Transumanesimo e Metacomunicazione

Nessun Commento
Transumanesimo e Metacomunicazione
di LVB
Traduzione di Anticorpi.info
Il video dei Black Eyed Peas: Imma Be – Rocking That Body è un capolavoro di computer grafica e musica digitale. Ma allo stesso tempo rappresenta uno degli esempi più eclatanti di guerra psicologica che abbia mai visto nei mass media.
Questo articolo tratterà i seguenti argomenti:
1) Che cos’è il transumanesimo.
2) Il massiccio utilizzo di tecniche di guerra psicologica riscontrabile nel già citato video ed in tutte le forme espressive adoperate dai mass media.
3) Una analisi per dimostrare come il simbolismo e la persuasione occulta transumanistica siano integrati in questo videoclip per promuovere la agenda di un pericoloso movimento noto come ‘transumanesimo.’
L’Agenda dei transumanisti 
Il Transumanesimo è un movimento che afferma di sostenere l’uso di qualsiasi forma di tecnologia al fine di migliorare l’essere umano. E’ qualcosa di molto più rilevante di un innocuo gruppetto di nerd tecnofili che fantasticano di sci-fi e super robot.
Si tratta di un grande movimento estremamente ben organizzato e finanziato, motivato dallo obiettivo di sostituire ogni elemento che fa di noi degli esseri umani (compresa la nostra stessa biologia, la individualità della nostra mente e gli scopi della nostra vita) e tutti gli attuali credo religiosi e spirituali con una nuova religione, la quale in realtà non è affatto nuova.
Vediamo come tutto ebbe inizio.
I Creatori del transumanesimo e della eugenetica

Il termine ‘transumanesimo’ fu coniato nel 1957 dal biologo Julian Huxley, che lo definì ’l’uomo che restando uomo trascende se stesso, realizzando nuove potenzialità di per la sua natura umana.’

Julian Huxley era il fratello di Aldous Huxley, autore del famoso libro Brave New World (v. post correlati) in cui era descritta una visione del futuro che la maggior parte delle persone oggi identifica con il nome di ’Nuovo Ordine Mondiale’ (tema trattato anche da 1984, di George Orwell – v. post correlati). Un deprimente futuro in cui un governo mondiale utilizza tecnologia, guerra psicologica (persuasione occulta) e forza bruta per controllare tutto e tutti.
I fondatori del transumanesimo erano individui molto istruiti e facoltosi, per lo più di discendenza britannica ed europea. Questi personaggi appartenevano a ciò che chiameremmo la elite, la classe dirigente della società, e la loro filosofia era elitaristica, se non addirittura totalitaristica e fascista.
La eugenetica 
Sulla destra, un poster propagandistico nazista che si proponeva di polarizzare il consenso pubblico sul suo programma di eugenetica. Il manifesto dichiara che il malato di mente ritratto nella foto costa troppi fondi ai cittadini tedeschi, per cui dovrebbe essere messo a morte per il suo stesso bene e quello della collettività.
Tra i principi del transumanesimo classico un posto di rilievo spettava alla eugenetica, o ‘igiene razziale’, concetto ancora pregnante nella versione moderna, patinata, high-tech di ciò che gli adepti definiscono transumanesimo, Human +, o H +.
La eugenetica è lo studio e la pratica dello allevamento selettivo applicato agli esseri umani, al fine di migliorare la specie. In un senso storico e più ampio, la eugenetica può essere anche definita la disciplina dedita al ’miglioramento della qualità della genetica umana.’ I sostenitori della eugenetica si adoperano per contrastare ciò che definiscono la ’dinamica disgenica‘ allo interno del pool genetico umano. In particolare per quanto concerne la perpetuazione delle malattie congenite e lo impatto sociale della ereditarietà del quoziente intellettivo.
La eugenetica era molto popolare nei primi decenni del 20° secolo, ma in buona parte cadde in disgrazia dopo essere stata associata alla Germania nazista. Tuttavia, gli sviluppi nelle tecnologie di genetica, genomica e riproduzione – alla fine del 20° secolo – hanno sollevato molte domande e preoccupazioni su ciò che costituisce esattamente il significato della eugenetica e dei suoi principi etici e morali, nel 21° secolo.
Le idee di base e lo obiettivo di ‘migliorare la specie’ e ‘migliorare la qualità genetica umana’ sono ancora oggi ben presenti, sebbene confezionate in un pacchetto più sottile e glamour, in funzione del quale si cerca di evitare di discutere le implicazioni più imbarazzanti, ad esempio la ‘necessità’ di tenere lontane dallo ‘allevamento’ le razze indesiderate.
La versione moderna del transumanesimo dichiara di supportare esclusivamente la’eugenetica volontaria’, il che suona più benevolo della sterilizzazione obbligatoria e della eutanasia delle persone indesiderabili, non è vero? Ma chi ha buon senso si renderà conto che tale pulizia etnica del pool genetico semplicemente non potrebbe mai attuarsi limitandosi alle libere scelte dei singoli individui.
Dobbiamo cercare di capire che le idee ‘eugenetiche’ non saranno più facoltative, se e quando gli individui che le supportano ottenessero il potere politico e finanziario. In realtà, costoro già dispongono di una notevole ricchezza e potere, e stanno lavorando molto alacremente per imporre la agenda transumanistica sul nostro mondo, che ci piaccia o no.
Principi e concetti del transumanesimo 
I transumanisti sono convinti di lavorare per una nuova e migliore umanità, in cui si getti tutto il passato nel bidone della spazzatura della storia, e si accolga una nuova ‘età dell’oro’ fatta di superuomini. Il loro obiettivo è quello di creare una specie del tutto nuova, che trascenda la nostra essenza umana, sfruttando tecnologie radicalmente avanzate per perseguire tale obiettivo.
Esaminiamo alcuni concetti e obiettivi del transumanesimo.
La mentalità da alveare 
Uno dei concetti principali della agenda transumanistica è la mentalità da alveare, una coscienza collettiva in cui sia soffocata ogni individualità.
Uno dei primi esponenti di spicco del transumanesimo – con Julian Huxley – fu Sir Charles Galton Darwin, nipote di Charles Darwin, ideatore della teoria evoluzionistica. 
Ecco una citazione di Charles Galton Darwin relativa alla mentalità da alveare: ”Si potrebbe approntare un farmaco che – senza ulteriori effetti nocivi – rimuova la urgenza del desiderio sessuale, riproducendo nella umanità lo status delle api lavoratrici in un alveare.”
Come già detto, i fondatori del transumanesimo avevano opinioni elitaristiche riguardo ciò che l’umanità sarebbe dovuta diventare. Questo concetto di ‘uomo ape’ è divenuto nel corso dei secoli un ideale sociale per ogni classe dirigente. La razza schiava definitiva, scientificamente progettata per conformarsi, obbedire e servire le esigenze delle élite; api operaie che non fanno domande e non protestano.
I transumanisti previdero che la concretizzazione della mentalità da alveare sarebbe stata a portata di mano  non appena fosse stato possibile interconnettere mediante la tecnologia tutte le menti individuali del pianeta, così che avesse potuto ricrearsi la medesima esistenza simbiotica delle api, attraverso una super-intelligenza collettiva. Mai più alcuna esigenza individuale. I transumanisti si riferiscono a tale super-intelligenza collettiva come alla ’singolarità.’
Cervelli upgradabili
‘Murg’ è l’acronimo con cui i transumanisti fanno riferimento al Mind Uploading Research Group.
La singolarità si verificherà – sono convinti – quando esisterà una tecnologia che consentirà ai singoli individui di connettere le loro menti a un dispositivo di memoria artificiale, una sorta di hard disk globalecon cui la intelligenza combinata di tutti i pensieri umani possa dare vita a una nuova forma di super-intelligenza denominata singolarità, o mentalità da alveare.
Il culto del transumanesimo 

“Anziché adorare mitemente e ciecamente una divinità immaginaria dovremmo cercare di diventare noi stessisimili ad un dio.
Il corpo è debole, ma la mente può essere immortale.La gente può morire, ma può essere conservata e fatta risorgere.
Questo mondo può in molti casi assomigliare ad un inferno, tuttavia noi siamo in grado di creare il paradiso in terra.
L’universo può essere un luogo di caos ed entropia, ma possiamo riempirlo con ordine e intelligenza. Attraverso la ragione ed il potere della tecnologia siamo in grado di piegare la realtà alla nostra volontà, rendendo possibile l’impossibile.”
C. G. Darwin

La idea di divenire dèi e raggiungere la vita eterna attraverso la tecnologia incarna certamente un estremo livello di vanità. Non solo la semplice vanità di indossare bei vestiti ed imbellettarsi in ogni modo, ma perfino la ambizione di essere dei. Pertanto, anche il rifiuto e la completa sostituzione di Dio. Questa è la dottrina di Lucifero.
Morale pragmatica
Ciò che i transumanisti definiscono morale pragmatica è semplicemente una versione riciclata di uno degli inganni più antichi del mondo, cioè che bene e male non esistano.
“Etica e morale dovrebbero essere strumentali, o per lo meno non ostacolare la auto-realizzazione. Essi dovrebbero costituire le linee guida per avere successo nella vita, non strumenti di repressione insensata. Esattamente come la carne, anche la moralità tradizionale è qualcosa da superare. Non vi è alcun ‘bene’ e ‘male’; solo efficienza e inefficienza, intelligenza e stupidità, vincitori e vinti. Esiste solo l’interesse razionale, e chi è troppo timorato e ignorante per perseguirlo. Tale constatazione semplice ma profonda dovrebbe costituire il fondamento di un nuovo mondo potenziato, ed è un passo fondamentale verso la realizzazione della illuminazione e della trascendenza.”
C. G. Darwin
Il santo patrono del transumanesimo 
‘Lucifero’ è il termine latino originariamente usato dai romani per indicare il pianeta Venere, la stella del mattino.
Secondo il filosofo estropico (estropia =  livello di capacità di migliorarsi di un sistema – n.d.t.) Max More, Lucifero è la incarnazione della ragione, della intelligenza, del pensiero critico.
Egli si pone in contrasto al dogmatismo di Dio e a tutti gli altri dogmatismi, supportando la esplorazione di nuove idee e nuove prospettive nella ricerca della verità. Egli è anche l’archetipo del ribelle e dello avversario.La parola ‘Satana’ proviene dallo ebraico ‘Sathane’, che significa avversario. In origine [vedi il libro di Giobbe] Satana era l’avversario non di Dio, ma del genere umano. Cioè l’angelo incaricato da Dio di dimostrare che la umanità fosse una creazione indegna.
Nel contesto transumanistico Lucifero rappresenta l’ambizione, la ribellione, la illuminazione razionale, e il lato oscuro del transumanesimo.
Vendere il transumanesimo alle masse mediante la ‘guerra psicologica’
Cos’è esattamente la ’guerra psicologica’?
La ’psychological warfare’ (PSYWAR – v. post correlati) è definita dalla Difesa statunitense come:
“… l’uso pianificato della propaganda e di altre azioni psicologiche con lo lo scopo di influenzare opinioni, emozioni, atteggiamenti e comportamenti di gruppi … in modo tale da sostenere gli obiettivi …”
Molte tecniche possono essere usate da qualsiasi gruppo di interesse, per incidere sui sistemi di valori del gruppo di destinazione, i sistemi di credenze, le emozioni, le motivazioni, i ragionamenti.”
Tutto ciò viene spesso definito come il ”vincere i cuori e le menti”, o – per analogia – “catturando le loro menti ed i loro cuori, le loro anime seguiranno.”
La metacomunicazione 
La metacomunicazione è un normale processo di comunicazione umana, semplice come dire ‘ti amo’, mentre si sta sorridendo. In questo caso si tratta di comunicazione su due livelli. Se a ciò aggiungo anche un abbraccio, la stessa comunicazione si estrinseca su tre livelli.

Tutte le comunicazioni sono costituite per lo meno da due livelli. In primo luogo vi è il ’livello contenutistico’ che è rappresentato da ciò che viene detto letteralmente. In secondo luogo vi è il livello che Gregory Bateson ha avuto modo di definire: metacomunicazione, ossia i messaggi di fondo ed i toni della comunicazione, ad esempio una espressione facciale.
Essa risiede nel tono della voce, o nel modo in cui qualcosa viene detto. Quindi, abbiamo ciò che viene detto e il modo in cui viene detto.
Il tono è in realtà la parte ‘comando’ della comunicazione, in quanto istruisce il ricevitore (o vittima) della comunicazione ad interpretare il messaggio in un determinato modo.

La teoria della metacomunicazione di Bateson può aiutarci a rivelare il funzionamento delle interazioni retrostanti il messaggio esplicito.
Qualsiasi comunicazione – sostiene Bateson – contiene una relazione [il messaggio esplicito] ed un comando [tono]. Mentre la relazione fornisce informazioni su uno stato di cose, il comando istruisce il ricevitore ad adottare un atteggiamento particolare verso la relazione, rispondendo ad essa in un certo modo. L’elemento di comando del messaggio è una metacomunicazione attiva nel contesto del messaggio.
Metacomunicazione falsata – Segnali contraddittori e ingannevoli
La metacomunicazione viene falsata dai media quando un messaggio primario presente in uno spot o un videoclip viene espresso non solo per vendere il prodotto, ma anche per influenzare gli atteggiamenti e le credenze dello spettatore.
Daniel Lerner, ex agente della OSS (precursore della CIA), lo definì il ‘livello oscuro’ della guerra psicologica.
Coesistono numerosi livelli di comunicazione in film, video, spot e notizie, i quali solitamente non vengono avvertiti a livello conscio, e questo è esattamente ciò che fa il video dei Black Eyed Peas citato all’inizio dell’articolo.
La espressione ‘metacomunicazione falsata’ fu coniata dallo antropologo Richard Herskowitz, ed indica un espediente che può essere compreso – almeno in parte – prendendo ad esempio le tecniche di un comune truffatore.
Da una parte esso ti stringe la mano, ti sorride e ti dice cose carine … e dall’altra ti deruba. E’ una strategia studiata appositamente per distrarre l’attenzione del truffato dal reale scopo del truffatore, usando un linguaggio amichevole e affascinante. Dice qualcosa che sia in grado di distrarre e tranquillizzare la vittima con l’inganno, al fine di fare un’altra cosa per raggiungere l’obiettivo reale, che è quello di derubare la vittima.
Per esempio, in qualche rivista di moda ti mostrano una bellissima modella, ma di lato ti concedono di vedere attraverso una sequenza fotografica tutti i passaggi di trucco e manipolazione computerizzata, che le hanno consentito di apparire così attraente nella foto finale.
A questo punto credi di avere compreso la illusione, e ciò ti fa sentire intelligente ed orgoglioso di avere avuto accesso a informazioni da ‘insider’, sensazione che ti induce a premiare il tuo ego.
Questo processo sortisce il tipico effetto di indurre la gente a rilassarsi e abbassare la guardia, cosa che la rende maggiormente ricettiva rispetto al reale messaggio – finalizzato ad esempio a vendere qualche schifezza di cui probabilmente non si ha alcuna necessità, oppure delle idee con cui di norma non si concorderebbe. Tutto ciò ci conduce a considerare un altro strumento di manipolazione e controllo nella comunicazione, noto come ’doppio legame.’
Il doppio legame
Il doppio legame è dato dal dilemma che viene a crearsi nella psicologia di un individuo (o gruppo) esposto a due o più messaggi contraddittori, in cui l’uno nega l’altro. Tutto ciò produce una situazione per cui la risposta efficace ad uno dei due messaggi vada a contraddire il secondo messaggio, in modo tale che qualsiasi risposta la persona fornirà, sarà comunque parzialmente sbagliata. In questo modo la persona non può affrontare il dilemma intrinseco, quindi non può commentare il conflitto, né risolverlo, né accantonarlo.
La metacomunicazione falsata agisce proprio in questo modo.
Basta capire che si tratta di comunicazione a più livelli, una miscela di informazioni veritiere ed informazioni false diramate al fine di distrarre dal vero messaggio o scopo, e anche al fine di poter negare – al bisogno – quale sia il reale obiettivo del messaggio. Sembra una roba davvero schizofrenica, vero? Ebbene, lo sembra perché lo è.  Leggiamo Richard Herskowitz:
“Tale sistema schizofrenico (doppi vincoli e metacomunicazione falsata utilizzati nella comunicazione di massa), mette quindi a nudo le sue finalità di sfruttamento delle sue vittime attraverso la partecipazione alla loro stessa oppressione. Il modo in cui viene incoraggiato lo spettatore a partecipare allo inganno dei mass media consiste in una (falsa) democratizzazione del rapporto di sfruttamento.”
La doppiezza del videoclip di Imma Be
Secondo il dizionario, la doppiezza è una “ambivalenza contraddittoria di pensiero, parola o azione, ed in particolare: l’occultamento delle proprie autentiche intenzioni attraverso parole o azioni ingannevoli.”
Per cui, si dice una cosa e contemporaneamente se ne fa un’altra, intenzionalmente, con lo intento di ingannare. Così, tenendo bene a mente la definizione di doppiezza, diamo un’occhiata ai messaggi presenti a diversi livelli di comunicazione nel video dei Black Eyed Peas.
Un primo livello comunica allo spettatore (vittima) un finto messaggio amichevole e conciliante, allo scopo di tranquillizzarlo. Nel video esaminato, il messaggio finto e ingannevole concerne il fatto che sia sbagliato sostituire le persone con le macchine e che, quindi, ‘noi non siamo robot.’ Tale concetto iniziale comunica allo spettatore un messaggio amichevole, conciliante, tranquillizzante. Come un truffatore che disarmi la propria vittima con un atteggiamento ruffiano.
Tuttavia a quel punto ecco Will.I.Am (rapper, fondatore e produttore dei Black Eyed Peas – n.d.t.) che afferma quanto meravigliosamente la sintesi vocale (tecnologia) stia sostituendo gli esseri umani nelle performance canore. Ecco il messaggiocontraddittorio usato per dissimulare le reali intenzioni = doppiezza.
Un secondo livello comporta una ulteriore rassicurazione,cioè che la vicenda narrata nel video sia solo una fiction. Tutto ciò mediante una ’cornice’ narrativa che racchiude la storia del video – e che dimostra come gli eventi descritti raffigurino solo un sogno nella vita ‘reale’ dei Black Eyed Peas.
Questo metodo è stato progettato per fornire alla vittima un livello aggiuntivo di comfort (ricordate il primo strato) ed una spinta a ricompensare il proprio ego, attraverso la illusione di ‘partecipare’ al gioco. Anche tale espediente serve a fare abbassare ancora di più le difese intellettuali dello spettatore.
Tuttavia lo strato più importante della comunicazione in questo video è rappresentato dalla storia stessa, la quale viene definita (falsamente) “… solo un sogno o una fantasia”, il che dovrebbe implicare che essa non costituisca il reale messaggio della comunicazione. Ma in realtà è vero il contrario.
Questa sequenza onirica mostra molto chiaramente quale sia il vero messaggio di questa storia. Ecco cosa ci descrive:
Gli esseri umani sono rappresentati come ‘rotti’, inceppati, indifesi, deboli e del tutto inferiori rispetto alle macchine. Al contrario, le macchine sono rappresentate come benevole ed impegnate ad aiutare gli umani a diventare esseri migliori … mediante la forza, cioè l’uso di armi soniche che sparando curano la condizione ‘inceppata’ degli esseri umani. Ecco un ottimo esempio di dissonanza cognitiva, ulteriore potente mezzo di guerra psicologica nei mass media.
Cognizione è il termine scientifico che definisce il processo del pensiero.
La dissonanza è uno stato di disaccordo o conflitto tra due o più elementi – cose che non stanno bene insieme. Nella musica, la dissonanza è espressa come ‘una mescolanza di note contrastanti o non risolte mediante un intervallo musicale o un accordo.’ La dissonanza suona bizzarra e inquietante per l’orecchio. Rileva che le note non suonano bene insieme.
“La dissonanza cognitiva è una sensazione di disagio causato dalla coesistenza di due idee contraddittorie. La teoria della dissonanza cognitiva prevede che poste di fronte ad una contraddizione le persone attivino una spinta motivazionale per ridurre la dissonanza, modificando i loro atteggiamenti, credenze e comportamenti al fine di giustificare e razionalizzare la situazione. Nel 1957, Leon Festinger pubblicò la sua teoria della dissonanza cognitiva, che ha rivoluzionato il modo con cui gli psicologi osservano il processo decisionale e comportamentale. Si tratta di una delle teorie più influenti e ampiamente studiate in psicologia sociale.
“La dissonanza può essere vissuta con senso di colpa, rabbia, frustrazione.”
L’aspetto importante della dissonanza cognitiva nei mass media è che quando una persona viene posta di fronte ad idee contraddittorie, nella sua psiche viene a crearsi un conflitto che solitamente nemmeno viene registrato a livello cosciente. Tuttavia viene interiorizzato e trasformato dal subconscio, il pilota automatico della psiche, allo stesso modo in cui il sistema nervoso autonomo controlla il respiro, il battito cardiaco, il battito delle ciglia, senza che si debba mai pensarlo coscientemente.
Sovraesposizione e Desensibilizzazione 
La prima volta che si guarda il film, “Saw – L’Enigmista”, ci si potrebbe sentire colpiti dalle truci scene di omicidi e torture. Ma se si guarda lo stesso film un altro centinaio di volte, dopo un pò le stesse scene colpiscono molto di meno.
Quando durante un lungo periodo di tempo siamo esposti ad immagini di violenza, pornografia o idee che le combinino (dissonanza cognitiva) finisce chegradualmente diventiamo insensibili a tali concetti, e ciò ci induce a smettere di reagire alla loro vista con forza e decisione.
Questo processo può essere paragonato alle scottature dolorose che la gente si procura restando esposta al sole troppo a lungo – sovraesposizione – durante la prima giornata in spiaggia. Tuttavia, dopo essere stati esposti ai raggi solari per tutta l’estate, la pelle diventa insensibile o comunque condizionata ad accogliere la radiazione UV, assorbendone dosi minori, in modo coerente, e per un periodo di tempo più lungo. Pertanto, la reazione forte (scottatura) sperimentata la prima volta smette di verificarsi.
Allo stesso modo, piccole reazioni allergiche possono aiutare le persone ad evitare reazioni allergiche gravi, dunque la medicina desensibilizza i loro organismi somministrando loro piccole dosi di allergene, per un periodo di tempo più lungo.
Nel caso della desensibilizzazione delle nostre menti attraverso i mezzi di comunicazione di massa, invece, non vi è nulla di buono o utile circa il modo in cui vengono sistematicamente e gradualmente indotte ad accettare una serie di idee distruttive e pericolose. Le idee transumanistiche costituiscono un esempio di questo sistema, in quanto ci presentano esseri umani sempre più simili a robot e robot sempre più simili ad esseri umani.
La Fine del Principio
Per cui – tornando al video dei Black Eyed Peas –  il messaggio che passa è che gli attuali esseri umani non siano abbastanza evoluti per essere coinvolti nelle idee transumanistiche, e che abbiano bisogno di essere modificati attraverso dispositivi tecnologici e riprogrammati con idee radicalmente nuove, al fine di diventare ‘migliori’, anche se tale processo dovrà esser loro imposto contro la loro stessa volontà.
Peccato che tali idee siano pericolosamente malsane e perseguano la completadisumanizzazione della nostra specie, oltre ad essere una visione molto disturbante del futuro della umanità.
Mi auguro che questa introduzione alle tecniche di guerra psicologica possa aiutare a capire meglio i metodi ingannevoli utilizzati dai mezzi di comunicazione di massa per convincerci a modificare i nostri atteggiamenti, e che possa rendere più agevole scorgere il vero scopo e significato di molte pubblicità, film e video che avremo modo di vedere in futuro.
Se stai ancora leggendo, sei un vero combattente, e ti rendo onore!
Così, a questo punto abbiamo descritto cosa sia il transumanesimo, la guerra psicologica e le tecniche che vengono usate nei media: meta-comunicazione, doppi vincoli, doppiezza, dissonanza cognitiva, sovraesposizione e desensibilizzazione – ed in che modo siano utilizzati come mezzo di persuasione occulta nei mass media. La parte difficile è finita.
Analisi del videoclip Imma Be / Rocking That Body
Il video inizia con tutti i membri dei Black Eyed Peas seduti in un ufficio ed intenti a discutere e lavorare su nuove idee. Il leader della band, Will.I.Am, è seduto di fronte il computer e sta guardando immagini di robot. È anche possibile scorgere sul tavolo il cono del cannone sonico, che anticipa gli eventi che si verificheranno nella parte “fantasy” della storia – e ci mostra come questo strano oggetto ‘fantastico’ esista invece anche nella vita ‘reale.’  Dal momento che successivamente tale oggetto si troverà nel sogno di Fergie, questo espediente delinea una falsa metacomunicazione adoperata per negare che il messaggio contenuto nel segmento onirico della storia sia solo irreale e irrealizzabile.
Will.I.Am annuncia agli altri di voler mostrar loro qualcosa di nuovo, e tira fuori una di quelle valigette high-tech in alluminio sul genere CIA. In essa – afferma – è contenuto un dispositivo di intelligenza artificiale (AI) che una volta campionata la voce riesce a cantare, rappare, parlare al posto tuo sulla base del testo digitato. Will.I.Am aggiunge che si tratta del futuro, di ciò che saranno i Peas nel 3.008 … pensiero molto ottimistico per qualcuno che abbia in programma di vivere così a lungo senza un qualche tipo di tecnologia radicale che gli consenta di restare vita per oltre mille anni. Arriveremo a questa parte in seguito.
La scena della ‘vita reale’ prosegue con un altro membro che chiede a Will se tutto ciò implicherà che egli smetterà di  rappare personalmente in studio, e Will risponde di si; non rapperà più perché la macchina lo farà al posto suo, il che se ci si pensa è molto fico.
Poi Fergie esce fuori dai gangheri e pianta una storia. ”Noi non siamo robot!” – urla – e abbandona l’ufficio fuori di  sé. Salta sulla sua gigantesca moto e si lancia a folle velocità lungo la strada. Tuttavia non arriva molto lontano, dal momento che ’tradita’ dalla sua emozione (rabbia) taglia la strada ad un grosso furgone.
Morte e risurrezione di Fergie 
Povera Fergie. Sembra che sia diventata la più simpatica vittima della strada di tutti i tempi. Ma aspetta un momento … non è più in città, dove è avvenuto lo schianto. Ora si trova nel bel mezzo del nulla, nel deserto. E questa immagine è particolarmente simbolica. La moto super-tecnologica è ben salda in piedi (e non a terra come avrebbe dovuto essere dopo un incidente), e da una posizione dominante getta la sua ombra minacciosa fino all’essere umano che giace esanime al suolo. La macchina ha ucciso l’uomo. Capito?

Significato transumanistico del titolo della canzone

In termini transumanistici, ho idea che la espressione ’Rocking That Body’ significhi modificare e migliorare il corpo umano. Migliorare la insufficiente macchina di carne umana attraverso la tecnologia avanzata, come si vede nel video.
http://www.youtube.com/watch?v=kdAj-dBNCi4

Imma Bee – Letteralmente

Molto interessante è la espressione ’Imma Be’ la quale per assonanza si avvicina parecchio ad I’m A Bee (Sono un’Ape – n.d.t.)

E’ anche vero che la espressione ‘Imma Be’ sia utilizzata gergalmente per dire ‘I’m gonna be’ (Sto diventando; sto per essere – n.d.t.).
Ma risulta piuttosto chiaro che in questo caso sia utilizzata per creare il significato letterale: ‘I’m a Bee.’
Il modo in cui questa canzone ripete molte volte la frase ‘Sono un’ape’ è significativo. Inizialmente mi ero riproposto di contarle, ma poi ho pensato che fosse troppo un lavoro da ape. Di sicuro la espressione “I’m a Bee” viene ripetuta un sacco di volte, probabilmente un centinaio in circa quattro minuti. Così, sembra abbastanza chiaro che fosse un importante concetto che volevano trasmettere.
Ad ogni modo, ecco Fergie che sembra essersi ripresa, grazie al cielo, ed inizia a cantare.

Il titolo dell’album, “The END”, è interessante, non solo per la ovvia idea di ‘fine (del mondo)’, ma anche perché è lo acronimo di ”Energy Never Dies”. Evidente riferimento al principio della reincarnazione.

Alcuni transumanisti al momento della morte usano la criogenia per fare congelare i loro corpi o le loro teste, sicuri che la tecnologia futura potrà risuscitarli.
A ciò corrisponderebbero – secondo il loro ordine di idee – i concetti di reincarnazione ed energia immortale.
Vicino al locale vi è un grande cimitero di automobili. Teniamo a mente tale particolare.
Ballando nel Cimitero 
Ecco un mezzo uomo, privo delle gambe! Tutto ciò simboleggia la disumanizzazione e la mutilazione, puro e semplice. Un robot umano.
Adesso i suoi ‘pezzi’ sono nuovamente assemblati. Notare tutte le vecchie componenti di hardware obsoleto sparse nel cimitero delle macchine.
Gli allegri robot ballano come esseri umani in mezzo ai rottami delle vecchie macchine.
I robot agiscono come esseri umani, e gli esseri umani come robot: dissonanza cognitiva. 
Il miglioramento della umanità: un robot alla voltaI Black Eyed Peas giungono poi in città, e sono diventati dei robot illuminati e migliori, più intelligenti, più veloci. Giungono dal cielo in un flash accecante di luce bianca, come stelle del mattino.
I fratelli Erkel sono esseri umani inceppati, malfunzionanti. Sono imperfetti, ed è necessario ‘aggiustarli.’
Will.I.Am è pronto a ‘rockare’ i corpi umani con la sua enorme pistola sonica. Tutti gli umani di questo video sono come macchine inceppate e rotte che devono essere ‘aggiustate.’

I concetti di stato di polizia e Nuovo Ordine Mondiale sono molto importanti in questo video. La sostituzione di coni spara-suoni ai normali fucili è molto rassicurante da guardare. Implica una combinazione del nostro senso dell’udito alle figure autoritarie (militari e polizia). Suona un pò come: ”ora ascolta questa!” Tono, autorità, pistole, obbedire.

Tuttavia i cannoni sonici sono cose benevole nel video (dissonanza cognitiva) perché ‘aggiustano’ gli esseri umani inceppati – con la forza, naturalmente. Gli umani non hanno alcuna scelta al riguardo.
Ovviamente, la scena in alto è in primo luogo una pubblicità. Tuttavia vi invito a notarequanto perfettamente la scelta del marchio si collochi nell’universo transumanistico.Voglio dire, non sono Bud Light o Beck’s … sono Tuborg! (to borg – borg è il diminutivo di cyborg, cioè cybernetic organism – n.d.t.).Tutti gli esseri umani presenti nel video (che sono inceppati e non possono andare avanti senza lo intervento del transumanesimo) amano il ‘dono’ ricevuto dai borg illuminati Black Eyed Peas. A quanto pare in questo modo si è inteso mostrare quanto inutile sia opporre resistenza al futuro. Come Will dice all’inizio del video, ‘Non si può essere progressisti ed avere paura del futuro.’
I borg Black Eyed Peas sanno cosa sia meglio per te, basta guardare le loro amorevoli, felici pistole! Hai bisogno di essere fucilato per il tuo bene, anche nella eventualità che la prospettiva non ti entusiasmi.
Poi il borg nero e cattivo, il borg bianco e buono, i borg Black Eyed Peas ed i nuovi e migliorati esseri umani  si mettono tutti a ballare felicemente. Avranno il futuro che meritano.

Anche in questa scena i robot giganti ballano come esseri umani e gli esseri umani ballano come robot. Dissonanza cognitiva che lascia una impronta profonda nella mente dello spettatore, a causa dei concetti  contrastanti mostrati.
Questi tipi di contrasti sono utilizzati costantemente dai mass media, proprio per questo motivo. Costringono lo spettatore a conciliare a livello inconscio le immagini di conflitto, razionalizzandole.
Alla fine il borg nero e cattivo soccombe. La storia in sé non mostra esplicitamente come mai sia morto così all’improvviso, sebbene la scena rappresenti – ovviamente – la precedente tecnologia inferiore (l’uomo) che muore poiché incapace di reggere il passo del futuro, soppiantata da una nuova tecnologia illuminata.
Il borg bianco e buono, i Black Eyed Peas e gli esseri umani rinnovati sono sopravvissuti perché hanno abbracciato il futuro di questa nuova “età dell’oro” del transumanesimo.
Tutto ciò non è che un tipico lieto fine forzato in stile Hollyweird, per fornire agli spettatori una illusoria sensazione di sollievo dopo l’uragano di dissonanze cognitive che li ha investiti durante la visione del video.Il bello è che la maggior parte degli spettatori probabilmente non si è neanche accorta di avere appena assistito ad una rappresentazione della estinzione della loro specie, soppiantata dagli esseri sovrumani della visione transumanistica. Il che la dice lunga su quanto potenti ed efficaci siano in realtà questi strumenti di guerra psicologica.
Conclusione
Le idee transumanistiche vengono spesso riproposte, più o meno esplicitamente dai mass media, in particolare da film, spettacoli televisivi e video musicali.

Il video Imma Be / Rocking That Body mette in scena lo aggiornamento degli esseri umani ad uno stato di semi-robotizzazione.
La ricorrenza di tali temi non può essere una banale coincidenza; si tratta piuttosto del risultato di un progetto di desensibilizzazioneri-programmazione e buon marketing vecchio stile. Ed il trend è tutt’altro che sopito.
Ed ecco la copertina del prossimo album di Christina Aguilera.

Non so voi, ma Imma Be (voglio essere – n.d.t.) un essere umano.

Visto su: LoSai

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline