Trovata molecola anti-tumore ‘Fa suicidare le cellule malate’

5 Commenti

Schermata 2013-04-10 alle 13.37.14

Il brevetto di due ricercatori precari dell’Università di Urbino

MESSA A PUNTO e brevettata a livello nazionale una tecnica che spingerà al suicidio le cellule tumorali. Un risultato che viene dall’impegno di due ricercatori precari dell’università di Urbino: Mirco Fanelli, 45enne di Falconara e Vieri Fusi, 48enne fiorentino. I due ricercatori potrebbero avere contribuito a un importante passo in avanti alla lotta ai tumori. Ma quando si parla di scoperte in laboratorio viene da chiedersi se e quando verrà l’applicazione pratica.
«Si dice spesso – spiega Mirco Fanelli – che dalla scoperta in laboratorio alla sua effettiva applicazione clinica passano molti insuccessi, anni di ricerca e, soprattutto, molte risorse».
Una situazione frustrante per voi ricercatori: arrivare alle risposte, ma fermarsi a metà dell’opera.
«Per questo motivo – risponde Fanelli – a fronte di questi risultati la ricerca si muove per trovare sponsor, pubblici e privati, e aziende farmaceutiche interessate a finanziare i nostri studi».
In cosa consiste la scoperta?
«È stata modificata chimicamente un molecola (maltolo) normalmente utilizzata come additivo alimentare, arricchendola di proprietà biologiche, modificando la vita e il comportamento delle cellule inducendole a rispondere a sollecitazioni di vario tipo. Le nuove molecole inventate (malten e maltonis) sono capaci d’indurre micro-modificazioni del genoma (il dna delle cellule) che diminuiscono la loro capacità di sopravvivenza».
Come siete arrivati a indurre al suicidio le cellule malate?
«Tutto è partito dal Laboratorio di Patologia Molecolare ‘PaoLa’ (Centro di Biotecnologie di Fano, sede distaccata dall’ateneo di Urbino) – spiega Fanelli – Il centro si occupa di modificazioni epigenetiche nel cancro. Con il gruppo di ricerca del Laboratorio di chimica supramolecolare è stato poi possibile individuare una famiglia di composti capaci di svolgere le funzioni desiderate».
Come agiscono queste molecole sulle cellule tumorali?
«Nel dettaglio – spiega Fanelli – inducono la formazione di legami non presenti tra proteine e dna».
È corretto parlare di suicidio delle cellule?
«Sì. Ovviamente siamo all’inizio e le nostre osservazioni dovranno essere confermate da altre indagini».
Quali applicazioni può avere il brevetto?
«Al momento l’attività sperimentale è diretta a investigare le potenzialità antitumorali – precisa Fusi – e nella lotta contro il cancro c’è ancora molto da scoprire».

Fonte http://rassegnastampa.unipi.it

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

5 Commenti su questo post

  1. Angela says:

    spero che combatta anche malattie come la mielofibrosi..perché per una mamma é dura essere malata.

  2. carlo pretesti says:

    beh, io invece spero che il popolo faccia una bella insurrezione , ma non come quella dei forconi, che io chiamerei delle forchette di burro, VERGOGNA! Tanti vaccini estremamente validi contro l’AIDS finiti nel water, Farmaci utilissimi contro il cancro, finiti nel dimenticatoio ed insabbiati. Vedrete che anche per questi due valenti ricercatori, ad un certo punto arriverà la telefonatina di uno dei soliti Mister Power, appartenenti all’elite sovrana e la ricerca in questione finirà anc’essa nel water in quattro e quattrotto. Uomini di scienza, fatevi furbi, ve lo dice un’intenditore ,ascoltatemi: se volete che la vostra ricerca “funzioni” a livello REALE, ingozzate prima sti squali con altrettanti soldi. Un’esempio trà tutti. Sapete come mai il nuovo vaccino genetico anti- cancro vi rimpiazzerà alla grande? ma perchè sarà studiato e personalizzato ad personam naturalmente, permettendo un guadagno delle case farmaceutiche a dir poco VERTIGINOSO. Ecco spiegato l’unico modo possibile per fare del bene all’umanità: prima regola ingozzare lo squalo, prendere o lasciare, in caso contrario vedrete morire la medicina con tutta la buona volontà dei ricercatori in buona fede, e così a morire sarà la scienza se non si adatterà una volta per tutte all’ordine costituito. Il sacrificio di una carriera o magari di una vita non vi restituirà la libertà che mai nacque in questo triste mondo e nemmeno vi permetterà di fare del bene a tanti innocenti. Avete mai visto un domatore di leoni che entra nella gabbia con le bestie a stomaco vuoto? Se volete suicidarvi fate pure, ma vi avviso: non potete cambiare il mondo , potete solo adattarvi. Eppur si move.. diceva galileo dopo aver abiurato, infatti la terra ha continuato a girare intorno al sole, malgrado quel che ne dicesse la chiesa e la gloria della storia ha baciato lui e solo lui. Percui datemi retta e fate come Vi dico, finchè siete ancora in tempo.

  3. Edoardo says:

    E ti pareva che non ci metteva la politica?
    E che Cuba sia una potenza mondiale nella ricerca scientifica . . . . ma mi faccia il favore!
    Io a Cuba ci son stato e conosco personalmente il “Centro de Inmunoensayo” citato dall’ articolo che lei pubblica.
    E’ pura propganda del regime.
    Non hanno assolutametne niente.
    Pura spazzatura e cose vecchie ed inutili.
    Ammalarsi a Cuba, se sei un cittadino comune e corrente, equivale a morire.
    E non mi venga con discorsi del tipo che é colpa del “bloqueo gringo” perché é la migliore scusa che hanno avuto i Castro per mantenere nel disastro economico a tutta una nazione.

  4. cataldo says:

    come posso rintracciare questi eroi io ciò mio padre in gravi condizioni di cancro e vorrei provare con questa cura grazie (urgente)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline