Vitamina D: Intervista al Dott. Michael F. Holick

9 Commenti

“L’Accademia Americana di Dermatologia e l’industria dei protettivi solari hanno svolto un trentennale lavaggio del cervello alla popolazione mondiale con l’incalzante messaggio che non ci si dovrebbe mai esporre alla luce solare diretta perché può causare il cancro della pelle e condurre alla morte. Le persone sono realmente molto sorprese dal nuovo messaggio che una sensibile esposizione al sole, con moderazione, è molto importante per una buona salute. Dovremmo apprezzare il sole per i suoi benefici, e non abusarne” (dr. Michael Holick)

Il dott.Andrew Saul intervista il dott.MICHAEL F. HOLICK.

Nato 60 anni fa in Jersey City, New Jersey, Michael Holick ha pubblicato il suo primo studio scientifico nel 1970. Ne sono seguiti a centinaia, ed oggi, si può dire che egli sia la principale autorità mondiale sulla vitamina D. Tuttavia il supporto del Dr. Holick a quella che lui chiama “sensibile esposizione al sole” è talmente controverso che è stato licenziato dal dipartimento di dermatologia della Boston University Medical Center. La controversia non è straniera a questa Newsletter e siamo stati pertanto felici che il Dr. Holick ci abbia concesso l’intervista che riportiamo per iscritto.

DOCTOR YOURSELF NEWS: Dr. Holick, cosa dice la ricerca sui benefici della vitamina D?
DR. MICHAEL HOLICK: Con l’aumento di vitamina D nella dieta, o tramite sensibile esposizione al sole, si può ridurre il rischio di cancro dal 30 al 50%. Abbiamo indotto il cancro al colon nei topi e li abbiamo controllati per 20 giorni. La crescita del tumore è stata significativamente ridotta semplicemente introducendo vitamina D nella dieta. C’è stata una riduzione del 40% della dimensione del tumore. E l’occasionale esposizione al sole in effetti diminuisce il rischio di melanoma. In Finlandia, fin dagli anni 60, i bambini che ricevevano 2.000 IU di vitamina D al giorno hanno ridotto il rischio di avere il diabete di tipo 1 dell’80%. Ogni tessuto e ogni cellula del nostro corpo ha un recettore per la vitamina D. Ogni tessuto e ogni cellula del nostro corpo richiede vitamina D per un funzionamento adeguato. (1.000 IU=25mcg=0,000025g)

DY NEWS: Esattamente, di quanta vitamina D e di quanto sole abbiamo bisogno?
HOLICK: C’è deficienza di vitamina D quando non si raggiungono 400 IU al giorno e non vi è esposizione al sole. Se si prendono quotidianamente 400 IU, la quantità di vitamina D può ancora essere insufficiente. Gli esseri umani necessitano di 1.000 IU al giorno, o di essere esposti al sole. Da cinque a 10 minuti, braccia e gambe, tre volte alla settimana, è sufficiente.

DY NEWS: Qual è la sua opinione sulle quantità raccomandate ufficialmente dalla US RDA/DRI?
HOLICK: Partecipavo io stesso al comitato che stabilì quelle quantità(National Academy of Sciences, Panel on Calcium and Related Nutrients, 1996-1997). Facemmo qualche progresso aumentando i limiti raccomandati. Adesso sono di 200 IU/gg per i bambini e adulti fino a 50 anni; 400 IU per gli adulti sopra i 50; e 600 IU/gg per adulti sopra i 70.

DY NEWS: Avrebbe preferito impostare limiti più alti?
HOLICK: Si. Quella volta eravamo obbligati a stabilire le raccomandazioni in base alla letteratura pubblicata prima del 1997. In base alle evidenze successive, penso che i neonati, fino ai dodici mesi, necessitino di 400 IU/gg. Il Canada ne raccomanda 400 IU di già. Poi, a partire da un anno, e per tutta la vita adulta, raccomanderei 1.000 IU/gg. Chiunque ha bisogno quotidianamente di 1.000 IU di vitamina D3.

DY NEWS: E com’è invece la situazione?
HOLICK: A Boston, il 50% degli adolescenti, ragazzi e ragazze, hanno deficienza di vitamina D. il 70% delle mamme e l’80% dei loro neonati hanno deficienza di vitamina D dalla nascita. Questi neonati non hanno riserve di vitamina D, e neanche le mamme possono darne loro.

DY NEWS: E ciò implica rachitismo?
HOLICK: Il rachitismo è solo la cima dell’iceberg della deficienza di vitamina D. Se durante l’infanzia avete deficienza di vitamina D, avrete 2,4 maggior probabilità di sviluppare il diabete di tipo 1.

DY NEWS: E per le persone di colore?
HOLICK: Il pigmento cutaneo è un filtro solare naturale. I bambini afro americani hanno bisogno di due/tre volte l’esposizione al sole normale, senza filtri, per soddisfare le loro necessità di vitamina D.

DY NEWS: Quali sono gli effetti se non ci si espone a sufficienza alla luce solare?
HOLICK: Se vivete a una latitudine più a nord di 35 gradi, avete una probabilità doppia di contrarre la sclerosi multipla. Vivere ad altitudini maggiori vuol anche dire rischio più alto per la malattia Crohn, artrite reumatoide ed elevata pressione sanguigna.

DY NEWS: Ci può fare un esempio di città con “latitudine alta”?
HOLICK: Qualsiasi posto più a Nord di Atlanta, in Georgia. (n.d.t. circa equivalente a Pantelleria).

DY NEWS: Sono stato ad Atlanta. Ad un nordista come me, appare quasi profondo sud. Lei sa che riporterò testualmente le sue parole su questo fatto…
HOLICK: Va benissimo. In qualsiasi luogo sopra i 35 o 37 gradi di latitudine, vale a dire ovunque a nord di Atlanta, Georgia, (n.d.t Pantelleria) praticamente non si può produrre vitamina D con la pelle durante l’inverno.

DY NEWS: E in estate, dobbiamo abbronzarci?
HOLICK: Non credo all’abbronzatura.

DY NEWS: Mi pare una posizione piuttosto moderata.
HOLICK: Sono stato licenziato dal mio posto di professore di Dermatologia della Boston University Medical Center perché ho sostenuto l’esposizione sensibile al sole, e ho scritto il libro “The UV Advantage.” Avevo ricoperto quel ruolo per quasi dieci anni.

DY NEWS: Chi è stato a licenziarla e perché?
HOLICK: La dott.ssa Barbara Gilchrest, BU Medical Center Chief di Dermatologia, nel febbraio del 2004. Siamo rimasti amici. Sono tuttora professore di Medicina, Fisiologia, e Biofisica, e lo sono stato per 20 anni. La dott.ssa Gilchrest ha detto, secondo quanto è stato riportato, che suggerire che la deficienza di vitamina D sia un significativo problema di salute è “debole e assurdo.” Ha anche detto che collegare la deficienza di vitamina D a malattie mediche è “scienza di second’ordine”,”scienza di cattiva qualità”. Non ha mai saputo che abbia smentito queste attribuzioni.

DY NEWS: Siete stato licenziato proprio per la vostra posizione sulla vitamina D e per nessun’altra ragione?
HOLICK: Su questo non c’è dubbio. L’Accademia Americana di Dermatologia si trova a disagio quando si tratta dell’esposizione sensibile al sole e di chiunque la raccomandi.

DY NEWS: Ci state dicendo che l’Accademia Americana di Dermatologia non crede nell’esposizione sensibile al sole?
HOLICK: Esatto. Essi credono nell’astinenza da ogni esposizione solare. Sono stati piuttosto rigidi su questo. Nel maggio 2004, tre mesi dopo il mio allontanamento, mi fu chiesto di difendermi di fronte a tutto lo staff.

DY NEWS: Com’è andata?
HOLICK: Ho ricevuto l’attenzione delle persone.

DY NEWS: Chi erano i suoi oppositori principali?
HOLICK: I “non illuminati” dermatologi dell’Accademia Americana di Dermatologia.

DY NEWS: Tuttavia sembra particolarmente difficile uccidersi con la vitamina D.
HOLICK: Vero. Una persona è arrivata a prendere 1.000.000 IU di vitamina D al giorno, oralmente, per sei mesi. Naturalmente, sviluppò i sintomi di una severa intossicazione da vitamina D.

DY NEWS: Ma è sopravvissuto per raccontare la storia?
HOLICK: Si. La terapia fu idratazione (molta acqua), e non più vitamina D o luce solare per un po’ di tempo. Si è ripreso e sta perfettamente. Il caso è stato pubblicato nel New England Journal of Medicine. (Koutkia P, Chen TC, Holick MF. Vitamin D intoxication associated with an over-the-counter supplement. N Engl J Med. 2001 Jul 5;345(1):66-7.)

DY NEWS: Quante persone sono decedute di vitamina D o di altre vitamine?
HOLICK: Non ho esperienza di nessuno che sia morto per assunzione di vitamine. In trent’anni non l’ho mai visto.

DY NEWS: E nella letteratura medica?
HOLICK: Non per quello che conosco.

DY NEWS: Quante persone prendono troppo poca vitamina D?
HOLICK: Negli USA e nel Canada, circa il 50%. Quasi un miliardo di persone, mondialmente, hanno deficienza di vitamina D. Ciò è vero anche nei climi soleggiati, perché non vi è esposizione al sole.

DY NEWS: Che consiglio vorreste dare ai nostri lettori?
HOLICK: La cosa più importante è aumentare l’assunzione di vitamina D.

DY NEWS: Quanta ne prende lei?
HOLICK: Io prendo 1.100 IU vitamina D ogni giorno.

DY NEWS: Usa creme solari?
HOLICK: Le uso, ma solo dopo una sensibile esposizione al sole.

DY NEWS: Porta il cappello?
HOLICK: Si, solo dopo una sensibile esposizione al sole.

DY NEWS: Lei è una persona coerente. Come possiamo concludere?
HOLICK: L’Accademia Americana di Dermatologia e l’industria dei protettivi solari hanno svolto un trentennale lavaggio del cervello alla popolazione mondiale con l’incalzante messaggio che non ci si dovrebbe mai esporre alla luce solare diretta perché può causare il cancro della pelle e condurre alla morte. Le persone sono realmente molto sorprese dal nuovo messaggio che una sensibile esposizione al sole, con moderazione, è molto importante per una buona salute.
Dovremmo apprezzare il sole per i suoi benefici, e non abusarne.

Per ulteriori letture:

Holick, MF and Jenkins, M.  The UV Advantage, iBooks: New York , 2004.

Saul AW. Vitamin D: Deficiency, Diversity and Dosage. Journal of Orthomolecular Medicine, 2003; Vol. 18, Numbers 3 and 4, p. 194-204. Posted at http://www.doctoryourself.com/dvitamin.htm

Copyright 2005 and previous years by Andrew W. Saul. Reprinted with permission of the author. Dr. Saul is Assistant Editor of the Journal of Orthomolecular Medicine, and is the author of the books “Doctor Yourself: Natural Healing that Works” and “Fire Your Doctor! How to be Independently Healthy.” His peer-reviewed natural healing website,
http://www.doctoryourself.com , receives over 40,000 hits per day.

Copyright 2005 e anni precedenti di Andrew W. Saul. Pubblicato col permesso dell’autore. Il dott. Saul è Assistant Editor del Journal of Orthomolecular Medicine, ed è l’autore dei libri “Doctor Yourself: Natural Healing that Works” e “Fire Your Doctor! How to be Independently Healthy.” Il suo sito web di cure naturali, recensito da colleghi,
http://www.doctoryourself.com , riceve più di 40.000 visite al giorno

Tratto da http://www.disinformazione.it

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

9 Commenti su questo post

  1. Purtroppo, sia le affermazioni del Prof. Holick sia quelle dell’Accademia Americana di Dermatologia sono fondamentalmente errate: il cancro, incluso quello della pelle, può colpire esclusivamente individui con Terreno Oncologico e Dipendente Reale Rischio Congenito. Che senso ha sia consigliare (Prof Holick) sia sconsigliare (Accademia Americana di Dermatologia) l’esposizione ai raggi del sole per prevenire l’insorgenza del cancro? Infatti, non siamo nati tutti uguali e nemmeno i topi sono nati tutti uguali: Stagnaro Sergio. Not all mice are created equal! BioMedCentral Physiology, 3 December, 2009. http://www.biomedcentral.com/1472-6793/9/21/comments#384660

  2. Ivan Lugli says:

    Molto importante, grazie

  3. dove posso reperire la vitamina D senza ricorrere ai farmaci? ci sono frutta o verdure che ne contengono e in quale quantità per il mio fabbisogno giornaliero? Grazie in anticipo

  4. La vitamina d è assimilabile solo con l’sposizione al sole .

  5. Tool Flex says:

    Eccellente ma odio chi usa cavie da laboratorio quindi un grazie senza stima.

  6. Tout avec moderation, car on a besoin du soleil pour l’assimilation des vitamines D et K

  7. triptamina…. la sintesi di tutto….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline