Toona-Sinensis

Toona sinensis è un albero perenne, deciduo, originario dell’Asia orientale e sud-orientale che può raggiungere i venticinque metri d’altezza. L’albero ha una storia di coltivazione di oltre 2000 anni ed è usato come fonte alimentare in Cina e Malesia e come foraggio per animali in India. L’albero è anche ampiamente usato nella medicina tradizionale cinese (MTC) e varie parti di questa pianta sono state impiegate per un’ampia varietà di malattie. I rami di Toona più piccoli sono bruciati nei templi buddisti per la loro fragranza, mentre il legno più grande è adoperato per l’uso di strumenti musicali e mobili, perché l’albero di Toona sinensis appartiene alla famiglia del mogano, il legno è durevole ma facile da lavorare.

Composti chimici: Finora, oltre un centinaio di composti sono stati isolati e identificati da questa pianta, terpenoidi, fenilpropanoidi, flavonoidi e antrachinoni. Composti chimici nelle foglie: acido ursolico, acido betulico, acido betulinico, cedrellin, acetato di 6-acetossiobacunolo, quercetina, quercitrina, rutina, kaempferolo, astragalina, miricetina, acido gallico, β-sitosterolo, daucosterolo, loropetalin D, procyanidina B3, scopoletina.

Proprietà farmacologiche: Epatoprotettivo, immunostimolante, antivirale (SRRS, coronavirus), antibatterico, anti-infiammatorio, antiossidante, ipoglicemizzante, anticoagulante, febbrifugo, antiflogistica, antinocicettiva, antilipidemico, antigottoso, disintossicante, oftalmico, protezione danno ischemia/riperfusione, e infertilità maschile (miglioramento dello sperma).

Uso medicinale: Toona sinensis è stata usata come medicina di erbe naturale per migliaia di anni sulla base dei suoi affidabili effetti farmacologici. L’uso medicinale di questa pianta è stato registrato per la prima volta nella dinastia Tang materia medica che è una famosa monografia scritta per la medicina tradizionale cinese. Gli steli e le foglie sono tradizionalmente usati per il trattamento della dissenteria, enterite, infezione del tratto urinario, leucorrea e prurito cutaneo, carminativo ecc. Le radici sono utilizzate come correttivi, la corteccia è usata come astringente e depurativa, i frutti sono usati come astringenti per il trattamento delle infezioni agli occhi, mentre il succo di foglie ha un forte effetto repellente per i germi. Il decotto è usato nel trattamento della diarrea, dissenteria cronica, flatulenza, feci sanguinolente, emissioni seminali, leucorrea, metrorragia e gonorrea. La pianta è ricca di vitamina A, B1, B2, C e carotene e pertanto fa molto bene alla vista.

Uso alimentare: grazie al suo squisito sapore simile alla cipolla/nocciola, le foglie croccanti e i giovani germogli di Toona sinensis sono cibi deliziosi e nutrienti in Cina e in altri paesi del sud-est asiatico. Normalmente le foglie sono mangiate crude come l’insalata, mentre i germogli si possono cucinare. Le foglie giovani contengono circa il 10% in più di proteine ​​rispetto a qualsiasi altra verdura a foglia. Esistono due varietà di Toona sinensis, una di colore verde e una varietà rossa considerata più gustosa.

Proprietà antitumorali: carcinoma orale, leucemia, cancro gastrico, prostatico, polmonare, renale, cervicale, ovarico, epatico, intestinale.

Coltivazione: Pieno sole, posizione con terreno ben concimato e drenato con acqua normale quando richiesta.  Pianta adattabile alla maggior parte dei terreni, di rapida crescita (anche un metro all’anno) mentre è più lenta se cresciuta in vaso. I cinesi per coltivarla per uso alimentare potano l’albero con una particolare tecnica fino a trasformarlo attraverso diverse potature in un piccolo arbusto alto circa a 1,50 m e per questo viene anche chiamato “albero della verdura”. È possibile tagliare la nuova crescita delle foglie per diversi mesi in primavera e all’inizio dell’estate, senza arrecare danni alla pianta. L’albero nel periodo invernale è resistente fino a -25 °C, anche se la crescita giovanile in primavera può essere danneggiata dalle gelate tardive, pertanto in condizioni difficili, la parte inferiore dovrebbe avere nei primi anni una buona pacciamatura. In pratica la sua tolleranza per freddo aumenta con l’età. I semi perdono rapidamente la germinabilità. I fiori diffondono un profumo potentemente ricco.

Walter Nardari

Riproduzione vietata. Questo articolo ha solo fine illustrativo e non sostituisce il parere del medico. Non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Termini e Condizioni