l’hennè, rabarbaro o rosa canina, come riferisce al The Sunday Times. E aggiunge: “Quello che mi preoccupa è il fatto che l’industria raccomanda alle donne di tingere i capelli ogni quattro-sei settimane“.

I ricercatori affermano che sono necessari ulteriori studi per dimostrare la connessione causa-effetto ma invitano ad applicare il principio di precauzione e rivolgersi a soluzioni naturali sicure.

Esistono in commercio le erbe tintorie, l’henne e le tinture biologiche. Quindi facciamo un pò di prove e vediamo quella che funziona meglio per noi oppure possiamo anche decidere di lasciar crescere i capelli bianchi, che tra l’altro, oggi sempre più persone stanno facendo.

Riferimenti scientifici
Adana AM Llanos et al. Hair product use and breast cancer risk among African American and White women. Carcinogenesis, Volume 38, Issue 9, 1 September 2017, Pages 883–892
Sanna Heikkinen et al. Does Hair Dye Use Increase the Risk of Breast Cancer? A Population-Based Case-Control Study of Finnish Women. PLOSone August 11, 2015

Leggi anche

Studio conferma: Alti livelli di tossicità nelle donne si riducono drasticamente con l’uso di cosmetici naturali

Sintomi e Rimedi per il Sistema Linfatico pigro e intasato

Come Disintossicare le Ascelle per Prevenire il Cancro al Seno

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni