La zuppa di 52 agli che previene l’influenza, raffreddore e mal di gola

8 Commenti

zuppa aglio

L’aglio è stato usato come una medicina per migliaia di anni ed anche oggi la scienza ne ha dimostrato enormi benefici. Tuttavia gli scienziati restano divisi sulla capacità dell’aglio di combattere raffreddori e influenza. Uno studio della Cochrane Database ha scoperto ad esempio che aumentando l’assunzione di aglio durante l’inverno si riduce la durata dei sintomi del raffreddore. Purtroppo non si può dire di più dato che non è mai stata fatta una ricerca su larga scala. Il problema è che le aziende farmaceutiche, che sono coloro che finanziano gli studi, non sono interessate a spendere enormi quantità di denaro- come farebbero con nuovi promettenti composti farmacologici – perché non c’è nulla nell’aglio che si possa brevettare e vendere con profitto.

Se si dimostrasse che l’aglio possa essere un farmaco efficace, i consumatori potrebbero semplicemente comprarlo al supermercato per 30 centesimi a bulbo o coltivarlo nel proprio giardino. Dobbiamo infatti ricordarci che l’aglio ha una lunga e orgogliosa tradizione di uso medico. Gli antichi Egizi lo consigliavano per curare 22 malattie. In un papiro del 1500 aC, gli operai che costruirono le piramidi mangiavano aglio per aumentare la loro capacità di resistenza e mantenersi sani.

Gli antichi Greci utilizzavano l’aglio per tutto dalle infezioni ai disturbi polmonari e del sangue, per curare le punture di insetti e anche nel trattamento della lebbra.
romani alimentavano i loro soldati e marinai con aglio per migliorare la loro resistenza fisica. Dioscoride, il medico personale dell’imperatore Nerone, scrisse un trattato in cinque volumi esaltando le virtù dell’aglio.

Solo nel 1858 lo scienziato francese Louis Pasteur scoprì che l’aglio uccide i batteri. Dopo aver posizionato in una capsula piena di batteri, Pasteur ha osservato che nel giro di pochi giorni si era formata attorno ad ogni spicchio di aglio una zona senza alcun batterio.
Più di recente, i ricercatori hanno portato alla luce prove che dimostrano come l’aglio può aiutarci a rimanere sani e forti.

Gli scienziati dell’Università della Florida hanno scoperto che mangiare aglio può aumentare il numero di cellule T nel sangue. Queste fanno parte dei globuli bianchi e svolgono un ruolo fondamentale nel rafforzamento nostro sistema immunitario e nel combattere i virus.
Nell’Università della California hanno osservato che l’allicina – il principio attivo dell’aglio che contribuisce all’alito cattivo – combatte efficacemente le infezioni.

L’allicina dilata i nostri vasi sanguigni migliorando il flusso di sangue e contribuendo a trattare i problemi cardiovascolari come il colesterolo alto.
Uno studio australiano di 80 pazienti pubblicato sulla rivista European Journal of Clinical Nutrition ha riferito che le diete ad alto contenuto di aglio possono ridurre la pressione alta. Ho approfondito ulteriormente dei benefici dell’aglio in altri articoli: Come ATTIVARE l’aglio per assorbirne le proprietà medicinali e L’Aglio è uno dei più potenti rimedi naturali per l’Impotenza!.

Così, armati di tutte queste buone notizie – e per evitare di passare l’inverno tra raffreddori, influenza o vomito e soprattutto per essere forti quando siamo in luoghi pubblici esposti a tanti batteri – ecco la famosa ricetta della zuppa con 52 agli che da anni viene consigliata nelle riviste di benessere e numerose persone ne hanno testimoniato l’efficacia.

Ricetta della zuppa con 52 agli

Ingredienti per 4 persone

  • 26 spicchi d’aglio con la buccia
  • 2 cucchiai di olio
  • 50 grammi di burro (o in alternativa il ghee, praticamente privo di lattosio e con meno caseina rispetto al burro)
  • 2 cipolle tritate
  • 1 e ½ cucchiaino di timo
  • 26 spicchi d’aglio senza buccia
  • 3 e ½ tazzine di brodo vegetale
  • 2 cm di zenzero tagliato a fettine
  • ½ tazza di latte di cocco (chi vuole può usare invece la panna)
  • 1 limone tagliato in 4 spicchi

Per una maggiore efficacia scegliere ingredienti biologici. Chi vuole evitare il burro può usare

Preparazione

Preriscaldare il forno a 180 gradi. Mettere 26 spicchi d’aglio con la buccia in una pirofila di vetra da forno. Aggiungere 2 cucchiai di olio d’oliva, cospargere con sale e pepe nero, mescolare. Arrotola la pirofila con la carta forno (non usare l’alluminio nel forno) e cuocere fino a quando l’aglio è dorato e tenero, ovvero circa 45 minuti. Toglila dal forno e fai raffreddare. Spremere gli agli cotti con le dita per farli uscire dalla buccia e mettili in una piccola ciotola.

Far sciogliere il burro in un pentolino a fuoco medio-alto. Aggiungere le cipolle, timo, zenzero e cuocere finché le cipolle si sono ammorbidite, circa 6 minuti. Aggiungere l’aglio arrostito e i 26 spicchi d’aglio crudo senza buccia, e cuocere per 3 minuti. Aggiungere il brodo vegetale (puoi prepararlo a parte con il brodo in polvere oppure farlo in casa facendo bollire le verdure). Coprire con un coperchio e cuocere a fuoco lento fino a quando l’aglio diventa tenero, circa 20 minuti. Frullare con un minipimer o frullatore facendo diventare la zuppa cremosa. Rimettere la zuppa nella pentola, aggiungere il latte di cocco e far a cuocere a fuoco lento. Condire con sale e pepe per insaporire. Servire in 4 ciotole, e spremere lo spicchio di limone. Per non avere problemi di alito a fine pasto bere una tisana di menta oppure masticare uno spicchio di cardamomo.

Nota. Può essere preparata anche 1 giorno prima. Coprire e conservare in frigorifero. Riscaldare a fuoco medio, mescolando ogni tanto, e servire.

Attenzione. Chi assume medicinali per la pressione, fluidificanti o altro per il sistema cardiovascolare dovrebbe consultare il proprio medico dato che l’aglio potrebbe combinarsi con i farmaci e potenziarne l’effetto.

Per approfondire sulle proprietà dell’aglio leggi anche

L’Aglio è uno dei più potenti rimedi naturali per l’Impotenza!

L’antica cura tibetana con l’Aglio che depura e guarisce

Come ATTIVARE l’aglio per assorbirne le proprietà medicinali

L'Aglio Tuttofare
1001 segreti di un ingrediente magico per la salute, la casa, la cucina
Voto medio su 1 recensioni: Buono

Copyrighted.com Registered & Protected ZL4W-1EMP-ZSIM-ZWA8

Disclaimer: Questo articolo non è destinato a fornire consigli medici, diagnosi o trattamento. Disclaimer completo Riproduzione consentita solo se l'articolo non viene modificato, includendo i link incorporati e riportando la fonte attiva. In tutti gli altri casi riproduzione vietata.
Riccardo Lautizi

Autore

Riccardo Lautizi

Dioni aka Riccardo Lautizi, ingegnere e naturopata olistico specializzato in educazione alimentare e crescita personale, si dedica alla ricerca di tutto quello che riguarda il benessere dell’uomo e alla riscoperta della conoscenza della natura e dell’universo persa in quello che viene chiamato “progresso”. Fin dall’adolescenza indaga tutti i campi della conoscenza per trovare le risposte che ci permettono di avere una vita sana, gioiosa e degna di essere vissuta. Condivide un sapere che collega le più recenti scoperte scientifiche alla conoscenza millenaria di tutte le tradizioni fornendo consigli pratici da attuare nella vita quotidiana. E' fondatore anche del portale www.non-dualita.it

Leggi anche
loading...

8 Commenti su questo post

  1. Mi Ca Mi Ca says:

    Io propongo la zuppa dei 60 peperoncini ,e’ sicuramente piu’ valida parola di MI CA

  2. Non fà per me !!!

  3. Michele H says:

    Una bella bagnacaoda piemontese ha lo stesso effetto !! 🙂

  4. Marina Bondi Marina Bondi says:

    Per chi vuole restare solo…

  5. Alice Corona Alice Corona says:

    Il miglior contraccettivo naturale, una dose equivale a 7 giorni circa..

  6. Ma Xi Bon Ma Xi Bon says:

    L’unica verità della Scienza! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inline
Inline