Il Wasabi elimina le cellule cancerose, depura e scioglie il muco

6 Commenti

wasabi-paste

Il wasabi, la tipica salsa piccante giapponese, secondo un recente studio aiuta a combattere ed eliminare le cellule del cancro al pancreas. Inoltre disintossica il fegato, combatte i germi, protegge le arterie, pulisce i denti, riequilibra la flora batterica, inibisce la crescita e lo sviluppo di alcune cellule tumorali.

La Wasabia japonica, conosciuta anche come wasabi, è una pianta di origine giapponese dalla cui radice si ottiene una pasta verde dal sapore particolarmente piccante, usata nella cucina tipica giapponese, spesso adoperata in accompagnamento a pesce crudo, sushi, tempura e sashimi. E’ conosciuta anche con il nome di “namida”, lacrima, perché, se assunta in quantità abbondanti, può indurre alla lacrimazione.

UCCIDE LE CELLULE STAMINALI DEL CANCRO RESISTENTI ALLA CHEMIOTERAPIA

Un team di ricercatori di Taiwan ha condotto uno studio, intitolato “Effect of Wasabi Component on Human Pancreatic Cancer Cells”, per capire gli effetti del wasabi nelle terapie convenzionali usate per curare il cancro al pancreas.

Il tumore al pancreas è un tumore maligno molto pericoloso, soprattutto a causa della difficoltà nel fare una diagnosi precoce. Nella maggior parte dei casi, la prognosi è infausta e la speranza di sopravvivenza è bassa, anche dopo trattamenti aggressivi. Il pancreas è un organo estremamente importante ma poco conosciuto perché sino a pochi anni fa, era difficile vederlo attraverso i normali esami clinici.

È stato dimostrato che le cellule staminali tumorali (CSC) sono fattori determinanti per la resistenza al trattamento con le cure convenzionali e sono presenti in metastasi di molti tipi di tumori maligni, compreso il cancro pancreatico. Mentre la chemioterapia , la radioterapia e la chirurgia spesso rimuovono apparentemente un tumore, la popolazione di cellule staminali del cancro può continuare a persistere e, nel caso della chemioterapia e di trattamenti con radiazioni, può effettivamente aumentare di numero. Questo spiega perché molti tumori ritornano con caratteristiche più aggressive, dopo essere stati apparentemente debellati.

Il nuovo studio ha trovato che due composti del wasabi sono in grado di ridurre la popolazione CSC e l’espressione di una molecola di segnalazione chiave nota come SOX2, che è un fattore di trascrizione essenziale per l’auto-rinnovamento e la capacità delle cellule di differenziarsi in altri tipi di cellule. Il wasabi ha dimostrato di avere un effetto molto importante contro le cellule tumorali pancreatiche umane.

LE PROPRIETA’ DEL WASABI SONO MOLTE

Anticancerogeno. Il Wasabi è ricco di precursori di sostanze fitochimiche chiamate isotiocianati. Queste sostanze chimiche, le stesse sostanze chimiche presenti nei broccoli e nei cavoli, combattono il cancro in modo naturale. Queste sostanze chimiche attivano degli enzimi nel fegato che disintossicano dagli agenti cancerogeni prima che possano danneggiare il corpo. Inoltre possono interferire con altre fasi nella formazione e diffusione delle cellule tumorali.

Antimicrobico. Il  Wasabi è anche un agente antibatterico naturale e contribuisce in tal modo a proteggere contro intossicazione alimentare, che torna utile quando stai mangiando pesce crudo. Il Wasabi può mettere fuori gioco alcune forme di Escheria Coli e Stafilococco, ed uo studio sudcoreano del 2004 condotto dalla Kangrung National University, dimostra che il wasabi può prevenire l’ulcera. Iinoltre, può anche aiutare a proteggere la salute dei denti inibendo la crescita dei batteri che si formano nel cavo orale.

Antinfiammatorio. L’infiammazione è la causa principale nella comparsa delle malattie croniche degenerative, quindi è fondamentale consumare un’ampia varietà di alimenti anti-infiammatori ogni giorno. Grazie agli effetti anti-infiammatori del wasabi e la sua capacità di inibire l’aggregazione delle piastrine del sangue (che potrebbe portare alla formazione di pericolosi coaguli), questa radice di origine asiatica offre una protezione significativa anche contro infarto e ictus.

Disintossicante. Ha potenti proprietà disintossicanti, in particolare per il fegato. Aiuta a rimuovere le sostanze tossiche immagazzinate nei tessuti grassi del fegato.

STAI ATTENTO ALL’ETICHETTA

Se al supermercato trovi un prodotto con la scritta  “wasabi” è molto probabile che non ci sia il wasabi, ma che ci sia un composto fatto di senape, rafano, e coloranti alimentari. Il vero wasabi è costoso, e non è detto neanche che si trovi nei ristoranti sushi giapponesi, anche nei migliori.
Tradizionalmente, il wasabi fresco viene grattugiato al momento al tavolo, perché il sapore, e la maggior parte dei benefici per la salute, si perdono in 15 minuti. A meno che non si aggiunge subito l’aceto o un altro acido al wasabi grattugiato per preservarli. Ecco perché oggi il wasabi viene prima congelato, poi liofilizzato e trasformato in una polvere: in questo modo non avviene la reazione chimica e si mantengono il “piccante”e i benefici.

Puoi usarlo per preparare una salsa meno piccante o per accompagnarlo ai tuoi piatti godendone così tutte le proprietà. Il pancreas è una ghiandola importantissima per il nostro corpo sia per la digestione che il metabolismo, e il cui malfunzionamento si traduce in stanchezza, sonnolenza, insonnia, difficoltà digestive e diabete. Gli zuccheri raffinati e i cibi ad alto indice glicemico sono gli alimenti che lo danneggiano. Quindi prendiamoci cura del nostro pancreas!

Wasabi in Polvere
Condimento verde e piccante

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

6 Commenti su questo post

  1. è il “cura” che mi lascia perplessa…ogni giorno esce un’alimento miracoloso che cura sto cancro. La cura è dentro di noi, e smetterla di raccontarsela e di sacrificar la vita con inutili sacrifici.

  2. Si hai ragione, la cura è dentro di noi, poi ci sono cose che ci possono aiutare a guarire ed altre che ci boigottano a noi la scelta. Titoli un po’ eccessivi 😉

  3. Si hai ragione, la cura è dentro di noi, poi ci sono cose che ci possono aiutare a guarire ed altre che ci boigottano a noi la scelta. Titoli un po’ eccessivi 😉

  4. grazie…infatti, io non dico che un’alimentazione sana non aiuti ma ormai si pubblica di tutto! 😉

  5. grazie…infatti, io non dico che un’alimentazione sana non aiuti ma ormai si pubblica di tutto! 😉

  6. Il wasabi piccante appartiene alla stessa famiglia del nostro ravanello (crocifera ad alto contenuto di isocianati), frullato e sciolto in 5 ml di salsa di soia, 45 ml di aceto di vino di riso, 15 gr di zucchero di canna, 2 ml di olio di sesamo…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline